Pubblichiamo una nota del Coordinatore di Generazione Futuro, Carlo Dercole, sulla situazione poco chiara del plesso Tamma, alla luce dei recenti roghi che hanno interessato lo stabile. Ecco il documento completo.

Generazione Futuro ha fatto passare 24 ore prima di pronunciarsi e chiedere
spiegazioni sull’ormai regolarità di incendi che colpisce lo storico pastificio
“Tamma”, sicura che la gravità e la poca trasparenza dell’accaduto avrebbe
portato questa amministrazione a pronunciarsi. Così non è stato. Mi chiedo e si
chiedono tutti i cittadini, cosa sta succedendo? Possibile che dopo anni e anni
di totale dimenticanza di quell’edificio, ora nel giro di poche settimane è
diventato oggetto di “attenzione”? E’ un avvertimento alla famiglia Tamma? Se
così fosse perchè Cerignola dovrebbe pagare le conseguenze? Questa famiglia
perchè non mette in sicurezza quell’edificio? Perchè questa amministrazione non
costringe questa famiglia a prendere dei provvedimenti? La vera opposizione a
questa amministrazione ( “La Cicogna”), grida ad una speculazione edilizia.
Personalmente non posso credere a questo, poichè queste azioni non rientrano
nell’etica di amministratori, ma nell’etica mafiosa. Sembra quasi che questo
edificio, non rientri nel perimetro cerignolano. Nessuno prende una posizione.
Nessuno parla. Eppure questo edificio è situato nel pieno centro cerignolano.
L’assessore alla sicurezza l’ha capito questo? Ha capito che rientra nelle sue
competenze? Vuole pronunciarsi sull’accaduto? Ha ben capito della gravità?
Eppure non dista molto dal suo ufficio (Il suo negozio). Qualcuno ha parlato di
silenzio imbarazzante, altri di omisssioni. Io parlo di omertà. Non siamo alle
prese con il solito atto vandalico, con un episodio di bullismo. Questi metodi,
come già detto sono ricollegabili ad atteggiamenti mafiosi e quindi bisogna
dare il giusto nome al silenzio : omertà! Non credo si tratti di speculazione,
altrimenti i mafiosi sono i nostri amministratori e pertanto credo che non si
attui alcun progetto “legale” su quell’edificio .Se poi così non fosse…..
Cerignola ed i cerignolani meritano spiegazioni. Meritano che l’amministrazione
prenda posizioni. Meritano di non essere lasciati soli

3 COMMENTI

  1. Ma Fli fino a poco fa non era in giunta con Giannatempo? Pece non poteva bussare alla porta dell’ufficio di Reddavide e chiedere spiegazioni su Tamma? Cara Fli non pensi che questa sia solo politica, la vostra, e non reale voglia di risolvere i problemi? Fatemi un elenco di tutti i luoghi come l’edificio tamma che dovrebbero essere messi in sicurezza. Fatelo ora prima che accada qualcosa…perché poi sarà solo volontà di cavalcare l’onda.
    La politica non si fa sulla scia degli eventi, ma questi si devono anticipare…ma che ve lo dico a fà..

    • ma cosa stai dicendo???????? Come si pùo prevenire un incendio?????????? Dobbiamo fare un egistro di tutti gli edifici pericolosi??? cosa hai detto???? Tutti gli edifici possono essere incendiati. boh……………………………………

      • Leggi bene. Non ho parlato di prevenzione di incendi ma di “edifici che dovrebbero essere messi in sicurezza” per richiamare ciò che è scritto nella nota:”Questa famiglia perchè non mette in sicurezza quell’edificio? Perchè questa amministrazione non costringe questa famiglia a prendere dei provvedimenti?” . Io chiedo:” C’era Pece nell’amministrazione? Pece è di Fli? Pece aveva avuto l’occhio lungo su quell’edificio? Anche se non di sua competenza perchè non ha bussato alla porta di reddavide e gli ha detto:”Caro, l’edificio tamma non è sicuro. Sono anni che sta messo male, c’ama sbrughjilè”. Oppure anche Pece, anche Fli s’è ricordata dell’edificio in seguito all’incendio? Ora state facendo populismo e retorica… poi se non capisci nemmeno i commenti, allora caro fli-ppino, ritirati dalla politica.

Comments are closed.