Pubblichiamo di seguito una nota del coordinatore cittadino del gruppo giovanile di Fli, Carlo Dercole, sulla demolizione dell’ex Albergo Moderno. Alla denuncia segue l’invito, per domenica 22 gennaio, a partecipare al comizio pubblico, con gli interventi di Tatarella, Pece e lo stesso Dercole. Ecco il documento completo.

Questa amministrazione dovrebbe emigrare. Non è possibile accettare questo modo d’agire, chi non si indigna, non è degno di vivere in una società, poichè i metodi utilizzati in questa bassa, brutta e volgare speculazione edilizia, rasentano l’inciviltà. Poche settimane fa, il consigliere Carbone, uomo dall’indubbia dignità ed onestà personale ed intellettuale, affermò che l’Albergo Moderno “andava restaurato e non demolito. Sabato scorso, per chi come me era presente ad osservare lo” scempio”, ha dovuto assistere a scene raccapriccianti, scene dell’anti-guerra. Decine di famiglie, sono state costrette ad abbandonare le loro abitazioni senza un minimo di preavviso. Ti fermavi un attimo ed osservavi queste povere persone, che lasciavano in fretta le loro abitazioni, cariche di valigie, effetti personali portati a mano…e via. Scene da Terzo Mondo. Ma eravamo a Cerignola. Mi domando, ci domandiamo: è un’operazione privata? Ed allora perchè le fatture all’Hotel delle Nazioni provengono dal comune e non dalla Cadinvest? Dopo alcuni minuti di stupore, indignazione, ti fermi a pensare…quelle povere persone fatte evocuare dalle loro abitazioni, non avevano nessuna ordinanza, e sapete perchè? Perchè così a norma di legge risulta abbandono volontario e nessuno è tenuto a pagare loro le spese. Metodi volgari, metodi viscidi. C’è stata una non curanza e quindi una violazione delle Norme urbanistiche dei centri storici. Appunto nei centri storici, non si può abbattere, ma si DEVE restaurare. Un’ ultima curiosità, ma questa è una curiosità del tutto personale…ma come si è fatto ad inserire questo progetto nel PIRP? Quel quartire non è periferia, ma Centro Storico. Non possiamo più permettere di essere amministrati da queste persone. Domenica 22 gennaio, davanti la Villa Comunale, Futuro e Libertà, unico partito politico ad aver denunciato alla Procura questa volgare speculazione edilizia, alle ore 12 parlerà apertamente alla città, tramite : Carlo Dercole, Enzo Pece e l’europarlamentare Salvatore Tatarella.

13 COMMENTI

  1. ma di cosa parla?
    Non saprei da dove partire nell’esame delle cose inesatte che ha detto.
    Vuole atteggiarsi a grande ma non ha i minimi rudimenti dell’amministratore comunale.
    Meglio quando descrive il sabato sera.

  2. Tatarella sempre più solo con Fli cerca nuovi(o vecchi) “NIDI”?
    gli ricordiamo che è migrato lui tanto tempo fa?
    che è fallito e adesso sta cercando di speculare su cerignola?
    mi sembra un azione di sciacallaggio politico…

  3. Tatarella, Metta, Giannatempo, tutto il PD ed il PDL locale sono 40 anni che si vedono le solite facce. Fuori tutti, svegliamoci!! La politica locale è fallimentare comunque la si guardi! L’ unico modo per poter amministrare questa città, può essere solamente un commissario prefettizio, con mandato pluriennale e poteri speciali tali da consentirgli di fare tabula rasa di tutto il marcio e le connivenze che si sono create in questi anni nella nostra moribonda città.

  4. magari tornasse Tatarella…grandi tempi x Cerignola..no i cialtroni di oggi che si atteggiano a fare Tatarella senza esserlo

  5. Anche tatarella voto nel 2007 in consiglio comunale in minoranza il PIRP che prevedva la demolizione e ricostruzione dell’Albergo Moderno. Fatti non parole

