Interviene personalmente su quanto diffuso attraverso le pagine del nostro giornale il dirigente dei servizi finanziari del Comune di Cerignola, dott. Adriano Saracino. Lo fa con una lettera inviata alla redazione de lanotiziaweb.it, in cui chiarisce i termini di quanto affermato da Franco Metta e dalla Corte dei Conti. Una replica doverosa che riportiamo integralmente di seguito.

Spett.le Redazione “lanotiziaweb.it”

“In riferimento alla vicenda apparsa sul vostro giornale e che coinvolge la mia persona, mi vedo costretto ad intervenire sulla notizia fornita dal consigliere comunale Franco Metta relativamente alla questione incentivi e tanto al fine di fornire una informazione, seppur sintetica, breve, trasparente e corretta e per tutelare la propria onestà professionale che sicuramente il predetto consigliere non può in alcun modo compromettere.

Intanto vi è da dire che l’incentivo di cui si discute è una misura prevista dalla normativa di settore vigente e dal Contratto Collettivo Nazionale per la dirigenza pubblica e pertanto nulla di discrezionale o rimesso alla decisione di questa o quell’altra amministrazione.

E’ la stesa Corte dei Conti, nella sentenza citata, che afferma e conferma tale principio normativo, ossia il diritto alla percezione di tali incentivi anche da parte della dirigenza e nello specifico del sottoscritto; si evidenzia infatti il seguente passaggio della sentenza: ”…né in questa sede si discute della norma regolamentare che correttamente consente la possibilità di attribuire un compenso incentivante in aggiunta agli istituti previsti…” “…nè tanto meno si contesta che il Dirigente non potesse partecipare alla corresponsione di detti compensi incentivanti”.

E’ di tutta evidenza pertanto che l’On. Corte non ha condiviso solamente la procedura adottata per la liquidazione rimandando ad un percorso procedurale diverso.

Ad abundantiam il Contratto Collettivo Nazionale per la Dirigenza del 22/02/2010 all’art. 20 ha previsto espressamente la possibilità di liquidazione diretta ai dirigenti di compensi previsti da specifiche disposizioni di legge.

Pertanto, rimborsato l’importo, l’Amministrazione comunale non potrà esimersi dal liquidare tali incentivi al sottoscritto secondo la procedura prevista dalla Corte dei Conti”.

dott. Adriano Saracino

29 COMMENTI

  1. vè t culch Saracin………….. che vè facenn. Sindaco cosa aspetti a togliere l’incarico da dirigente al dott. Saracino?

  2. Siamo alle solite, pur di fare battage politico si tira in mezzo di tutto e di più.
    Dovrebbe essere naturale , prima di parlare, prima di gettare fango sulle persone, informarsi ed informare per bene la gente che legge.
    Ma sappiamo qual’è lo stile Franco Metta. Si dice solo quello che serve a buttare fango.
    Ki nasc tun non mour quadr t.
    Forse un pò più di educazione e tatto caro sig Franco Metta dovrebbe averla quell’educazione e quello stile che la professoressa Metta indimenticata madre del nostro tuttologo, ha insegnato a tanti ragazzi ma evidentemente ha un pò trascurato il nostro caro Franco

  3. Caro dirigente ff dott Saracino la sentenza ci dice:
    “La gravità della colpa del Saracino, infatti, si individua in tutta la sua evidenza nell’ essersi autonomamente liquidato la complessiva somma di € 28.000, sottraendola, così indebitamente al fondo dell’amministrazione.”
    Mo vuoi vedere che ti dobbiamo chiedere scusa, sei stato condannato.

  4. Diciamola tutta caro dirigente Saracino……
    Si è autoliquidato degli incentivi attraverso una procedura scorretta.
    Lei è troppo furbo ed esperto per non conoscere l’esatta procedura con la quale si liquidano gli incentivi.
    Per quale motivo non ha seguito la procedura corretta?
    Temeva forse, che se avesse seguito l’iter corretto, non avrebbe avuto gli incentivi?
    Ha voluto aggirare qualche ostacolo?
    Eh su, vuole sempre passare per l’ingenuo della situazione, vedi questione incentivi, fatture Asia, l’operazione in derivati ecc…….ecc…….ecc…….
    Un pizzico di dignità pure lei caro dirigente!!!

