Pubblichiamo di seguito, all’interno della nostra rubrica “Scrivo per…”, una lettera giunta in redazione da una nostra lettrice, la quale denuncia una città sporca e a tratti invivibile. Ecco il documento completo.

Non è possibile girare per le strade della nostra città e ritrovarci immersi a strade piene di sporcizia. La civiltà di alcuni cittadini è davvero raccapricciante. dopo aver consumato alimenti depositano le varie bottiglie e involucri li dove capita. ci ritroviamo puntualmente a vivere in maniera incivile. i cassonetti sempre aperti che sprigionano odori insopportabili, senza parlare dei rifiuti di vario genere che vengono depositarli accanto ai vari contenitori.insomma viviamo nella sporcizia vera e propria. mi chiedo, ma questi operatori ecologici dove sono? perchè quando si svuotano i cassonetti non li disinfettano e non raccolgono la sporcizia che si accumula intorno ad essi? perchè non spazzano più le strade e dobbiamo farlo noi cittadini che abbiamo un attività o coloro che abitano a piano terra? eppure la tassa per i rifiuti la paghiamo e pretendiamo di vivere in una città pulita.

3 COMMENTI

  1. cara compaesana, è vero! viviamo in una città dove si riscontrano puntualmente solo ed esclusivamente i lati peggiori di una città!
    la sporcizia nelle vie cittatine, (a dire la verità non solo per colpa dei netturbini, vorrei vedere se ci fosse la possibilità di licenziamento per coloro che non fanno il loro dovere, ma anche della mancanza di educazione); i rifiuti e le erbacce che contornano tutte le strade poste al di fuori della cinta cittadina, (potrebbe essere una grande fonte di reddito per le casse del comune, si multano gli sporcaccioni); l’ormai consuetudine di circolare senza cinture e senza casco, i parcheggi in seconda e terza fila delle automobili; la mancanza di servizi fondamentali per i cittadini e per i più piccoli, …………TUTTO QUESTO SUCCEDE PERCHE’ A CERIGNOLA VIGE L’ANARCHIA, NON ESISTONO REGOLE PER NESSUNO!!!!!!!
    CARO PRIMO CITTADINO, MOSTRA GLI ATTRIBUTI, APPLICA LE LEGGI VIGENTI IN ITALIA!!!!!!!

  2. Premesso che i primi a preoccuparsi e ad attivarsi per la propria città dovrebbero essere i suoi cittadini più attenti e scrupolosi (attenti e scrupolosi non solo nel condannare i vizi degli altri, ma anche nell’intervenire attivamente, pure pagando le tasse dovute, spesso ingiuste per il comportamento di tanti politici spreconi e nullafacenti), dobbiamo essere più incisivi a far sentire i nostri diritti e le nostre lamentele, con rispetto ed educazione nei confronti di tutti, anche di quelli che sbagliano.
    Personalmente assillo la Sia con continue e-mail per lamentarmi del problema del momento (cassonetti pieni, strade sporche, operatori che non fanno il loro dovere, cassonetti sempre aperti e non lavati): forse qualche volta mi ascoltano.
    Ma se tutti quelli che possono inviano ogni giorno una e-mail di richiamo e di lamentela, forse qualcosa la otteniamo.
    Ma a questo dobbiamo aggiungere il nostro impegno a tenere pulite le strade, a buttare i sacchetti, chiusi, nei cassonetti giusti, a fare la differenziata e a chiudere i cassonetti aperti (come spesso faccio). E richiamare la signora che per sforzarsi ad aprilre il cassonetto, butta il sacchetto per terra.
    Se tutti noi facciamo qualcosa, qualcosa riusciremo ad ottenerla.

Comments are closed.