Pubblichiamo di seguito una mozione del Movimento Politico la Cicogna, protocollata a nome Luigi Marinelli, ma redatta da Sandro Moccia, sulla questione dei campi di calcetto in zona Torricelli. Ecco il documento completo.

La pratica sportiva amatoriale ha riflessi positivi sulla salute pubblica e sullo sviluppo
associativo, ricreativo e sociale, soprattutto nelle nuove generazioni e lo sport è da
considerarsi un elemento essenziale di trasmissione dei valori di solidarietà, giustizia,
equità, ritengo, invece, sia compito doveroso di un’amministrazione comunale trovare le
risorse e le condizioni così da concedere la possibilità, alle associazioni, alle parrocchie e ai
privati di praticare lo sport e di utilizzare in maniera equa gli impianti sportivi di proprietà
comunale.
Oggi, inoltre, si riscontrano numerose difficoltà per lo più dovute alla mancanza di adeguati
impianti sportivi.
Il completamento della struttura sportiva ubicata in zona Torricelli (campo di calcio a 11 in
erba sintetica, campo di calcetto in erba sintetica, spogliatoi, illuminazione il tutto recintato)
andrebbe a colmare il deficit di strutture e stimolerebbe la diffusione della pratica sportiva.
E’ un’occasione da cogliere al volo e da sfruttare in maniera adeguata; un validissimo
cavallo di battaglia per un’amministrazione che intende propagandare il suo positivo
operato.
Il Sindaco dott. Antonio Giannatempo, nell’ultimo consiglio comunale, datato 20.09.2011,
ha manifestato l’intenzione di concedere la gestione e l’affidamento degli impianti sportivi
ad una sola associazione sportiva, ritenuta, a suo parere, la più idonea;
ciò significherebbe dare seguito ad una concessione già data, in passato, erroneamente e mi
riferisco all’impianto sportivo “Michele Cianci” sito in zona Fornaci il quale, anch’esso, è
off-limits per tutti !
Non conoscendo i criteri di valutazione che hanno scaturito questa scelta, sta di fatto che le
numerose associazioni sportive militanti nel settore calcio presenti sul nostro territorio,
(PGS DON BOSCO, U.S.D. SAN MATTEO, A.S.D. SPORTMANIA, STELLA
AZZURRA, UNITI PER CERIGNOLA) non sono state interpellate !
Ritengo invece che la gestione deve spettare al Comune il quale definisce le modalità d’uso,
i costi e le condizioni, deliberati per ogni anno solare;
le società sportive, le parrocchie e i privati si faranno carico della responsabilità civile
complessiva conseguente all’uso e al relativo onere economico lì dove esiste un introito,
impegnandosi, senza aggravio per l’Amministrazione Comunale, a preservare e tutelare la
destinazione principale degli impianti apportando migliorie e acquisto di eventuali
attrezzature.
E’ ovvio che lì dove sono evidenti i fini puramente sociali da parte di enti, associazioni,
parrocchie, e privati l’uso sarà totalmente gratuito.
Le tariffe orarie stabilite dal Comune, devono essere incassate direttamente dall’ente
proprietario contribuendo ad assolvere le spese di gestione, regole che un’amministrazione
dovrebbe applicare per ottenere un giusto ricavo e un buon controllo della struttura.
Detto ciò invito il Sindaco e la Giunta ad abbandonare l’idea di concedere la gestione
dell’impianto ad una sola associazione sportiva (Audace Cerignola) e di pensare ad una
collaborazione gestionale tra tutte le associazioni calcistiche della nostra Città, senza
trascurare le parrocchie e quanti operano nel sociale; ciò potrebbe essere l’inizio di una seria
cooperazione attiva per il raggiungimento di un unico obbiettivo, lo sviluppo della nostra
città sia da un punto di vista sociale che sportivo inteso a valorizzare i nostri giovani
calciatori locali utili alla nostra società calcistica prioritaria Audace Cerignola.
In conclusione, “spero”, affinchè questa amministrazione torni sui propri passi, rivalutando
con giusta cognizione di causa, poiché solo così si dimostra di operare equamente per il
bene comune della Nostra città.

