Pubblichiamo di seguito un lungo e corposo comunicato stampa di Franco Metta il quale, tornando sul Consiglio comunale di ieri sera, non risparmia proprio nessuno, da Giannatempo alla Maggioranza, da De Cosmo a R. Ruocco, fino ad arrivare ai colleghi delle opposizioni. Ecco il documento completo.

Nel commento, a caldo, sul Consiglio Comunale di ieri sera, 20 dicembre, ho preferito il taglio folcloristico: tanto colpito ero rimasto da due maschere tipiche della bassa politica italiana. Il politicante. Tutto poltrona e potere, disposto a farsi pubblicamente umiliare e ridicolizzare, pur di non lasciare il proprio scranno. L’arrembante. Tutto proclami e annunci, che agita una pistola scarica, sempre e solo una pistola scarica, perché minaccia e minaccia, parla e parla, ma tutti sanno perfettamente che non sarà MAI capace di dare seguito coerente ai suoi periodici annunci. Gli servono sempre e solo per contrattare con il politicante per ottenere questo o quello. Oggi, vorrei tornare sul Consiglio Comunale di ieri per offrire una riflessione più ampia. E’ vero, gli ominicchi questi sono, ma, politicamente, c’è da aspettarsi qualcosa di meno tragicamente negativo per la città? Il futuro è fosco. L’unica salvezza sarebbe un gesto di dignità e di rispetto di sé e degli altri, da parte di Antonio Giannatempo. Già: dignità e rispetto, parlando di Giannatempo? Dunque, nessuna speranza da questa parte. Sine Sine resterà abbarbicato alla poltrona, come fece nei suoi precedenti cinque anni, fino all’ultimo momento. E la città? La città, nel frattempo, sarà bloccata e continuerà a retrocedere. Perdendo di credibilità la classe politica che ci amministra, perde di peso e di credibilità la nostra stessa Cerignola. Già ci hanno ridotto sul lastrico, togliendoci tutto quello che potevano ,a beneficio di altre città con Sindaci e Classe dirigente presentabili. Ancora di più questo succederà, una volta che sarà consacrato – come consacrato è – che Giannatempo è un mezzo Sindaco, incapace di comandare persino in casa sua, che non riscuote la fiducia di quelli che si sono candidati con lui. Il Consiglio Comunale? Salvo iniziative delle opposizioni, che auspico e mi auguro, sarà imbalsamato, messo in frigo. Non ha i numeri, almeno fino alle prossime promesse e ai prossimi ami a cui abboccheranno i cosiddetti dissidenti; dunque, Consiglio Comunale in frigorifero e, con esso, ogni provvedimento importante e significativo per i cittadini. Resta la Giunta Comunale! Potrà dirigere questa città a suon di delibere. Ma sarà scarna amministrazione corrente. Incontrerà difficoltà insuperabili. Sconterà dissidi e dissensi ormai palesi. Solamente i ciechi e i sordi non sentono le urla di protesta che arrivano dalla stessa maggioranza contro l’operato di questa Giunta. Ha ragione Laguardia, quando dice che tutti condividono le sue rimostranze, ma che, spesso per viltà o per interesse, preferiscono tacere. Qualcuno ha un balocco con cui distrarsi. Una consulta, una commissione, giusto per soddisfare la personale vanità di leggere il proprio nome sul giornale, sempre abbinato a qualcosa di totalmente inutile e stupido. Qualcun altro un piccolo orticello di affarucci personali, nei quali coltivare qualche vecchio elettore, pagare qualche antica cambiale, riscuotere qualche modesta regalia. Altri ancora sono ignavi del tutto, assenti, indifferenti, quasi ipnotizzati. Inutile chiedere ai presunti “cavalli di razza” o agli assessori dimezzati, in quanto, continuamente, dediti agli affetti familiari, che cosa sta succedendo. Loro sono in due, ma imitano perfettamente le tre scimiette: non vedono, non sentono, non parlano. Non c’erano e, se c’erano, dormivano. Sicuro, non c’è il Vice Sindaco, assente ormai da mesi; che non ha presentato una, dicasi una, proposta di delibera, nemmeno per sbaglio; incassa i tremila al mese e riscuote la visibilità che gli dà l’essere il vice di Giannatempo. E che ci volete fare? C’è qualcuno che crede di essere più visibile se, invece di assumere la leadership di un partito, guidarlo, mettendo a rischio faccia e capacità politica, si limita a dichiararsi il vice di…. .Giannatempo Che, a sua volta, è il vice di De Cosmo. Con buona pace di tutti i paolini d’Italia, che continuano, a bassa voce, a contestare l’operato dell’assessore che faceva e fa mettere i soldi al pallone, un po’ a tutti. Si vorrebbe mettere in discussione questa opprimente e prepotente presenza, ma ci vorrebbero le palle! E a qualcuno le palle mancano anche in tempo natalizio. Speriamo che le trovi, appese a qualche albero, ma poco ci spero. Questa situazione dura da mesi, anzi da sempre. Da quando si insediò il Gianna. Che, come un saltimbanco di un circo equestre, vola da un attrezzo all’altro, da un trapezio all’altro, per tenere buono questo, per promettere a quello, per rassicurare, per mediare, per mentire al tizio, perché il Caio si riappacifichi, in attesa di mentire al Caio per ingannare il tizio. In una corsa continua contro i numeri, contro la logica, contro il buon senso, contro la dignità. Giannatempo rivendica la sua storia umana e politica. Infatti……. In questo senso, depone la sua storia umana e politica; così fece nel suo primo mandato, altrettanto sta facendo oggi. Non abbiamo speranza. Nel contesto di una crisi globale, noi saremo più in crisi di altri, perché privi di ogni rappresentatività istituzionale, di ogni credibilità politica. Passeremo il tempo a discutere in politichese di “appoggio esterno”; poi, vedrete, verranno fuori i “responsabili”; e così ancora, in un circo equestre di parole e di becero opportunismo. Sapendo tutti che, sotto a queste evoluzioni, ci sono interessi precisi, tutt’altro che pubblici. Le varianti al piano regolatore, in primis. Ma anche, che so, l’agenzia del sociale, la manutenzione degli impianti di illuminazione, i vari servizi in proroga. Il piccolissimo cabottaggio dei provvedimenti nel sociale. Quel tale che ha costretto, praticamente, Giuseppe Russo alle dimissioni, è ancora attivo. Ogni giorno, si presenta in Comune sotto braccio ad un cittadino da assistere, solo in quanto amico del “nuovo che avanza”. Cadono francamente le braccia anche ai più combattivi. Ma non è il momento di abbassare la guardia e di rassegnarsi a questo schifo. Anzi. E’ il momento di rinnovare l’impegno, moltiplicare gli sforzi, di andare a cercare, casa per casa, i nostri concittadini per spiegare loro quel che sta succedendo. Il livello di schifo che è stato raggiunto. E per offrire ancora il nostro contributo e la nostra alternativa. Prima o poi, li manderemo a casa. Prima o poi, questa città completerà quel processo rivoluzionario che 8.300 elettori hanno già iniziato, dando consenso e fiducia ad un processo che – forse nemmeno a torto – fu definito del tutto pazzesco. Questa pazzia si sta rivelando saggia. Questa pazzia si sta rivelando la nostra unica speranza. Basta guardare al numero di attacchi personali che sto collezionando, con infinita gioia ed irrefrenabile orgoglio. Con me, tutti con me, se la prendono. Pensate, persino, un senza palle, che è assessore, si è offerto di stampare a spese del Comune volantini contro di me. Mortificato? Tutt’altro, inorgoglito. Ma Voi, amici miei, veramente pensavate che una persona, un Movimento Politico, potessero battersi contro la corruzione, contro il malaffare politico, contro la disonestà senza farsi dei nemici? Veramente pensate che dicendo tutto, leggendo tutto, scoprendo quel che riusciamo, avremmo avuto a casa panettoni e non pallottole? E volete scoraggiarvi per questo? Evidentemente e certamente no! Se, fino ad oggi, abbiamo dato cento, amici miei, dall’anno prossimo, così stando le cose, dovremo dare mille! Chi non se la sente, può restare a guardare. Ma sono certo che per strada non lasceremo nessuno. Anzi. Vibra il cellulare: …si……grazie…. mi fai felice….. Niente: un altro, uno tosto, uno forte, un altro che vuole stare con noi. Buon Natale a tutti. Ma dopo le Feste………….. u’cch v’v’l!!! Riprende la battaglia per ridare una speranza a questa povera città. Sempre che questa battaglia sia sospesa per le Feste natalizie e di Capodanno. Cosa che stento a credere.

