Il Leo Club Cerignola, sensibile al fermento culturale, artistico e musicale che si registra in città, ha inteso promuovere una manifestazione volta alla valorizzazione dei giovani talenti locali. Col patrocinio del Comune di Cerignola e della Provincia di Foggia e in collaborazione con lo Sporting Club di Cerignola, sponsorizza un evento denominato “Live Leo”, che ha per protagonisti gli artisti. Cantanti, musicisti, fotografi e quanti si ritengano sufficientemente abili nello sconfinato campo dell’arte potranno dar prova della propria abilità, iscrivendosi al triplice concorso di musica, poesia e fotografia, a partecipazione gratuita e riservata a giovani italiani di età compresa tra i 14 e i 30 anni, entro e non oltre il prossimo 20 giugno (regolamento e iscrizioni scaricabili dal sito www.leoclubcerignola.org). Non è preclusa per i più eclettici la possibilità di concorrere in ogni ambito di gara, a patto che si tratti di creazioni inedite.

“Sono davvero lieto di presentare questa manifestazione giunta alla sua seconda edizione, che darà la possibilità a tutti i giovani dai 14 ai 30 anni di poter mostrare le proprie capacità artistiche nel campo della musica, fotografia e poesia e di essere premiati da una giuria di esperti nei vari settori. Inoltre -ha dichiarato il presidente del Leo Club Cerignola, Pasquale Conte-, con il ricavato della serata avremo la possibilità di contribuire al nostro tema nazionale denominato Unileo4light, il cui obiettivo è quello di sostenere ed incentivare lo studio e la crescita professionale dei ragazzi disabili della vista che decidono di proseguire il loro percorso di studi fornendo alle Università italiane gli strumenti necessari per permettere al singolo studente di effettuare autonomamente i propri studi”.

Finalità della manifestazione in programma il prossimo 26 giugno, a aprtire dalle 20,30, nella cornice dello Sporting Club Cerignola (in via Tiro a Segno), è raccogliere fondi da destinare al progetto nazionale (“Unileo4light”) che i Leo italiani portano avanti da circa 5 anni. L’obiettivo è fornire un contributo concreto alle Università italiane nell’acquisto di materiale didattico per gli studenti non vedenti e nell’allestimento di postazioni per i disabili della vista. Ad oggi, grazie all’intervento dei Leo italiani, sono stati già raccolti 500.000 euro che hanno permesso di donare le postazioni a 30 Università, aiutando circa 900 studenti con disabilità visive, entro la fine del progetto ne saranno donate altre. Le postazioni già attive sono situate nelle Università di Bari, Bergamo, Bologna, Brescia, Cagliari, Catanzaro, Firenze, Genova, Modena e Reggio Emilia, Napoli, Padova, Palermo, Pavia, Perugia, Piemonte Orientale, Pisa, Potenza, Roma, torino, Trento, Trieste, Udine, Verona. Il 15 giugno prossimo postazioni informatiche saranno donate alle Università del Salento e di Messina, mentre il 21 giugno toccherà a Salerno. Nella passata edizione i proventi del “LiveLeo”, circa 1000,00 euro, vennero destinati ad un altro importante tema nazionale “Emergency water”, il service che mirava a creare uno stock di potabilizzatori da inviare nelle aree di emergenza. Novità di quest’anno, oltre all’inserimento della sezione dedicata agli appassionati di fotografia, sarà la degustazione a cura di un giovane chef di origini cerignolane. “Durante l’evento, grazie anche alla collaborazione di alcune aziende locali -ha annunciato il presidente-, vi sarà la possibilità di degustare gratuitamente prodotti tipici del territorio”. I vincitori saranno decretati da competenti ed esperti negli ambiti di gara. Per loro premi in palio, targhe e menzioni speciali.