  5. Ragazzi chiedamo umilmente scusa al dott. Saracino, il cervello della contabilità dell’Amministrazione comunale, per aver erroneamente autoliquidatosi, così almeno leggo, la bellezza di 28000 mila euri (na paghetta ….) e per non aver capito cosa volesse intendere nella lettera qui sopra che spiega il sistema (balordo) degli autoincentivi ma nulla aggiunge o toglie al concetto espresso da luigi. Altro che battaglie politiche caro sardella, ritengo che certi atteggiamenti (dirigenziali) debbano essere sanzionati ben oltre gli interessi legali, che oggi sono anche inferiori a quelli bancari, e proprio vero che ……. CHI MANEGGIA FESTEGGIA …… dicevano gli antichi, ecco io vorrei una risposta a questo e non il testo dell’art. 20 del CCN dei Dirigenti. GIANNATEMPO DATT’ NA MOSS!!!!!

    • come non capisci la lettera del dott. saracino? AD ABUNTANTIAM no! Ha detto tutto….ki spart ghav la megghia part

  6. Magari al concorso includono nei requisiti “nessuna condanna presso La corte dei conti”.Cosi ritornerà a fare il ragioniere.

    • Cari ragazzi io credo che con un po di umiltà le cose potrebbero andare meglio. Cosa voglio dire? Credo che molti hanno la necessita’ di ritornare sui banchi di scuola a studiare prima di commentare cose sconosciute e giudicare le persone. Caro “non sono del PD” vai a leggerti l’art. 20 e poi ne riparliamo. Perché non vi chiedete invece come mai Metta nutre un forte acredine nei confronti di Saracino? Forse perché quest’ultimo in consiglio comunale ha bacchettato adepti di Metta o perche’ ha smontato alcune illazioni del Movimento La Cicogna?

  7. Be’, sicuramente l’atteggiamento di Saracino (a fiducia) può essere legittimo, ma vedendo lo stipendio tabellare presente nel sito del Comune mi sembra che di questi tempi “aggiungersi” 28.000 euro quando non ci sono i soldi per “curare” la città appare non troppo morale. Ma ad ognuno la sua coscienza..

  8. saracino e’ la punta dell’iceberg…..e tutti gli altri dirigenti quando si liquidano? ecco perche’ il comune sta sempre scannato…..questi si dividono tutto cio’ che sta in cassa.

  9. Di saracino non mi interessa, ma una riflessione al sindaco bisogna farla: ha senso “regalare” 28000 euro a saracino (che già ne guadagna na frega) e a quelli come lui, quando a cerignola mancano i soldi per mettere panchine, alberi, servizi, pulizia, differenziata, più vigili, e tanto altro? Ha senso? O forse qui succede in piccolo (ma neanche tanto) tutto lo spreco che abbiamo visto fare nei piani alti della politica e burocrazia? Riflettiamo e per cortesia spendiamo bene i nostri soldi.

  10. Forse perché quest’ultimo in consiglio comunale ha bacchettato adepti di Metta o perche’ ha smontato alcune illazioni del Movimento La Cicogna? ma che dici se al consiglio si tiene sempre sempre e sempre alla larga.Casarella,Bombino,Metta e L. Reddavide uomini con le sfere.

  11. Penso mi complimento con te per il tuo intervento a mio giudizio il piu sensato e lo condivido in pieno.

  12. Ha perso il valore dell’umiltà pensa a casa sua e 28000 euro in più gli fanno comodo.
    Non perchè forse non li meritasse ma forse non è il momento giusto questo .

    Sindaco: In questo progetto non si poteva inserire al posto Suo un laureato disoccupato che ne abbiamo tanti nella nostra città e sono bravi???

    E poi in un momento difficile come quello che stiamo attraversando pensiamo al diriginte che ha un Signor stipendio, e non pensiamo ai disoccupati, alle cooperative sociali che non riscuotono, alle strade dissestate,etc. etc,
    Ed infine pensi pensi Sindaco a quanti ed in maniera crescente si recano a prendere il “pacco” per sfamare la propria famiglia. quanti pcchi avremmo dato in più con 28000 euro???

