Nelle ultime settimane una nuova “moda” criminale turba la serenità di diversi poveri pensionati. Dinanzi all’ufficio postale di Cerignola si stanno verificando scippi ai danni di pensionati, attuati con la tecnica dello yogurt. Tale tecnica veniva usata negli anni ’90 a Milano, per rubare pelliccie o cappotti firmati a gente “bene”. In questo caso la cosa varia leggermente e il reato si concretizza così. Si urta il malcapitato avendo tra le mani un vasetto di yogurt aperto, facendo in modo che si sporchi. Poi nel tentativo di pulirlo, lo si ripulisce anche del denaro. Tale tecnica ha poi anche diverse varianti (cioccolato, succo di frutta, ecc.). Il dato fondamentale però è uno. Nelle ultime due settimane sono stati in molti a subire questo tipo di furto, perlopiù anziani che vivono di sola pensione e che spesso non denunciano neanche l’accaduto alle forze dell’ordine. Speriamo che ancora una volta non vinca l’indifferenza.

9 COMMENTI

  1. attenzione anche alla truffa del tipo che rimane senza benzina per strada dicendoti che la sua carta di credito non va, sono stranieri, per lo più rumeni con auto di grossa cilindrata (mercedes classe E e un Opel Omega nel mio caso), targa tedesca. Ti chiedono i soldi in cambio di un anello d’oro. NON APRITE IL PORTAFOGLI, hanno l’occhio lungo e dalla macchina scende sempre e solo uno, gli altri rimangono in macchina. Mi è capitato due anni fa tra Canosa e Minervino e due giorni fa tra Canosa e Barletta, stesso modus operandi. L’utima volta gli è andata male perchè ho segnalato l’accaduto ad una volante della Polizia Stradale che era ferma al casello (e fatt u’nvom!). Al mio ritorno sulla stessa strada (ero di passaggio per lavoro) c’erano tre volanti e tutti fuori dalle auto (una mercedes classe E e una Opel Omega). Leggendo poi su internet ho scoperto che questo tipo di truffa era capitata ad alcuni automobilisti al nord qualche anno fa. Quindi ragazzi, occhio…

    • E’ vero!!! Anche a me è capitata la stessa cosa! Però no a Cerignola, ma verso Siena! Mentre viaggiavamo in auto, su un lato della strada (si trattava però di una strada comunale, niente di importante o di particolarmente vigilato dalle forze dell’ordine ma pieno di turismo straniero) troviamo una macchina abbastanza vecchia, tipo Opel, nera e con targa inglese. Parcheggiata col cofano aperto in segno di aiuto. C’era un uomo di carnagione scura, a suo dire di origine Turca ma che abita vicino Londra. In pratica, per farla breve, ci ha chiesto un po’ di soldi per fare rifornimento al benzinaio dato che la sua carta di credito non funzionava e un altro po’ stava per mettersi a piangere tant’è che era disperato. Imprecava continuamente e lodava il suo dio Allah per il destino che gli avrebbe concesso (mah!). In cambio voleva darci un anello d’oro ma una mia parente ha rifiutato il cambio credendo di fare una buona azione, dato che costui diceva di avere in auto la moglie e il bimbo piccolo. Dunque abbiamo perso 20€ immagino.

  2. Non mi stancherò mai di dirlo che a Cerignola (Fg), e non solo, deve essere applicata, anche in deroga, con estrema urgenza la PENA DI MORTE!!!!.
    Sicuramente ci sarà qualche pilrla che non sarà daccordo con me, e questo lo sarà fino a quando non gli sarà toccato il culo. Putroppo certa gente, e mi riferisco ai criminali, non ha voglia di lavorare, approfitta delle debolezze di alcuni, dell’indifferenza di molti, ed alla fine trionfano alla faccia degli stronzi e fessi come noi pecoroni.
    Perciò fra tanti scioperi, alcuni inutili, che si fanno facciamo pure quello per l’attuazione delle pena di morte, è un rischio che ne vale la pena. Meditate gente meditate…..

