Siamo qui a fare la conta dei danni dell’incendio divampato giovedì 14 Luglio, nei pressi del Santuario Madonna di Ripalta. Purtroppo, come spesso accade in queste situazioni, la burocrazia ha ostacolato non poco i soccorsi e gli interventi dei Canadair da Bari. I responsabili dell’Azienda Agricola Alicino raccontano terrorizzati quanto accaduto, con balle di paglia che bruciavano, e con la Polizia Municipale inerme, non per colpa loro, e i Vigili del Fuoco più esperti a tentare di domare un rogo tanto vasto. Ci raccontano alcuni soccorritori, giunti per primi sul posto, che i danni subiti dalla Azienda non sono stati di poco conto: danni che si potevano evitare se solo la burocrazia fosse più snella. Infatti, per far intervenire i mezzi di soccorso aereo è necessario un preventivo sopralluogo della Guardia Forestale. Quindi, nonostante gli innumerevoli tentativi esperiti dai Vigili del Fuoco che richiedevano al 1515 l’intervento dei Canadair, si è dovuto aspettare che arrivasse la Forestale da Accadia per dar seguito al decollo da Bari dei velivoli.  E nel frattempo l’incendio ….avanzava! Ancora da accertare la natura del rogo, ma in molti giurano che sia di natura dolosa, anche se non si esclude nessuna pista. Molto spesso la tempestività degli interventi riesce a scongiurare situazioni spiacevoli e tragici epiloghi. Mentre invece qui siamo ancora una volta costretti a raccontare come, per la lentezza delle autorizzazioni a intervenire, si siano bruciati numerosi ettari di vegetazione che potevano essere sicuramente salvati con un più tempestivo intervento. Inoltre, un ultima riflessione: ma il terzo agro italiano per estensione, possibile che non preveda, specie nei mesi estivi, un servizio di pronto intervento per gli incendi, dolosi o spontanei che siano? E la richiesta di intervento inoltrata telefonicamente dai Vigili del Fuoco a Bari, per avere dei Canadair a disposizione, possibile non abbia alcuna importanza?

1 COMMENTO

  1. Spesso si pensa che cio che si vede e frutto di negligenza di chi opera.
    Ma forse nn si conosce la normativa!
    Forse l’azienda agricola nn aveva cpi, e quindi i vvf nn conoscevano la realta dell’azienda. Forse alla forestale o a qualche altro ente nn conosce niente su quell azienda. Spero di sbagliarmi! Ma quando poi succedono queste cose ci si ricorda che esiste una normativa igieco sanitaria ambientale di sicurezza ecc! Meditate voi che scrivete. Ps: mi scuso per la sintassi verbale (verbi) ma ho una tastiera limitata!

Comments are closed.