“Ci stringiamo tutti in un forte abbraccio alla famiglia di Antonio Ballarino e all’Audace Calcio Cerignola per la scomparsa di questo giovanissimo e bravo calciatore che da qualche mese militava nella nostra compagine. A loro porgo le mie più sentite condoglianze a nome dell’Amministrazione Comunale di Cerignola e della nostra città, così come all’Amministrazione Comunale di Margherita di Savoia e alla città per la scomparsa di tre suoi figli”.

Con queste parole il Sindaco Antonio Giannatempo esprime il suo cordoglio per la morte del 18enne calciatore di Margherita di Savoia che ieri mattina ha perso la vita insieme a due amici, coetanei e anche loro margheritani, in un incidente avvenuto sulla Statale 100 Bari-Taranto, all’altezza del bivio per Mottola. Una morte, quella di Antonio, che ha procurato un grande dolore non solo nella città salinara, ma anche a Cerignola, nel giorno in cui doveva disputarsi Audace-Francavilla, recupero della decima giornata del Campionato di Eccellenza Pugliese, partita che è stata naturalmente rinviata. Sconvolti i compagni di squadra, i dirigenti e i sostenitori della compagine gialloblu: erano bastati pochissimi mesi – Antonio aveva cominciato solo ad agosto la sua avventura nell’Audace – per apprezzare il talento calcistico e le doti umane di un ragazzo buono, sempre disponibile ed allegro, felice di essere approdato all’Audace dopo aver cominciato l’attività agonistica a Trinitapoli e aver militato nel Barletta.

“Un angelo del calcio ci lascia prematuramente  – dice Francesco De Cosmo, direttore generale dell’Audace  – regalandoci il ricordo di un giocatore professionalmente serio e soprattutto di un vero uomo”. Alle 16 tutta l’Audace, insieme ad una rappresentanza della tifoseria, prenderà parte ai funerali di Antonio, che, insieme a quelli di Angelo Lanotte e di Cosimo Damiano Dassisti, si celebreranno nella Chiesa del Santissimo Salvatore, a Margherita di Savoia. Domenica prossima la nostra squadra giocherà con il lutto al braccio la sfida contro il Copertino.