11 COMMENTI

  1. Come sempre piove sul bagnato. Dopo lo sfacelo provocato dalla gestione assurda e “castrante” dei giovani audaci ed emergenti nello sport di Cerignola, dove si sono visti “personaggi inquietanti” gestire il settore giovanile del club di riferimento, con metodi “discutibili”, l’Amministrazione imperterrita si ripete ancora, fornendo ancora “l’arma” a coloro che “gestiscono” il pallone come “cosa propria”.
    Non esiste un limite al senso di vergogna?
    Il Comune con i suoi atti, tiene bordone a questi “innominati”, al solo fine di favorirne l’esistenza e la crescita, a discapito di coloro che qualcosa di utile e buono fanno per la città.
    Questa assurda roulette deve cessare!
    “Vergognatevi la faccia”. Evviva lo spor……………….! ??????????

  2. Perchè la cicogna non dice la verità, siete dei buffoni alla corte di re metta.Dobbiamo essere obbiettivi l’audace cerignola che è la società a cui vogliono affidare la gestione del campo aha un settiore giovanile bellissimo ènon ha nessuna struttura per far giocarele centinaia di giovani che appartengono allo stesso forsde sono giovani di serie b il vero motivo e che purtroppo a capo dell’audace cerignola ci sta il sig. Decosmo la cui persona non è gradita al sig. Metta.Bravi Sportmania guarda caso militante nella cicogna,stella azzurra pazzi scatenati San Matteo non esiste più la pgs a un campo a disposizione che soddisfa tutto il quartiere e forse più.Ripeto come in altre occasioni voi della cicogna se andate a comandare fate mambassa e solo quello che vi interessa siete uguali a p.d.l p.d. e compagnia bella .Metta di al tuo tenente moccia di farti portare agli allenamenti dei ragazzi di tutti i settori giovanili del Cerignola, se è onesto riconosce che lui non ha la stoffa la capacità ,e la forza di portare avanti un discorso del genere.Chiedete il campo quando vi serve e non mettete i bastonio tra le ruote solo per interesse personale metta contro decosmo e tutte le scuole calcio di Cerignola contro Losito non sierte capaci come lui fatevene una ragione.Replicate pure ma prima di farlo informateve dellea verità sono solo beghe personali. non vopgliono bene alla nostra Città.

  3. Scusate ho scordato la nuova legge Cicogna informati che sei pure ignorante in materia .Dal prossimo anno gli under che giocheranno nelle varie squadre delle categorie devono appartenere al vivaio della propria squadra non alla chiesa a pseudo scuole calcio (fanno veramente schifo come insegnano il gioco del calcio ) .

  4. Raccomandiamo agli utenti di non offendere e di moderare i termini delle proprie opinioni,non ledendo ed offendendo il lavoro altrui (di chiunque si parli e indipendentemente dalla gestione di questa o quella attività). Cerchiamo di esprimere il pensiero in maniera costruttiva,esaminando i punti critici ma non con le offese. Confidando nella vostra collaborazione, vi auguriamo buona navigazione,Staff!!!

  5. roberto hai centrato in pieno il problema…. ti do qualche numero:
    l’audace svolge attività REGIONALE per allievi(primi) e giovanissimi(secondi),
    unica a cerignola. la g.c. cerignola ha solo una squadra nei regionali.
    sportmania non svolge nessuna attività di settore giovanile ma solo scuola calcio. il san matteo è allo sfascio e fa solo attività provinciale(e devi vedere come la fa).la pgs un anno si ed uno no partecipa ai campionati quindi non garantisce continuità. le altre sono solo scuola calcio…
    è giusto dare la gestione all’audace ma è anche giusto che chi meriti usufruisca della struttura in modo tale che non diventi come il cianci.
    attualmente spero solo che la struttuta venga completata subito perchè stiamo facendo immensi sacrifici e spero che le forze politiche non si facciano la guerra ma si uniscano per sollecitare i alvori della struttura.

  6. Bravo Moccia…mi hai convinto!!!….mo’ te li diamo a te i campi di Torricelli!….va bene così? Sentir parlare uno che sputa nel piatto in cui mangia…è davvero ridicolo! Pensa a come gestisci la “tua” struttura….avuta in concessione per scopi pubblici…e utilizzata per scopi “PRIVATI”. Vergognati…almeno!

