L’Assessore all’Ambiente del comune di Cerignola, Stefano Palladino, torna sulla questione delle luminarie natalizie, che tanto scalpore avevano creato lo scorso anno, per la cifra spesa, a detta delle opposizioni, inutilmente.  «Abbiamo dimostrato il risparmio annunciato un anno fa; puntualmente zittite coi fatti le malelingue della disinformazione fraudolenta», dichiara oggi alla stampa. Infatti, ogni anno, le amministrazioni spendevano circa quindicimila euro per il noleggio dell’attrezzatura atta ad illuminare le strade del centro nel periodo natalizio. Nel novembre 2010 Palladino propose l’acquisto, spendendo 29.500 euro al netto dell’Iva. «Fui bersaglio dalla solita masnada di luminari… stavolta delle luminarie. Quei tuttologi che si inventano esperti via via, senza conoscere carte, situazioni e normative; si disse che avevamo sperperato soldi pubblici – ricorda l’assessore all’Ambiente – a danno di chi, come i lavoratori dell’ex Asia Spa, reclamavano in quei mesi il tfr. Il trattamento di fine rapporto è notoriamente stato pagato e le luci di Natale non c’entravano niente. Le luminarie sono restate al Comune e quest’anno per montarle si sono spesi 7.500 euro al netto dell’Iva, a fronte dei consueti 15mila spesi prima del 2010. Ditemi voi». Dichiarazioni, queste, che mettono la parola fine ad una polemica portata avanti per molto tempo e che poteva ripetersi ogni anno, nel periodo natalizio. Anche sulla paventata possibilità che il comune avesse investito dei soldi senza poi rimanere proprietario di ciò che aveva acquistato, l’Assessore risponde «mi pare evidente che simili avventate e dissennate considerazioni non meritassero alcuna replica, né in quei giorni, né in questi». Pare in effetti che l’intero pacchetto delle luminarie sia riposto nel magazzino comunale, pronto per essere riutilizzato nei prossimi anni. Chiude col sorriso ricordando che «va avanti il procedimento che ho intentato contro i professionisti del fango, con risarcimento danni. Spenderò quel denaro alla faccia di questi barbari che provano ad improvvisarsi politici o amministratori».

11 COMMENTI

  1. …e vabbè dott Stefano e gli alberi che stanno bruciando in non so quale camino……

  2. bhe le luminarie si ma gli alberi di natale dello scorso anno sono stati una bella inc….per la nostra citta’. su quello l’assessore non si e’ mai scusato per la scelta infausta.
    e poi assessore mi faccia dire che usa termini troppo volgari per appellare i suoi avversari politici io sento la radio e leggo tutto cio’ che la cicogna scrive e al massimo la definiscono palla….dino….non mai sentito appellarla con termini ingiuriosi.
    ma per caso le rode qualcosa?

  3. Abeti norvegesi, Assessore. Parli degli abeti norvegesi. Ha gli attributi? Qualora li avesse scriva un comunicato stampa sull’acquisto, il costo, il corso della loro brevissima vita (meno di Papa Luciani) e sulla fine degli abeti norvegesi e nel comunicato stampa rivolga a se stesso quegli appellativi. Lo farà? Ho i miei serissimi dubbi.

  4. ottimo, c è da dire che con quel tipo di luminarie cioè tecnologia a led si risparmia anche sul consumo e hanno una durata superiore alle normali lampadine che oggi non sono più prodotte perchè mandate in pensione da nuove normative, quindi il comune ha fatto un ottima mossa acquistando un buon prodotto a norma di basso consumo e di lunga durata.speriamo solo che le fanno durare perchè sono delicate e costose.

  5. la vogliamo dire tutta le luminarie erano una cosa da fare sc…… per non parlare degli alberi di natale messi li senza una decorazione proprio si vedeva che era un natale povero per noi solo non per loro,. Quindi carissimo assessore delle mie tasche bastava poco per far sentire l’aria natalizia in paese basta girare e guardare in altri paesi più piccoli di cerignola per rendersi conto che si spende molto meno.

  6. Palladino, perchè non usa un pizzico d’intelligenza nei suoi comunicati? Si vanta dell’investimento, pure discutibile, fatto in merito alle luminarie e non fa alcun cenno alla cantonata che ha preso e sulla quale è stato chiamato più volte a rispondere ai cittadini circa gli abeti norvegesi che sono miseramente bruciati alle nostre temperature. Sembra che le criteche se le tiri addosso di proposito. Allora o fa silenzio su tutto oppure ammette anche gli errorri commessi, dando ragione a chi le sue scelte ha criticato. Per tutto il resto la invito a moderare i termini contro i suoi avversari politici e le ricordo che nemmeno lei fino a qualche tempo fa poteva annoverarsi politico o amministratore anzi, a dir la verità, politico non mi sembra nemmeno adesso e come amministratore è stato un fallimento totale.

  7. Ma non dategli retta, non perdete tempo nemmeno a rispondergli.
    Ormai il suo mandato è agli sgoccioli come quello di chi la nominato.
    Hanno finito di prenderci in giro e di fare i comodacci loro.
    Tutti a casa!!!

  8. Ma non avete capito niente? Palladino si sta dando un po’ di arie per “sperare” di evitare la doccia fredda della sua “cacciata”…Palladino presto a casa! Come si dice…Mett i m’n annanz! Ah, Diretto’ quando cammini, però, statt chiù rett…e cerca di ridere!
    Dal bell da’…mo ca sind!!!

Comments are closed.