Un turno, il dodicesimo del campionato di Basket Serie D maschile, che si presenta assai difficile per le formazioni ofantine. Partiamo dalla Solenergy Udas: dopo la sosta forzata di domenica scorsa, dovuta al ko a tavolino deciso dagli arbitri pochi momenti prima della gara con il Manfredonia per il ritardo del medico sociale, la squadra affronta la probante trasferta di Bari contro la capolista Cest. L’impegno si presenta difficoltoso ma non il colpaccio non è irraggiungibile, considerando che la formazione di casa ha corso il rischio di perdere domenica scorsa, superando di poco (79-75) la Mediterranea Cerignola. Rosario Saracino, rimasto domenica tra gli spalti a studiare l’avversario, al nostro giornale presentando la sfida di oggi ci aveva detto: “Certo è che dovremo essere cattivi al 100%, come la Mediterranea, per batterli e fare un risultato a sorpresa”. Confermata la formazione che avrebbe dovuto giocare con il Manfredonia: la speranza è che si possa tornare con un buon risultato e magari la vittoria.

Per la Mediterranea compito non agevole fuori casa contro l’Altamura: la formazione barese, nell’ultima vittoriosa a Barletta per 83-49, di certo non vorrà farsi sconfiggere sul proprio terreno; ma pensare di sottovalutare la formazione ofantina sarebbe un grosso errore. Gli uomini di Mister Carano, dopo aver sfiorato l’impresa contro il Bari, sono ben consapevoli delle proprie capacità, tant’è che proprio lo stesso coach a fine gara sette giorni fa parlando della prestazione dei suoi ragazzi aveva detto: “Sono fiero dei miei giocatori, siamo stati molto concentrati:  un peccato perdere per così poco. Si va avanti così, con grinta e determinazione”. Caratteristiche che di certo non mancheranno. Il resto della giornata vede per l’alta classifica la Diamond Foggia contro la Don Bosco Bari, nella lotta per non retrocedere Manfredonia-Angiulli Bari.

 

3 COMMENTI

Comments are closed.