Ieri, giovedì 30/06/2011, il Partito Democratico di Cerignola con una delegazione di cittadini dei Rioni Pozzo Carrozza e Macello ha incontrato il Sindaco Giannatempo presso il Palazzo di Città, per parlare di alcuni problemi urgenti riguardanti le due periferie. Gli abitanti di Pozzo Carrozza hanno fatto presente al Primo cittadino la difficile situazione igienica che interessa il giardinetto di Vico Terzo Melfi, nel cuore del rione, sommerso dall’immondizia e usato spesso come vera e propria discarica a cielo aperto. Il quartiere, inoltre, vive oramai da anni con il problema degli allagamenti che si ripresenta ad ogni pioggia e che solo in parte sono diminuiti con la realizzazione della fogna bianca; i cittadini del quartiere hanno fatto rilevare al Sindaco come gli allagamenti siano perlopiù causati dalla mancata manutenzione dei tombini che intasandosi fanno salire il livello delle acque reflue.

A questo già difficile quadro, ai limiti della decenza urbana, va aggiunto il dissesto di strade e marciapiedi, oramai praticamente inesistenti, sul quale da anni non si compiono interventi nonostante gli abitanti abbiano pagato e paghino gli oneri di urbanizzazione. Altri, ma sempre motivo di grandissimo disagio, i problemi del Rione Macello, sprovvisto di opportuna toponomastica e costretto a vivere quotidianamente nel pericolo di una strada trafficata ed insicura come Via San Severo, ogni giorno percorsa da un gran numero di auto a grande velocità alle quali, in tempo di vendemmia, si aggiungono i camion che portano l’uva alle cantine vinicole. Più volte gli abitanti del rione hanno chiesto che fossero posizionati appostiti dissuasori per la velocità, ma la richiesta ad oggi è rimasta inevasa, come del resto inevasa è rimasta la richiesta di costruzione di una rotatoria che canalizzi il traffico all’incrocio di Via Manfredonia.

Alla fine dell’incontro il Sindaco si è impegnato ha far immediatamente pulire il giardinetto di Pozzo Carozza ed a realizzare gli interventi di piccola manutenzione necessari per migliorare le strade del quartiere mentre, per gli intereventi di grande manutenzione, ha rimandato tutto a dopo l’approvazione del bilancio e alla fine dell’iter delle alienazioni delle case di Via Milano, prevedendo la realizzazione di questi lavori non prima dell’inizio dell’2012. Lo stesso vale per il rione Macello, ai cui cittadini il sindaco ha garantito la toponomastica da subito e i dossi (come hanno chiesto i cittadini, possibilmente in mattoni) entro Settembre, mentre per la rotatoria tutto è rinviato a nuovo anno. Il Partito Democratico di Cerignola nel suo impegno per le periferie di Cerignola vigilerà a ché, quanto promesso dal Sindaco, sia realizzato e nei tempi stabiliti. Intanto oggi alle ore 20.00 il PD con l’assessore Regionale Elena Gentile, sarà presente in Via San Leonardo per presentare agli abitanti il Piano di recupero delle periferie (PIRP) finanziato dalla Regione Puglia e che prevede per la strada il rifacimento dei marciapiedi, dell’illuminazione, del manto stradale, nonché la creazione di parcheggi; una serie d’interventi che permetteranno la riqualificazione della zona, a testimonianza del grande impegno del PD e dell’assessore regionale per le periferie di Cerignola.

PD CERIGNOLA

8 COMMENTI

  1. Ma sapevate che Borgo Tressanti e’ frazione di Cerignola?
    Perche’ a Tressanti non viene mai nessuno?
    Sapevate che borgo Tressanti non ha nemmeno un dottore curante?
    Sapevate che borgo Tressanti il comune non ha fatto nemmeno una struttura per i poveri cittadini (ben oltrwe 1.000 anime)?
    I vigili urbani che cosa sono?
    I spazzini nemmeno l’ombra. Eventi estivi mai organizzati dal comune.
    vi chiedo ma l’assessore al decentramento dove sta?
    Se cliccate su google borgo Tressanti vedrete solo inceniritore, invece borgo Tressanti ha molto altro ma purtroppo chi ci amministra non vuole valorizzare il nostro territorio perche 1.000 persone non servono a vincere le votazioni pero’ noi serviamo a pagare le tasse per il svolgimento dei loro interessi.

