Il consigliere comunale in quota PdL, Domenico Carbone, fa recapitare in redazione una sua lettera aperta al ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Oggetto della missiva le misure da adottare nella manovra anti-crisi, tanto di attualità in questi ultimi giorni e al centro della discussione politica. Carbone avanza delle proposte che ritiene utili affinchè le decisioni da prendere siano condivise da tutti gli italiani.

Caro Tremonti,

in questo momento nessuno vorrebbe stare al posto suo. Eppure gli uomini di governo dimostrano di essere tali  nelle situazioni straordinarie, tant’è che di statisti ce ne sono stati sempre pochi, in tutte le Nazioni. Adottano, specie se per tempo,provvedimenti duri,impopolari ma che salvano da danni peggiori. Possono anche perdere il seggio, ma guadagnano la stima e la riconoscenza del popolo occupando un posto più stabile nella storia,nella memoria degli uomini. Ma Lei è un ministro e queste cose le sa, anzi Le chiedo scusa per averne fatto cenno. Ma torniamo a via XX settembre. In una congiuntura come quella che stiamo ormai vivendo da tre anni, servono non più pannicelli caldi, bensì interventi chirurgici che, se fatti subito, non sarebbero propriamente dissanguanti.

Prendiamo ad esempio la spesa sanitaria o meglio la spesa ospedaliera. Ebbene, dei 55 milioni di italiani, si stima che l’1% faccia ricorso a cure ospedaliere. Pochi euro, a prestazione, qualcosa di più per degenza e/o per intervento chirurgico, rapportato al reddito, ai giorni dell’anno e per il tempo necessario, così si ottiene la prima grossa provvista di soldi. La tassazione  dal 12.50 % al 20 o 25% sulle rendite finanziarie a Lei,che ha illuminate origini socialiste essendo stato il delfino di Reviglio, non dovrebbe fare orrore, anzi potrebbe procurarne ulteriormente qualora si commettesse l’errore di procrastinare un provvedimento che anche agli occhi degli interessati non appaia ingiusto o vessatorio.

E siamo al terzo passo che irriverentemente proponiamo. Questo, con quel che segue, è il caso di chi ha il coraggio e la statura da statista. Come Cancelliere dello Scacchiere, così come chiamato il Ministro dell’Economia in Inghilterra, Lei dovrebbe proporre  – e non subire – l’eliminazione delle Province che già non avevano motivo di esistere con l’ istituzione delle Regioni (40 anni fa) e non l’ hanno ancora di più oggi con il federalismo e il rafforzamento  costituzionale dei Comuni. Dimostrerebbe in questo modo di stare dalla parte degli italiani e non di chi  è contrario a tali provvedimenti ,come la Lega.

Il quarto consiglio, solo sussurrato nel labirinto di Eustachio, riguarda i costi soggettivi della Politica. Sì, perché se il mantenimento delle province e dei tanti enti inutili ancora esistenti rappresenta la spesa oggettiva, quella per il personale politico rappresenta, per un verso, una quantità enorme di risorse pubbliche destinate all’eletto, ai servizi annessi e ai mille privilegi della carica.. E’, Sig.Ministro, ciò che la gente si aspetta da tempo e che ha consegnato il Paese all’antipolitica. Proponga il dimezzamento delle prebende parlamentari, regionali, provinciali e comunali. Proponga una radicale riconsiderazione del finanziamento pubblico ai partiti. Sarebbero segnali veri di inversione di rotta,di cambiamento. Come dicevamo, gli effetti finanziari, pur rilevanti, regredirebbero rispetto al consenso e alla popolarità del provvedimento. Non si può chiedere l’argento alla patria e proteggere l’oro della corte,come prima della rivoluzione napoletana del 1799.

Sig.Ministro, non me ne voglia! Solo così può somigliare a Minghetti ,a Sonnino ,o,meglio per noi, a Luigi Einaudi.

Con stima. Domenico Carbone

2 COMMENTI

  1. embè!!!!!?????…forse voleva essere…ministro?????…intanto fa il minestrone e perdipiù con la pentola aperta…..queste sono questioni conosciute da tutti gli italiani e sono soluzioni facili da proporre…del resto è quello che fanno tutti quando sono sotto candidatura…..piuttosto incomincia dall’orticello di casa e vedrai che non ci sarà bisogno della…pentola aperta…con la solita minestra…..

  2. ..a proposito dei costi della politica, cosa ci dice circa le recenti assunzioni al Comune di Cerignola??? Ne sa qualcosa??

Comments are closed.