Si è tenuto ieri sera il sit in organizzato dal Comitato di quartiere del rione Fornaci in collaborazione con la parrocchia di San Trifone martire, per manifestare la solidarietà in ordine al grave episodio di intimidazione di cui è stato fatto oggetto un agente in servizio al Commissariato di polizia di Cerignola. La comunità si è stretta per dire no ad ogni forma di violenza, con la lettura di passi delle Scritture, canti e preghiere: hanno partecipato alcune tra le più importanti cariche e figure istituzionali cittadine e non. Il parroco, don Claudio Barboni, ha espresso vicinanza alle famiglie colpite e ringraziando i presenti (comprese le rappresentanze politiche, sociali e delle forze dell’ordine) ha affermato che l’incontro voluto dimostra «la voglia delle persone di stare insieme e reagire per la promozione della cittadinanza e della civiltà. Vogliamo far sentire la nostra voce condannando tutte le violenze: non siamo indifferenti a ciò che è accaduto, le indagini siano efficaci. Deve esserci amicizia e collaborazione tra parti sociali e politiche per il raggiungimento del bene comune». Don Claudio ha poi preso in prestito le parole del discorso di Giovanni Paolo II (poi proiettato in chiusura del sit in), nell’omelia della storica messa celebrata nella valle dei Templi di Agrigento, nel maggio del 1993: «Gli autori di questo tremendo gesto si convertano, perché verrà il giudizio di Dio». Il parroco conclude rimarcando ancora una volta il concetto: «L’incontro doni alla città il desiderio di contribuire per il bene, la giustizia e la pace». Il sit in (simbolicamente controllato da una pattuglia della polizia davanti al cancello all’ingresso della chiesa) ha coinvolto un buon numero di partecipanti, che hanno sfidato la temperatura pungente, ma non mancando di dimostrare la loro contrarietà alla violenza e la voglia di reagire alla criminalità.

2 COMMENTI

  1. mario chi mette il tritolo non è “spicciola criminalità”………
    vuoi fare la fiaccolata xchè il sit in non ti piaceva?
    non capisco cosa intendi…….

Comments are closed.