  2. Sapete che anche Borgo Moschella e Borgo Libertà sono comunedi Cerignola? Sapete che in queste borgate non c’è uno studio medico? A Borgo Libertà c’era una farmacia che ora non c’è più, c’era una scuola che non c’è più, una posta che non c’è più. A Borgo Moschella ci sono solo le persone senza alcun tipo di servizi e i partiti politici vengono qui solo durante le votazioni… poi… torniamo ad essere cittadini di serie B. Sapete che qui da noi la Politica non c’è più? Sapete che non c’è alcun controllo per la sicurezza e ci stanno reubando tutto? Mezzi agricoli, arnesi piccoli e grandi, ci stanno portando via anche lemutande! Da noi non c’è più un sindaco, prima c’era almeno la presa in giro dell’assessore alle borgate (Mennuni, Paparella padre e poi Paparella figlio) non facevano nulla però c’erano,era come una piccola riconoscenza a noi della campagna, hanno tolto pure quella, sciocca, inutile, innocua nel bene e nel male ma simbolicamente presente. Neanche quella. Bene… tiriamo le somme… in quale borgata il prossimo inceneritore? in quale borgata il prossimo squallore, in quale borgata la prossima discarica abusiva? Nonostante ciò, nella ferma consapevolezza che i politici non ci sono, siamo convinti che la Politica c’è, esiste, la aspettiamo in un nome e un nuovo gruppo dirigente che non è di certo il PD. La politica esiste come esiste la vita. TUTTO E’ POLITICA MA LA POLITICA NON E’ TUTTO.

  3. Ho capito una cosa: non si può continuare così.
    Tutti dietro a un pc a fare confusione gratuita e spesso offensiva. Poi nessuno che si attivi dove serve.
    Chi agita gli spettri del cancro ma non ne sa assolutamente niente. Chi si finge paladino dei nostri interessi solo per fottere la maggioranza e sperare di diventarci. Noi qui a scannarci sul web.
    ma cosa facciamo davvero? niente.
    ci lamentiamo della politica, causa e risultato di tutti i mali. E allora perchè non ci candidiamo, perchè non entriamo in campo con decisione?
    Sennò stiamoci zitti. E’ facile criticare senza avere responsabilità di proporre e gestire. Sono d’accordo con l’utente sopra che dice che la politica esiste ed è dappertutto. e allora? Allora siamo noi che non ci siamo.
    1000 anime? eleggete almeno 4 consiglieri comunali, ma ve ne fregate e poi sbraitate.

    • ’art. 133, secondo comma, della Costituzione, nell’attribuire alla
      Regione il potere, con legge, di istituire «nel proprio territorio nuovi Comuni e
      modificare le loro circoscrizioni e denominazioni», prescrive di sentire «le
      popolazioni interessate», «comporta, per le Regioni a statuto ordinario,
      l’obbligo di procedere a… tal fine mediante referendum (cfr. sentenze n. 279 del
      1994, n. 107 del 1983 e n. 204 del 1981)». L’istituto referendario, infatti,
      garantisce «l’esigenza partecipativa delle popolazioni interessate» (sentenza. n.
      279 del 1994) anche per la mera modificazione delle circoscrizioni comunali
      (sentenza. n. 433 del 1995) e pertanto il legislatore regionale dispone in
      materia soltanto del potere di regolare il procedimento che conduce alla
      variazione, ed in particolare di stabilire gli eventuali criteri per la
      individuazione delle “popolazioni interessate” al procedimento referendario
      (sentenza. n. 94 del 2000).
      questo e’ cio’ che si voleva fare a tressanti ma purtroppo nel 2009 e’ cambiata la legge, non si puo’ diventare comune autonomo perche’ non si raggiunge ad un numero di abitanti per farlo (immagina che celle san vito sono 160 abitanti).
      abbiamo le mani legate.
      poi tu dici ” eleggete 4 consiglieri comunali” (anche se per me mi sa che tu tanto di politica non conosci tanto perche’ se si sapesse quale partito vincesse allora fra 4 anni dicci chi vincera’ e noi ci schieriamo con lui) se qualcuno di noi si candida e vincesse, cosa possono fare contro tanti consiglieri che buttano l’acqua nel loro mulino?
      Aspetto tue notizie e se vuoi possiamo parlare anche di persona per un confronto per dimostrare che noi di tressanti non sbraitiamo solo.

  4. candidarsi o non candidarsi l’importante è partecipare più attivamente, premere, sollecitare chi è venuto durante le elezioni a chiedere il voto oppure ripeto partecipare più attivamente nei partiti o in movimenti e liste civiche ricordando che siamo CITTADINI E NON SUDDITI a proposito
    che io sappia uno dei più suffragati e votati a borgo tressanti è uno che dei tanti che ha fortemente voluto l’inceneritore forse non tutti hanno votato con criterio e coscienza ……………..

    • purtroppo da noi a tressanti la politica non esiste, quindi se vieni tu e ci fai tante promesse noi ti votavamo, ma adesso abbiamo capito che non c’e’ da credere a nessuno.
      poi se tu proponi una cosa ad un partito di un’altro paese per interessi del tuo paese qualcuno ti ascolta?

  5. scusate l’ignoranza ma sono curioso di sapere cosa presenta il PD per via S.Leonardo. Non vi scandalizzate sono curioso perchè, in qualità di assessore ai lavori pubblici, io non so chi si è aggiudicato la gara e, pertanto, quali migliorie e/o modifiche al progetto originario sono state apportate. Le migliorie, in corso di valutazione da parte di una commisione tecnica, ad oggi, non sono ancora pubbliche.

Comments are closed.