Pubblichiamo di seguito una nota dell’avv. Metta sulla questione dei terreni in via Tiro a Segno. Pare, infatti, che la Procura abbia messo sotto sequestro il terreno per alcune irregolarità. Ecco il documento completo.

LA PROCURA SEQUESTRA
IN VIA TIRO A SEGNO.

“Abbiamo tutte le autorizzazioni necessarie”.
Così il Sindaco Giannatempo al Consiglio Comunale, il 5 novembre scorso.
B A L L E .
Le contestai al Sindaco già il 18 novembre scorso, con un ulteriore esposto
alla Procura di Foggia.
Ieri, 9 giugno, in esecuzione di un provvedimento del PM dottor Infante,i
Vigili Urbani di Cerignola hanno sottoposto a sequestro la recinzione
realizzata su via Tiro a Segno dalla società “Il Centro” di Pasquale Alicino.
Le racconti ora alla Procura della Repubblica,il Sindaco, le sue balle sulla
esistenza di autorizzazioni,che evidentemente il Procuratore della Repubblica
ha disatteso.

^^^^^^^^^^^^^^^^^

La storia è nota.
I media se ne sono ampiamente occupati.
E’ la storia di un “Davide”,che si batte contro un “Golia”,
Antonio Novelli,un comune cittadino,contro la società del potente ingegnere
Alicino,eminenza grigia del terzo piano del nostro Comune.
Una persona a cui nulla sembra essere vietato,ma solamente  fino a quando non
incontra sulla sua strada un cittadino rigoroso ed inflessibile nella difesa
dei suoi diritti.
Meglio ancora se a questo cittadino offrono solido supporto legale avvocati di
indiscussa competenza professionale e di animo pugnace,come le colleghe Rosa
Mennuni e Loredana Lepore.
Questi colleghi,per conto del signor Novelli, contestarono la legittimità di
una serie di atti:
1)      il contratto di acquisto del terreno in via Tiro a Segno:
2)      il certificato di destinazione urbanistica;
3)      la certificazione del tecnico di parte;
4)      l’esistenza del vincolo paesaggistico,in quanto tratturo;
e altro ancora.
Tutto finì nel procedimento penale n.11188\2010 della Procura foggiana.
Insieme ai rilievi critici circa una sospetta compiacenza, pro srl Il CENTRO,
da parte del dirigente:
il solito ingegner Custode Amato.
Protetto e garantito dal “suo” Sindaco,che proclamava,fuorviando l’intero
Consiglio Comunale,che in via Tiro a Segno tutto era in regola.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Contando proprio su questo la società in oggetto ha iniziato giorni fa’ la
realizzazione di una enorme recinzione in calcestruzzo,autorizzata dall’ing.
Amato,a dispetto di quanto il cittadino Novelli e gli avvocati Mennuni e Lepore
avevano denunciato;
a dispetto del faro puntato sulla vicenda ad opera del Movimento Politico La
Cicogna.
Immediata ed efficace la risposta della Procura di Foggia.
Quando i fascicoli sono affidati a pubblici ministeri rigorosi e attenti,di
solito così succede.
I Vigili Urbani hanno,quindi,ieri dovuto,per ordine del PM,sequestrare quello
stesso manufatto che il dirigente Amato aveva illegittimamente, a parere nostro
e dei legali del Novelli,sequestrato.
Per l’ennesima volta il Sindaco è stato sbugiardato dalla realtà dei fatti.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Accolgo l’evolversi della indagine con grande soddisfazione.
Non solo perché comincia ad essere riconosciuto il buon diritto di un
cittadino coraggioso e giustamente ostinato;
ma anche e soprattutto perché questo è un eccellente segnale per tutta la
città.
E’ la prova che si può resistere in difesa dei propri diritti.
E’ la prova che esiste la maniera per ripristinare in questa città un minimo
di rispetto per la legalità e per l’eguaglianza dei cittadini dinanzi alla
pubblica amministrazione.
E’ la prova che sbagliano coloro che ritengono che nulla si possa fare contro
gli atteggiamenti spesso discutibili e compiacenti di chi ha trasformato quel
terzo piano in un vero e proprio “porto della nebbia”.

2 COMMENTI

  1. Il sindaco non dovrebbe essere solo sbuggiardato, cosa per lui insignificante visto il suo basso livello di dignità e serietà, ma sarebbe necessario da parte della magistratura un’ azione più considerevole.
    Grandissimo plauso e sostegno facciamo ai due avvocati che hanno difeso la causa del Sig. Novelli. Grande esempio di serietà e altruismo.
    Abbattiamo le corporazioni come in questo caso contro costruttori amministratori e compagnia bella.
    Queto sarebbe il sistema da parte del Sindaco di far proliferare l’economia ed aiutare i più poveri?

Comments are closed.