  7. MOCCIA??? sandroooooooo devi solo ringraziare il l’attuale sindaco se ora hai un posto d lavoro…medita prima d parlare…

  8. La struttuta realizzata a Torricelli è stata costruita per una sola, grande, lodevole finalità, quella SOCIALE. Tempo innnanzi ne parlò anche il Consigliere Comunale Luca Reddavide il quale proponeva di affidarla alla parrocchia in quanto vedeva in questa la realizzatrice del progetto, ripeto, SOCIALE. Cosa ha di sociale l’Audace Cerignola? Sicuramente è un’ottima società sportiva ma non sociale (nel senso pedagogico, educativo, psicologico). Quale intervento sociale potrà fare l’Audace Cerignola? Quanti bambini accoglierà al suo interno? Quante partite lascerà giocare ai ragazzi di strada che non hanno nessuna tessera? Quale attività di prevenzione potrà attuare? Quanti educatori si impegneranno in tale progetto?
    Io ritengo che occorrerebbe porre attenzione a questo, porre attenzione alle finalità primarie del progetto, ripeto e non mi stanco a scriverlo: PROGETTO SOCIALE. Luca Reddavide oggi cosa ne pensa?
    Cortesemente, quando commentiamo cerchiamo di non offendere e non ragionare con i paraocchi, cerchiamo di non accusare chi ha il coraggio di scrivere ciò che pensa. Sicuramente non siamo constretti a condividere ma democrazia vuole che si accetti il parere altrui.
    Per quanto riguarda la struttura io credo, e ne sono convinto, che è nata per una finalità e la si gestisce per un’altra completamente diversa.

  9. Cicero forse non sei informato ,presso l’impiantosportivo acquamela dove sorge la scuola calcio dell’audace arrivano anche bambini di famoiglie meno abbienti e ti posso garantire che non pagano niente e si allenano come tutti gli altri cioè bene, imparano grazie al sig. losito educazione e rispetto per gli altri .Quindi il sociale come tu dici viene già ,effettuato al contrario di alcune scuole calcio che usano sedi comunali e prendono fior di €.visto che la redazione e anche tu non volete frasi offensive che mi pare di non aver scritto non dico cosa ne penso di quella gente opportunista .Ti diro di più all’audace potrebbero fare molto di più se prenderebbero in gestione quell’impianto e sicuramente io il primo voglio che non nasca un altro voltarella ma controllare che le cose funzionino e magari creare un proggetto per i ragazzi meno fortunati però affidando l’impianto ad una società che sicuramente sapra gestire nel migliore dei modi non succederà come di consueto l’abbandono della stessa struttura e fare la fine del carapellese che ogni giorno ragazzi vandali hanno rubato tutto anche le porte .La stuttura se non hai avuto modo di vederla ti invito a farlo è di una certa importanza e ha bisogno di manutenzione ,guardiania e pulizia .Quindi una società piu grande a piu possibilità di gestirlo

  10. quali sono i campi comunali dove viene fatta scuola calcio a pagamento? chi dovrebbe vigilare? perchè nessuno denuncia?chi è attualmente assessore allo sport?

  11. Un numero di “interessati” certamente di livello o spessore? Ma questi signori che di sociale conoscono le loro tasche, tanto che in più occasioni sono stati “gli arbitri” del destino di molti ragazzi, che probabilmente in mani altrui avrebbero raggiunto il loro “traguardo”. Quanti genitori hanno pagato per poter vedere il proprio figlio in una categoria superiore? I soldi dati a qualcuno che praticava un lavoro “socialmente utile per se stesso”. Certo che in questo si mischiano “buoni e cattivi, belli e brutti, onesti e disonesti”, ma intorno a questo mondo delle palle ne girano tanti, molti ci navigano, alcuni senza titoli “accademici” come si usa dire nel mondo dell’istruzione, altri hanno surclassato “fraudolentemente” il sistema e sono riveriti per la loro destrezza di “sfilare compensi” senza nulla a pretendere (detta alla ToTò). Allora ecco apparire all’orizzonte il sociale, quello che “la mattina socializza e si associa” e cascasse il mondo è sempre là. Ma come è possibile che queste “brave” persone sono inattaccabili o qualcuno li teme? Ai posteri o al posteriore l’ardua sentenza?

Comments are closed.