    E’ un atto ignobile . Lo sostituisca! Lei Sindaco lo può fare! Ci sono tanti nell’organico del Comune che possono svolgere il suo compito ! Che Vergogna! Che Vergogna!

  13. Sig. Saracino, ad abundantiam, le dico che avrebbe fatto meglio a tacere!
    Il suo intervento è fuoriluogo, al limite dell’arroganza. E’ stato condannato punto e basta! Deve restituire i soldi a noi cittadini…E abbia l’umiltà di chiedere scusa alla cittadinanza tutta! Fossi il Sindaco l’avrei, immediatamente, cacciata dal ruolo di dirigente, ma evidentemente il Sindaco è molto accomodante e “gnam gnam”.
    Questo è solo l’inizio caro Saracino, perchè, ho letto (da collega) tutte le carte sui bilanci…Si preparino i Signori SARACINO, GALLO e i CONSIGLIERI che hanno votato i debiti fuori bilancio e il TFR Asia…Iniziate a riempire di soldi spicci il porcellino di argilla….La Cortre dei Conti lenta è….ma arriva e fa male!

    • Sto leggendo pura demagogia. Molto facile giudicare gli altri. E poi caro anzianotto mi sembra che le tue minacce abbiano lo stile mettiano. E abbiamo visto come vanno a finire le denunce dello spadaccino. Vuote e infondate. L’importante è far rumore null’altro.

  14. Vi chiedo scusa se torno sull’argomento. E’ possibile che al Sig. Sindaco possano giungere le “riflessioni” di noi normali cittadini? se si, vorrei evidenziare che 28.000 euro possono rappresentare “quasi” uno stipendio lordo annuo di un impiegato/operaio che può far bene alla collettività (lavorando realmente e non autogratificandosi). Ripeto non ho nulla contro saracino, ma devono esistereregole e buon senso. Se mancano le prime, spero molto nelle seconde… Infine vorrei fare un appello: basta con le partigianerie!! dire male di qualcuno non perchè ha sbagliato (come in questo caso a mio avviso) ma perchè si fa parte di un’altra squadra significa avvilire chi invece vuol addrizzare “a destra e a sinistra” senza distinzione. Buonasera a tutti

  15. SUPPOSTE….. AD ABUNDANTIAM . Questa è la fine che faranno tutti i soldi presi per premi e liquidazioni da questi esimii Professionisti votati a DIRIGENTI pubblici ( titolo valido solo nella repubblica delle banane)!

  16. Al dott. Saracino quei soldi gli sono dovuti punto.SE ASSEGNARE QUESTI INCARICHI SIA GIUSTO o no è un’altra storia.Semplicemente non ha rispettato la fila in banca………

  17. Buongiorno,
    intanto faccio i complimenti all’ultimo intervento per lo stile (perentorio…neologisticamente quasi “comunale”..) ed i contenuti (se una gratificazione sia giusta o meno appare quasi un dettaglio insignificante..).
    Ciò detto mi sembra giusto ricordare un articolo apparso su lanotiziaweb il 14 ottobre scorso che qui inserisco:
    <>
    Mi sembra che le “gratificazioni” che i dirigenti comunali si regalano (in ossequio alle norme) siano appieno giustificati dalla “efficienza ed efficacia” di quanto svolgono…
    Intelligenti pauca…sig. Sindaco.

  18. Mi scuso ma l’articolo a cui mi riferivo non è apparso nel blog.
    Comunque è un articolo presente nella sezione politica datato 14/10/11, che fa riferimento a danni relativi a mancati introiti nelle casse comunali per errori o omissioni della amministrazione comunale. Da qui il collegamento agli incentivi dati (o presi) da dirigenti del Comune. Buongiorno.

