Ospiterà proprio Cerignola, il prossimo 26 settembre, il Vertice nazionale sulla Legalità. Il Sottosegretario di Stato del Ministero della Giustizia Sen. Giacomo Caliendo, presente in tale occasione, in una nota trasmessa al Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Foggia, Felice Piemontese, si dichiara «convinto della piena riuscita del Vertice, che assicurerà un contributo di riflessione indispensabile alla disamina di problematiche che troppo spesso si ripropongono in termini drammatici». Il Vertice sarà inoltre presieduto dal Sottosegretario di Stato all’Interno On. Alfredo Mantovano. Per Piemontese è stato importante «mettere Cerignola al centro del dibattito sul tema della legalità in Capitanata, affinché il Vertice possa essere un momento per ripartire e proseguire sulla scia di diffusione della cultura della legalità».

7 COMMENTI

  1. Questa iniziativa potrà avere successo, se coloro che partecipano al dibattito ed all’assemblea non saranno le personalità “dejà vu” con argomenti e momenti di circostanza. Il tema al centro del dibattito è molto interessante che richiede, ancora una volta una presa di posizione netta e concreta, non il solito pannicello che si “applica” in queste circostanze. La Società tutta è in una fase di decadenza ideologica a di valori, quella locale subisce e ne soffre ancora di più questa situazione, già gli amministratori sono “sordi ed impotenti” dinanzi a fenomeni inarrestabili che quotidianamente mettono in luce “ombre della nostra civiltà locale”. Quasi certamente potrà sembrare un paradosso, ma basta aprire una pagina di cronaca per appurare che alcuni nostri cittadini, per una serie imprecisata di fattori non riesce a stare lontana da fatti delinquenziali. La nostra Società è malata? Non si riesce più a trasmettere valore e rispetto? Non vuole essere solo l’assenza di una guida credibile che ci ha messo in questa condizione? La verità stà nel mezzo?

    • Caro “diritto & rovescio”,
      grazie per il tuo commento sicuramente molto costruttivo ad una migliore organizzazione del “Vertice Nazionale sulla Legalità”. Preciso solo che come azione, si tratta di uno dei punti previsti all’interno di una programmazione ben più ampia sul tema della legalità e denominata “Primavera della Legalità” ove sono presenti anche altri interventi rivolti agli studenti ed ai giovani, e non solo come partite di calcio studenti vs forze dell’ordine, dibattiti con testimoni di giustizia ecc… Credo che sicuramente anche quest’anno, lontani da morale politica o, peggio ancora partitica, il Vertice sarà un utile strumento per capire quanto sia importante la diffusione della cultura della legalità tra le nuove generazioni.
      Ad ogni modo, potrai trovare altre info sull’evento sul sito web istituzionale della Consulta: http://www.cpsfoggia.it.
      Un caro saluto.

      Felice Piemontese
      Presidente CPS Foggia

  2. Caro “diritto & rovescio”,
    grazie per il tuo commento sicuramente molto costruttivo ad una migliore organizzazione del “Vertice Nazionale sulla Legalità”. Preciso solo che come azione, si tratta di uno dei punti previsti all’interno di una programmazione ben più ampia sul tema della legalità e denominata “Primavera della Legalità” ove sono presenti anche altri interventi rivolti agli studenti ed ai giovani, e non solo come partite di calcio studenti vs forze dell’ordine, dibattiti con testimoni di giustizia ecc… Credo che sicuramente anche quest’anno, lontani da morale politica o, peggio ancora partitica, il Vertice sarà un utile strumento per capire quanto sia importante la diffusione della cultura della legalità tra le nuove generazioni.
    Ad ogni modo, potrai trovare altre info sull’evento sul sito web istituzionale della Consulta: http://www.cpsfoggia.it.
    Un caro saluto.

    Felice Piemontese
    Presidente CPS Foggia

  3. Vuoi vedere che parlando e riparlando,pubblicizzando e riproponendo questi argomenti si riesce a portare qualcuno aldiquà della barricata?Col tempo potranno dire “CERIGNOLANI? Brava gente!”.

  4. Trattando un argomento così complesso ed interessante, sarà opportuno che si confrontino anche i fatti di “cronaca cronica” che spesso si manifestano in città. Qualche giorno fa, la redazione di questa testata che “ospita” i nostri commenti o proposte ebbe ad interessarsi di una cosidetta “provocazione” minacciosa che era apparsa su un manifestino, a proposito dell’avvicinarsi della raccolta dell’uva. Tutti noi frequentatori della testata avevamo avuto una reazione “composta e democratica”, avevamo pensato che poteva essere solo un avvertimento di routine. Ebbene, qualche giorno fa nell’agro di Cerignola si sono verificati episodi ” di stampo malavitoso”, alcuni agricoltori si sono visti “tagliati i tendoni” nel loro podere, solo perchè avevano tagliato l’uva per primi. Il solo fatto che tutto questo è avvenuto “in sordina”, mostra l’omertoso comportamento di alcune categorie, rappresentanze che si fanno un baffo della legalità, della solodarietà, dello spirito di corpo e di tante altre “inutili”e “superflue” considerazioni che si possono coniare per l’occasione. L’ipocrisia risiede dietro la nostra porta!
    Un vertice nazionale che Cerignola ha il privilegio di vedere consumato nel suo territorio, dovrebbe e potrebbe fornire sinergia per una spinta che possa determinare domani il primo tassello, per conseguire insieme quella “legalità”che tanto riempire la bocca fa.

Comments are closed.