Recentemente era stato sottoposto agli arresti domiciliari per i reati di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ora la locale Squadra di polizia giudiziaria ha disposto il trasferimento in carcere in esecuzione del provvedimento di sospensione della misura alternativa della detenzione domiciliare emesso dal magistrato di sorveglianza. A finire dietro le sbarre, per gravi violazioni degli obblighi imposti, Matteo Cotrufo. All’atto della notifica del provvedimento restrittivo Cotrufo, già in precedenza sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare per motivi di salute, ha dichiarato di avere dei malesseri per cui veniva fatto accuratamente visitare presso l’ospedale “San Camillo de Lellis” e successivamente accompagnato presso il carcere di Foggia.

Arrestato per violenza, maltrattamenti in famiglia e minaccia. A finire in manette, ad opera degli agenti del commissariato di Cerignola, Saverio Diliso, 32enne. All’uomo sono stati concessi i domiciliari.