Pubblichiamo di seguito una nota di Gianvito Casarella, Consigliere comunale del PdL, il quale ritiene, per i modi in cui si è svolta, surreale la discussione sulle quote rosa, condotta nell’ultimo Consiglio comunale. Ecco il documento completo.

“Surreale e sconveniente che si sia discusso per un’ora e mezza di un argomento così poco rilevante, per come si è trattato, innamorandosi delle proprie tesi”. Così, martedì durante il Consiglio comunale di Cerignola, Gianvito Casarella del Popolo della Libertà. Tema in esame, la modifica dell’articolo 21 dello Statuto comunale, ispirata dalla legge Carfagna frattanto votata alla Camera, sulla presenza delle donne nei cda aziendali. “È innegabile che Statuto e Regolamento vadano rivisti dopo 8 anni dalla loro entrata in vigore – spiega Casarella – ma per questo c’è una Commissione ad hoc”. Durante il dibattito nell’Aula Di Vittorio, i toni si erano infervorati, con accuse di razzismo ai consiglieri pidiellini Michele Allamprese e Savino Laguardia, provenienti dai banchi della minoranza. Oggetto del contendere, la proposta del capogruppo del Partito Democratico, Luigi Giurato, che chiedeva che in giunta fosse applicata la proporzione di un terzo di presenza femminile. All’ordine del giorno, già discusse in Commissione, anche le soluzioni di Loredana Lepore (La Cicogna) e Mario Distefano (Pdl) a chiedere rappresentanza garantita “ad entrambi i sessi”, senza vincoli numerici: unica differenza, l’entrata in vigore, immediata per La Cicogna, dalla prossima consiliatura per la maggioranza. Assicurare pari opportunità, per Casarella, non significa “garantire posti sicuri come fossero panda da preservare al Wwf”. “È offensivo e lesivo di democrazia e meritocrazia – ha continuato il giovane consigliere del Pdl – vincolare una scelta fiduciaria del sindaco alla carta di identità del prescelto”. Insomma, no alle corsie preferenziali: “stesso discorso potremmo applicare per i giovani, ma la composizione di queste nostre compagini in Aula testimonia come il merito e la democrazia alla lunga possano premiare”, osservava Casarella, riferendosi alla verde età di 15/18 della maggioranza. “Indugiare su questo argomento significa sottrarre tempo e spazio a discussioni assai più urgenti per Cerignola – ha concluso l’ex An – giacché in Commissione avremo modo, tempo e serenità per affrontare il discorso dell’adeguamento delle regole, secondo le esigenze maturate e palesatesi in questi anni”.

12 COMMENTI

  1. Ve t cucc gianvì!!! un fallimento totale…appoggiavi Giuliano e si è visto il risultato…eravate in 6 i consiglieri che avrebbero dovuto dettare le regole e dove siete ora? Uno stratega nato!!

  2. Casarella un fallimento politico totale.
    Vero, appoggiava e sosteneva la candidatura di Giuliano contro Giannatempo.
    Venuto meno Giuliano e vinte le elezioni da Giannatempo si schiera spudoratamente con quest’ultimo condividendo di tutto di più.
    La falsità assoluta, comunque adatto per quest’amministrazione.
    Parla di discussioni surreali e sconvenienti.
    Proprio lui giudica il tenore delle discussioni che i suoi colleghi consiglieri tengono, lui che quando si trattano argomenti di rilevanza primaria per la città, non trova di meglio da fare che smanettare sul computer che si porta sempre dietro, ma che ci fà?
    Forse aggiorna, visto quanto ci tiene, la scheda riportante quante volte si è seduto in Consiglio Comunale, quante volte a parlato in Consiglio Comunale, quante volte ha alzato la mano in Consiglio Comunale, quante volte……………………………………….in Consiglio Comunale.!!!!
    Poi si diletta nell’ autocompiacersi che la maggioranza della quale fa parte approva una sua mozione.
    Ma fatela finita che non se ne può più di tutti voi. Siete penosi e ridicoli.

  3. foto a parte che effettivamente va aggiornata, Casarella si dà da fare. Non lo conoscevo di persona, poi sono stata da lui per un problema della mia via e subito si è messo a disposizione. Ora stiamo aspettando che il problema si risolva ma certamente l’ho visto impegnato.
    Leggo di Giuliano e Giannatempo e do ragione che lui prima aveva posizioni diverse, ma che vuol dire?

  4. la cicogna svolazzante sa fare solo baccano. E nemmeno bene. Sapete ciò che vi dicono che basti sapere e lo andate ripetendo tutti come tanti automi. Poi se scendi nel dettaglio non sapete neppure di cosa parlate e non capite che fate danni quando aprite bocca

  5. CASARELLA HA DIMOSTRATO DOPO L’ELEZIONE DI GIANNATEMPO DI ESSERE IL “GIOVANE”PIU’ SQUALLIDO E SPORCO CHE ABBIAMO TRA I CONSIGLIERI,XCHE????VENDUTOOOOOOOOOOOOOOO,,,,,,LECCAPIEDIIIIIIIII,UNA POLITICA VECCHIO STILE DOVE MANGIA CHI PUO’,SI SVEGLIA OGNI TANTO POI SI RIADDORMENTA,HO SEGUITO IL CONSIGLIO IL SUO INTERVENTO RIGUARDO LE QUOTE ROSA NON SAPEVA DI NIENTE COME LUI DEL RESTO,HA DETTO LE STESSE ED IDENTICHE COSE DEGLI ALTRI GIUST K PARLE’,TANTO SOLO QUELLO PUO’FARE ORA PARLARE OGNI TANTO FARNETICANDO…CASARE’ E’ MEGLIO CHE RESTI IN PIAZZA CON 2 0 5 COKTAIL IN MANO….

    • Per favore evitiamo di trascendere nelle considerazioni, specie se di carattere personale. Vi ringraziamo per la collaborazione… Staff!!!

  6. Si, badiamo alle discussioni più urgenti…ovvero care donne, a casa a far la calza e stirarmi le mutande, che sono un “uomo” impegnato io

Comments are closed.