Anche in questa prima settimana del 2012, seppur tra mille buoni propositi, come di rito ogni inizio d’anno, abbiamo assistito alla politica della polemica, e alla cronaca delle grandi città… senza dimenticare i botti. Già i botti, immancabili a Cerignola, specie quando arrivano le festività natalizie. A nulla è servita l’ordinanza firmata dal primo cittadino, nonostante l’impegno profuso dalle forze dell’ordine. Tutto come sempre, e forse anche peggio! Tre “cipolle” nel comune, e un bimbo ferito da un petardo inesploso, non possono lasciare indifferenti… il problema è che chi s’interroga sulla stupidità dei botti così utilizzati è chi non li usa. Un altro episodio triste al nosocomio di Cerignola, dove una donna di 27 anni, a pochi giorni dal parto, è deceduta dando alla luce il figlioletto che ora versa in gravi condizioni all’Ospedale di Foggia. Emergenza sicurezza sempre al primo posto anche per il nuovo anno: un problema amministrativo. La polizia sventa la truffa storica del “pacco” e denuncia un uomo per lesioni personali. Sventato, inoltre, il furto di pannelli solari nei primi giorni di Gennaio. E’ la politica, però, a non lasciarci stupiti, mantenendo intatte le polemiche e i problemi del 2011. Infatti, il più vivo di tutti è sempre Metta, che nei primi giorni del nuovo anno ha inoltrato una richiesta all’Ass. Palladino per l’installazione della centralina per il controllo della qualità dell’aria, un intenso intervento sui problemi della società Audace Cerignola, con un virgolettato diretto all’attuale Presidente Dinisi, “l’Audace è patrimonio della città”, e due lettere indirizzate al Presidente del Consiglio comunale Curiello: una sul problema sicurezza; l’altra sulla questione del reparto Ortopedia all’Ospedale Tatarella di Cerignola. Proprio la sanità e i problemi del nostro nosocomio, sono al centro della discussione politica, e della cronaca de lanotiziaweb: in settimana, infatti, abbiamo dato ampio spazio ai numerosi problemi dell’Ospedale e della Sanità in generale, specialmente con riferimento ai problemi del reparto di Ortopedia. E mentre Regione Puglia rende pubblici i nuovi movimenti per il sostegno alle persone meno abbienti, in città si scatena la polemica tra Casarella e Metta, sul progetto per educare alla differenziata “Peter Pan e l’Isola ecologica che c’è”, con il piddiellino che replica alle accuse mosse dal Presidente del MPC in modo secco e perentorio. Per fortuna, il paese ha visto anche un fermento culturale di buon livello, con la rassegna di cabaret e con l’ultimo appuntamento delle festività natalizie “Diocesi in coro”. Un interessante incontro presso l’ExOpera, ci ha fatto conoscere le nuove facce della crisi, mentre i giovani (purtroppo solo alcuni) di Cerignola non vogliono sentir parlare di crisi, e tentato la fortuna sul palco di Sanremo. Una della novità di questo anno è la nuova categoria del nostro giornale, Attualità, all’interno della quale abbiamo già dato spazio in settimana alla richiesta di Confcommercio, che invita politica e sindacati a una maggior coesione, e alla speranza dei saldi, promossi nel tentativo di arginare la crisi economica. Nello sport Cerignola brilla, con le vittorie, entrambe in trasferta, dell’Udas contro il Barletta, e della Mediterranea a Manfredonia. Lascia l’amaro in bocca il pareggio contro la Libertas Noja per l’Audace.