Fabrizio Tatarella, coordinatore provinciale di Fli neo-confermato, traccia, in una nota stampa, il bilancio dell’attività politica del partito di Fini in provincia di Foggia e coglie l’occasione per fugare ogni dubbio circa la sua riconferma. Di seguito la nota integrale.

Abbiamo celebrato, grazie allo sforzo di tanti militanti, un congresso che si è imposto  all’attenzione di tutta la classe dirigente della Capitanata e ha dimostrato con chiarezza la centralità di Futuro e Libertà negli scenari politici presenti e futuri del nostro territorio. Questo era quanto ci interessava e quanto abbiamo ottenuto. In ogni partito c’è chi si dedica a costruirlo e radicarlo e chi, invece, preferisce la polemica sterile. Abbiamo scelto fin dall’inizio la prima strada; solo uno dei nostri iscritti ha imboccato la seconda senza aver mai praticato la prima.
Siamo soddisfatti, dopo un anno di duro e fecondo lavoro collegiale, di aver costruito dal nulla un nuovo partito e di averlo portato a un congresso regolarissimo.

Chi è rimasto costantemente  estraneo a questo lavoro tenta oggi di screditarlo, dopo aver utilizzato un corredo di firme statutariamente insufficienti, di dubbia autenticità e appartenenti a soggetti che da tempo non fanno più parte di Fli.

Non intendiamo farci trascinare in una polemica senza senso, mentre ci attendono nuovi e più importanti impegni. Il nostro primo straordinario congresso è già alle nostre spalle e siamo soddisfatti di aver calamitato l’attenzione e la partecipazione di importanti esponenti di partiti, sindacati, categorie, associazioni e istituzioni, a cominciare dal Sindaco della città capoluogo e dal Magnifico Rettore dell’Università di Foggia. Domani sarà nominato il nuovo Coordinamento provinciale e quanto prima sarà inaugurata la nostra sede. Siamo già proiettati sulle prossime elezioni amministrative, sul nuovo tesseramento per il 2012, e sul rafforzamento di Fli in tutti i Comuni della Provincia. Insomma, noi continuiamo a lavorare.

12 COMMENTI

  1. pare che anche in fli ci siano gravi problemi: ci sono altri due esponenti di spicco tra i quali Maneiro che avevano molti voti

  2. Aveano cosi tanti voti da non avere neanche firme necessarie per presentare candidatura. Eravamo e siamo tutti con il nostro giovane e capace coordinatore come quando ha finito di parlare i 200 presenti si sono alzati in piedi per appaludire. Più che x acclamzione eletto x standing ovation, Onore a chi ha da solo costruito un partito, noi giovani siamo fieri di lui.

  3. stefano non è cosi. c’è una fronda amplissima e il neoeletto avrà problemi. non è mai stato amato nemmeno nel precedente movimento giovanile anche a cerignola è sempre stato in minoranza. ti invito a leggere articolo su xxxxxxxx

  4. è molto amato, lui ha fondato altri movimetni giovanili e alcuni consiglieri comunali sono stati da lui cresciuti che poi dopo sono rimasti nel Pdl e gli hanno voltato spalle non è colpa sua, anche Ronchi ha tradito Fini, ognuno ha i suoi Ronchi :))

  5. ha scrtitto libri, fondato movimetni giovanili, consifgliere comunale, ha fatto vincere il padre, ruocco, farina, giannatempo, gatta, è stato dietro ognuno di questi uom ini ha servito il partito, ha avuto meno di quello che ha dato, ero testimone quando Ginnatempo lo ha ringraziato pubblicamente e quando gatta ha detto adesso tocca te…poi Ginnna, Farina, Gatta, sono rimasti nel Pdl e non hanno potuto aiutarlo…lui da solo ha girato una provincia, si è guadgnato sul campo la leadership di un partito in cui nessuno credeva e che ora in tanti iniziano a guardare, qui anche grazie a lui. la vertià è che è un leader, penalizzato dal cognome, inviso per questo a pochi che invidiosi lo contestano. fatevene una ragione

Comments are closed.