Un Cerignola tenace e mai domo riesce ad avere la meglio sul Corato, vincendo per 2-1 nella gara valevole per la terza giornata di Eccellenza. Risolve giusto al 90’ Pasquale D’arienzo in mischia, regalando tre punti davvero sudati e meritati per quanto visto in campo al cospetto di un Corato che si è dimostrata squadra quadrata e compatta ma un po’ rinunciataria una volta raggiunto il pareggio. Nessuna novità nello schieramento di partenza: confermati gli stessi uomini delle partite precedenti, con Mazzanti titolare sull’esterna di metà campo. Apre le danze subito l’Audace con una girata di Rossi Finarelli (il più pericoloso oggi e davvero un brutto cliente per i difensori ospiti) alta dopo due giri di lancette; gioco comandato dai gialloblu che sfiorano il vantaggio con Di Pinto e ancora Rossi Finarelli con due conclusioni finite di poco fuori dallo specchio. Sul finire del tempo, ancora l’attaccante prelevato dal Martinsicuro elude la marcatura del centrale avversario e calcia però su Loporchio. Fine del primo tempo: indubbiamente più intraprendente e volitivo il Cerignola, mentre il Corato si difende ed aspetta l’occasione buona.

Al 47’ padroni di casa in gol con Rossi Finarelli, il quale recupera un pallone a centrocampo, avanza e fa partire una bordata imparabile per l’estremo difensore coratino. Esce Malerba per Zonno, ed i biancoverdi si affacciano timidamente in area gialloblu con Uva il cui colpo di testa è agevolmente parato da Vurchio. Poco dopo però, il bomber molfettese si inventa una pregevolissima giocata dalla lunghissima distanza: il tiro di prima intenzione batte il portiere ofantino senza colpe nella circostanza. Il match si fa più teso e a farne le spese sono Riontino e Zaccaro espulsi dall’arbitro Roca per reciproche scorrettezze prima della battuta di un corner. L’Audace macina gioco ed opportunità con Millan (testata di poco a lato) e D’arienzo su punizione; Di Corato getta nella mischia Binetti al posto di Mazzanti per offendere ulteriormente con un esterno sgusciante. Rossi Finarelli è in credito con la fortuna quando incoccia bene un cross di Papagno con la sfera ancora una volta di un soffio fuori bersaglio. Ancora l’ariete del Cerignola si libera decentrato di un terzino e serve l’accorrente Binetti: il giovanissimo tornante non ci pensa su e gira a colpo sicuro; a dirgli di no Loporchio con un colpo di reni eccellente a centro porta. Lo sforzo profuso dalle “cicogne” viene premiato allo scadere su azione d’angolo, quando D’arienzo raccoglie il cross di Zonno mandando in fondo al sacco. Non succede altro nei cinque minuti di recupero e Cerignola che incassa altri tre punti arrivando a quota 7 in classifica assieme a Racale e Manfredonia, in attesa della gara del Monopoli impegnato col Tricase (incontro iniziato alle 17). Prossimo impegno giovedì al “Monterisi” con il ritorno di Coppa Italia col Bisceglie, invece per la quarta giornata di campionato nuovo impegno casalingo nel derby contro il Vieste.