Lo ha disposto con un’ordinanza il Sindaco Giannatempo per consentire le necessarie verifiche tecniche sui solai dell’immobile, dopo la denuncia della presenza di crepe sui muri da parte dei genitori degli alunni.

Con una apposita ordinanza, il Sindaco Antonio Giannatempo ha disposto la chiusura della Scuola Elementare e Materna “Giuseppe Di Vittorio” per quattro giorni, da domani, mercoledì 12, a sabato 15 ottobre. La chiusura della struttura scolastica si è resa necessaria per effettuare alcuni controlli, il termine tecnico è “prove di carico”, sui solai dell’immobile. Si tratta di verifiche richieste dalla dirigenza scolastica e dai genitori degli alunni, che nei giorni scorsi avevano lamentato la presenza di crepe sui muri, tanto che ieri mattina la scuola era stata evacuata.

“Abbiamo adottato questo provvedimento al fine di tacitare qualsiasi dubbio sull’agibilità dell’edificio e per evitare inutili tensioni.- spiega Giannatempo – in realtà non vi è alcun cedimento. Interverremo per sanare la disconnessione della struttura. Nei prossimi giorni, dunque, verranno effettuate le necessarie verifiche tecniche”.

12 COMMENTI

  1. Isteria di massa generata dal binomio ignoranza-informazione televisiva! In ogni caso traddandosi dell’incolumità dei nostri figli una verifica tecnica non fa mai male!

  2. Tutto vero cosa? leggete ciò che pubblicate. Sta scritto che devono fare verifiche. Si parla di disconnessioni tra i giunti tecnici. Nessuna crepa. Sapete cosa significa?

    • Tutto vero nulla…è vero che si devono fare controlli. “La chiusura della struttura scolastica si è resa necessaria per effettuare alcuni controlli”.
      Grazie,
      Staff

  3. ignoranza-informazione televisivia???? forse non hai dei figli o nipoti nelle aule interessate dalle “semplici crepe”…. poi magari ne riparliamo!

  4. Bisogna sempre e comunque rispettare le preoccupazioni dei genitori, ricordiamoci quello che e’ successo a Barletta che e’ rimasto negli occhi e nelle coscienze di tutti

  5. invece di fare inutili commenti chiedo a tutti voi di collaborare con il giornale e mostrare le diverse scuole elementari e materne di cerignola inaggibili. io ad esempio chiedo a codesto giornale di verificare le voci sempre più pressanti che confermano il degrado l’abandono nonche la caduta di soffitto e varie crepe all’interno dell’ex ITIS di via 25 aprile. passeggiando sentivo una discussione tra un bidelo ed una mamma sulla caduta di soffitto nelle vicinanze dei bagni. tale struttura credo sia da sottoporre ad attentissima vigilanza vista la presenza di umerosi bambini.

  6. E’ STRANO IL SILENZIO DEL MOVIMENTO LA CICOGNA SU QUESTO PROBLEMA. VI IMMAGINATE COSA SAREBBE SUCCESO SE FOSSE STATO INTERESSATO UN ALTRO PLESSO SCOLASTICO. CHISSA’ QUANTE MAMME MANDATE A GRIDARE “CI AMMAZZATE I NS. FIGLI”, QUANTE PAROLE AL DIRIGENTE COLPEVOLE DI NON GARANTIRE L’INCOLUMITA’ DEI BAMBINI. INVECE NIENTE!!!!! FORSE PERCHE’ LA DIRIGENTE E’ UN PERSONAGGIO DI SPISCCO DELLA CICOGNA? IN UN OSPEDALE MORIBONDO VUOI VEDERE CHE IL MIGLIOR REPARTO E’ CARDIOLOGIA? CHE IN ASL ALLO SFASCIO IL MIGLIOR SERVIZIO E’ QUELLO DEL CONSULTORIO FAMILIARE? CHE IL MIGLIOR CORPO MILITARE E’ L’AERONAUTICA? E CHI PIU’ NE HA PIU’ NE…….METTA. MEDIATE GENTE.

  7. DI quale silenzio parli? Del silenzio della Dirigente che ha evacuato la scuola e chiesto immediato intervento dell’Amministrazione comunale? O del silenzio di una scuola chiusa fino a sabato perchè stanno effettuando le prove di carico? E secondo te la Cicogna di fronte al tempestivo intervento cosa deve fare? criticarlo?
    La sanità va male tutta, non alcuni reparti si e altri no. La cicogna ha volantinato martedì mattina. Siamo seri per cortesia.
    Il silenzio non c’è, domenica vieni al comizio.

    • Meditategente non ha ragione, ma “super-ragione”.Ha colto nel segno e se chiedi un po’ meglio a chi ci lavora in quella scuola, scoprirai che l’intervento della DS non è stato affatto così tempestivo!!!Al comizio verrà detto questo??E perchè tutti i mettiani, santi uomini e donne, non denunciano a squarciagola le storture dei loro ambienti di lavoro(asl, ospedale,ecc.) oppure anche loro stanno a guardare la pagliuzza negli occhi degli altri e non si accorgono della trave nei loro???Ma poi perdono il posto di lavoro, eh no, meglio farlo perdere agli altri.Sempre per la difesa dei cittadini:come viene trattato economicamente(e come orario di lavoro)il personale di quelle scuole non statali dove ora molti genitori hanno smistato i loro bambini?E cosa mangiano?Rifornimenti fatti e ostentati dalla scuola ad un grande supermercato di Cerignola è garanzia di qualità???Siamo alla parodìa

  8. Ha ragione l’ insegnante Infatti le persone veramente oneste e dignitose dovrebbero denunciare ii parassiti e le storture che commettono nei loro ambienti di lavoro (ospedali, asl, comune, scuole). L’obiettivo deve essere quello di annientarli come tarli. Perdono il loro posto di lavoro?
    (e con l’aria che inizia a girare lo perdono sicuramente) Possono sempre andar a raccogliere i pomodori e le olive!

Comments are closed.