12 COMMENTI

  1. Qualcuno un giuorno disse “tutto è compiuto”, oggi molti possono esclamare “tutto si sta compiendo”.

  2. La gente forse adesso ha iniziato a capire che Lei produce solo fumo.

    Se domani andremmo al voto sono certo che gli 8300 elettori diventerebbero 4175 precisamene la metà.

    Avvocato sta’ perdendo colpi e non se ne accorge!!

    • Grande avvocato, continui così e la prossima volta i voti si raddoppieranno!
      Finalmente ha adottato il tono giusto per i comunicati.
      Ci tenga sempre aggiornato sulle vicende cittadine e gliene saremo sempre molto grati.
      Grazie e Buone Feste.

  3. questo ancora parla? 10 persone lo seguono ormai e lui si sente più forte? Più forte delle autocelebrazioni che si tributa…

  4. parla solo lui. Neppure i suoi possono più fiatare. Che scocciatura. C’era il tuttologo assessore ombra di se stesso che era diventato esilarante. ma ormai parla solo il terzo su 3 dei candidati. Non angarr goun pò

  5. noioso,ossessionante,parla solo lui, Non angarr goun ,sta’ perdendo colpi ,Lei produce solo fumo……pero’ cazz stanno tutti a leggere e subito pronti a rispondere.
    che poi e’ facile capire chi sono, sono i famosi onanisti….coloro che sono abituati a scrivere sulle tastiere con la sinistra.

  6. Forza avvocato non ceda a queste inutili provocazioni di componenti della maggioranza e loro ultimi sostenitori che la vorrebbero far tacere.
    Noi cittadini vogliamo e credo sia giusto essere informati su tutto ciò che in Comune accade.
    E, non si preoccupi che è sulla buona strada. Sento la gente parlare in giro e posso garantirle da uomo di strada che il consenso nei suoi confronti è almeno già raddoppiato.
    Vada avanti.
    La saluto dicendole MOLTI NEMICI, MOLTO ONORE.

  7. I cerignolani hanno già immaginato Metta Sindaco e la sua Giunta: Lionetti (maresciallo tutto fare) – Lenoci (preside ) …… – e cosa hanno votato:
    Gianntempo Sindaco
    Tonti secondo, tonti prima di metta pensate
    Metta terzo quasi come monopoli.
    ritirati fai + bella figura
    lancia il tuo delfino Maresciallo Lionetti

  8. Personalmente non credo più nella politica, ma credo negli uomini, io da quando l’Avv. ha creato il Movimento, ho pouto constatare personalmente che molti di loro si prestano realmente per cercare di risolvere i veri problemi dei cittadini e di conseguenza della nostra città.
    Forza continuate così.

    Auguri di Buon Natale

Comments are closed.