  19. Al sig Penso : erano due righe brevi, scritte velocemente per sdrammatizzare un pò.Riguardo agli incentivi che si assegnano e si assegneranno sempre ,non saprei dirle se il dott.Saracino li abbia meritati o meno non conosco nello specifico il tipo di lavoro che è stato svolto.Il punto è un altro non ritengo giusto infangare una persona solo per un errore di procedura ,lo si può redarguire ,non distruggerlo professionalmente.Cordiali saluti

  20. Sono in accordo con lei Sig. Biancardi, infatti in alcun mio intervento getto fango nei confronti del Sig. Saracino che neanche conosco e che non aspiro a conoscere. Ciò che sottolineo è che in una epoca come questa in cui obiettivamente c’è carenza di fondi e, purtroppo, è evidente una carenza di servizi anche essenziali, forse un po’ tutti dovrebbero (e dovremmo) farci carico di rinunciare a gratificazioni (che spesso sono frutto di prassi e non di reale bravura) per far fronte comune a tutte le esigenze della collettività. Tra l’altro, mi sembra dall’art. del 14 ottobre, che gli amministratori (e dipendenti/dirigenti) del ns. comune non brillino per efficacia.
    Ricambio i cordiali saluti

  21. Invece che fare demagogia andrei alla realtà della situazione.
    Vero è che il dott. Saracino è stato condannato alla restituzione di 14.000 € per essersi autoliquidato la somma di 28.000 € totali, ponendo in essere un comportamento senza l’osservanza di un minimo di diligenza che il suo ruolo gli impone di avere, determinando un danno erariale.
    Reale è anche quanto lo stesso sostiene e cioè che restituita la somma……………………………………provvederà a richiedere la riliquidazione di quegli stessi incentivi secondo le modalità corrette, non utilizzate in precedenza.
    Reale è il fatto che il Comune di Cerignola non naviga nell’oro e che ci sono esigenze comunali da fronteggiare più importanti e più gravi rispetto a quella di corrispondere incentivi, da vedere poi fino a che punto spettanti, ai dirigenti che già guadagnano, al giorno d’oggi, uno stipendio ragguardevole.
    Ritengo quindi del tutto inopportuno il fatto che il dott. Saracino abbia inteso rispondere con lettera aperta ad una situazione di acclarata colpevolezza.
    Mi auguro che lasci nella casse comunali la somma che restituirà considerando solo un amaro sfogo la sua intenzione di riprenderseli.
    Per chi volesse leggerla, la sentenza è su internet..

  22. Ho fatto alcune ricerche e credetemi quei soldi, quegli incentivi al Saracino gli sono dovuti eccome. Aver sbagliato mi sembra che dipenda probabilmente solo da un problema regolamentare dell’Ente Comune come stigmatizza la Corte. Il dirigente in questione sicuramente potrà chiedere quelli ed altro ancora. Se fossi in lui chiederei anche un risarcimento mega a chi ha voluto ” infettare la notizia” (vedi lo spadaccino Metta). Al Comune un consiglio (da ignorante): preparate un bel gruzzolo per Saracino

  23. Ma a questo punto è lecita una domanda , se Saracino non veniva CONDANNATO alla restituzione di questo denaro preso illeggitimamente nessuno avrebbe saputo mai niente, forse non sarebbe il caso di controllare altrea autoliquidazioni retroattive? Se un semplice impiegato si fosse appropiato di un euro sarebbe stato licenziato in tronco, mò not e pouc ciam cerchè puor scous a quis.

  24. Forse non è chiaro , la corte dei conti non ha condannato il diregente alla restituzione per aver sottratto denaro illeggitimamente(quella somma gli è dovuta)lo ha condannato ha restituire il tutto perchè non ha rispettato la procedura standard per la riscossione.Furberia?Negligenza?Distrazione?Non lo so,ma da qui a dire che è un ladro ce ne passa.

  25. Perchè non prendete la sana abitudine di leggere le carte prima di prodigarvi in commenti estremamente faziosi?
    Il dott. Saracino per furberia, negligenza o distrazione si è autoliquidato 28.000 € e la Corte dei Conti, vedi la sentenza a pagina 2 ultimo capoverso, lo condanna per aver determinato un danno erariale al Comune di Cerignola.
    Inoltre il Comune non si è costituito nemmeno in giudizio e gli avvocati difensori del dott. Saracino sono i dè Robertis, avvocati di fiducia del Comune di Cerignola.
    Da profano tutto questo mi pare molto strano.
    Troppe cose non tornano.

Comments are closed.