    • caro zazza’ primo di fare il paladino della giustizia non kiedi a qualke poliziotto cosa succede quando prendono 1 bastardo e lo portano in caserma, secondo hai sentito la notizia ke 9 mafiosi sono stati scarcerati per decorrenza dei termini , ke la giustia invece di condannare i mafiosi , stanno attaccati al culo di berlsconi per spillare soldi , allora dimmi ke possiamo fare e difenderci noi poveri mortali

  3. Caro Zazzà
    Sono d’accordo con te. Solo che la pena di morte fa un pó troglodita, sarebbe meglio lo sfinimento fisico-psicologico! ….Lasciamo stare i sogni! Avvertite i vostri cari soprattutto anziani che in giro ci sono fantomatici vecchi amici di famiglia o dei propri figli che cercano di spacciare assegni di migliaia di euro destinati ai al vecchio conoscente ma in cambio chiedono fino a 3000€ di resto!

    • Due anni fa dal balcone di casa mia (3°piano) a circa 200 mt di distanza dallo stabile, 2 criminali con lo scooter hanno scippato una donna sui 65 anni..io ero al cel e me ne sono accorto quando ho sentito un rumore fortissimo..era il rumore della testa di quella donna che sbatteva violentemente per terra trascinata da quei due..loro sono tranquillamente scappati e la signora si fece 3 mesi di ospedale. conosco il figlio di lei e non si è mai ripresa completamente..la denuncia finì tra le alte migliaia irrisolte..non ci vuole solo la pena di morte, ci vuole anche la tortura prima di essa.

  4. Come si risolve il problema degli scippi e code alla posta? obligare tutti all’accredito dello stipendio su conto corrente. Perche gli anziani da roma in su hanno l’accredito sul proprio conto corrente e quelli di cerignola invece no? come hanno imparato ad usare il cellulare cosi possono imparare ad usare un conto corrente…

  5. Speriamo che le forze dell’ordine comincino ad operare in modo più efficiente e quindi con maggior forza. invece spesso li si vede passeggiare tranquilli nelle auto o a multare per stupidagini varie persone perbene.
    Magari invece sarebbe meglio sequestrare le auto e i motocicli dei tanti pazzi scatenati che corrono ad elevatissime velocità, nel paese, col pericolo di ammazzare qualche bambino.

  6. Buone tutte le indicazioni ed i racconti ad esse collegate, ma ci rendiamo conto che anche con la tecnologia più avanzata, carta di credito, conto corrente, siamo giunti al punto di non ritorno; un anziano o anziana subiscono lo scippo di una catenina o di una borsa “vuota” o violenza “letale” in casa per pochi spiccioli: A questo punto cosa fare? Chiamiamo il 112-113-118 etc.etc.
    Non sarebbe il caso di vedere risolto l’annoso problema delle condanne “troppo garantiste?”, non c’è certezza della pena. Mentre ci si accanisce contro colui che, coloro che, quel tale, che non hanno la possibilità di potersi comportare come crede o credono, solo perchè qualcuno dal sommo pulpito ha deciso.
    Anche “il Grande Vecchio” finirà per lasciarci un giorno.
    Le Garanzie Costituzionali devono essere a tutela di ogni cittadino, nessuno escluso, mentre “Le Scuole di Pensiero” , “I Movimenti d’Opinione”, “Le Caste Intoccabili”, possono sbagliare, mettere alla gogna mediatica chiunque, sbattere in galera gente anche ingiustamente, perseguitare per anni un povero pirla, fare indagini e divulgarne contenuti e circostanze, indurti a gesti estremi per mobbing, forme e metodi di persecuzione,
    SENZA NEPPURE UN EURO DI DANNO (diretto), ma un esborso enorme di denaro per la collettività, per rifondere danni economici, ma meno che quelli morali irreversibili e permanenti. Grazie di esistere.

Comments are closed.