  6. Ricordiamo un paio di cose giusto per puntualizzare (nn sono ne parte offesa ne interessata, ma oggettiva..o almenoci provo)
    A. L albergo moderno e’ privato in quanto stabile di proprieta’ privata. Nel momento in cui appare qsta proprieta’ all interno di un piano di recupero, se il piano di recupero lo consente, l abbattimento prescinde dai vincoli edilizi del centro storico
    B. Per vedere bene le responsabilita’ del privato cadinvest e del comune bisogna andare a guardarsi i progetti, perche’ se i progetti invitano a ristrutturazioni di uncerto tipo ( come ad esempio la comparsa di un seminterrato) e’ owio ke lo stabile debba essere abbattuto.
    C. Il provvedimento se e’ stato 10 anni fa votato in maniera unanime dal consiglio comunale significa ke anke tatarella ha votatO in modo favorevole(le delibere esistono, bisogna prenderle).
    D. Se io posseggo una volumetria, qsta la conservo anke se abbatto uno stabile, e la trasferisco in area di identica fattura(area a x area a; b1xb1 ecc). Il prezzo di vendita nn e’ speculazione, ma un’azione imprenditoriale.
    E. Proprio perke’ nn ce’ ombra di ordinanze ke obbligano somberi di zona etc, il privato nn e’ tenuto a pagare alloggi a nessuno.
    Voi avete affermato tutto questo ed il contratio di questo nel giro di 5 gg. Siete confusi? Vi ricordo,inoltre, che una proprieta’, in quatno tale, specie se rientra in particolari piani di recupero o cmq nn e’ di interesse pubblico(e se lo e’ sta scritto sul prg) e’ suscettibile al libero arbitrio del proprietario. Se qll albergo fosse stato di interesse pubblico, il comune si sarebbe impegnato al tempo nel tutelarne la proprieta’, se cio’ nn e’ avvenuto nn possiamo andare noi cittadini a casa d’altri a dire cosa e come comportarsi. Che siamo tornati all’epoca fascista?! Mah..

  7. ma dai quella struttura andava cautelata perchè faceva parte del centro storico però si sa che a ceri in materia di adilizia comanda un certo ingenier xxxxxx e che fa il bello e il cattivo tempo tra l’ufficio tecnico i politici e i tanto famosi costruttori. se c’è lui di mezzo a ceri in materia di edilizia diventa realtà l’impossibile. BASTA CASTA…………

  8. tatarella ha fatto bene x cerignola solo nel suo primo mandato da sindaco,poi so muntt la cop pur ghedd,,e si va a fxxxxxx lo stipendio e che stipendio, gratis al parlamento europeo cn tutti i rimborsi annessi,lavorano x lui a spese nostre la mogli la figlia insomm tutt la famegghj,,,ora il FLI vuole rifarsi una mega verginita’,facendoci passare a noi citadini da emeriti allocchi,,v naveta sce tutt nn ci crediamo piu’ alle favolette u cumezj u cumezj u cumezj,,,avast la gente vuole i fatti concreti sulla propria pelle,,sciotavenn,,dercolino purtroppo sei ancora piccolino x capire come va sto mondo ta fe l’oss,,la dinastia tata..ti scarichera’ alla prima occasione,quando arrivera’ un altro dercolino sprovveduto magari cn degli ideali onesti,tutti i giovani piu’ promettenti si sono trasformati in mostri cattivi col tempo xche’ sono proprio i mostri grandi che ti allevano cosi’ nn c’e’ spazio x gli idealisti,, vabbe’ ci sono gia’ragazzini che nascono pxxxxxx(vedi il genero che sta cn la figlia, u segretarj du SEL,quedd che organezz i notti bianc skfos e s frc skett i sold,brav quedd)mo dercole vedremo se tu sei un idealista o sei gia’ cattivo dentro e pronto ad essere usato sedotto e abbandonato restando pero’ ormai incattivito,un altro danno per la societa”..

  9. Tata tatatatatta tatatttattta tattattttattttaaa Ve te retereeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!! dove sei stato sin ora a Bari, a Roma, a Bruxelles, e vatten de nota volta che qui non ci bisogno di vecchi ricordi ma di fatti nuovi.

  10. quanta paura che fa tatarella nei commenti, specie se è stato un ottimo passato che ha amministrato questa città, pdl terrorizzato dalla sua presenza…

  11. ma cosa dici sergio. il suo candidato prese meno di 140 voti e sta tra i non eletti. fecero volata a barbareschi e gatta, che li hanno abbandonati e sono rientrati nel pdl!!

  12. la politica cambia molto più in fretta, cmq ha ragione ma cosa, ha fatto eleggere ruocco gatta gianna farina, li ha sistemati…poi loro si sono fatti i cazzi loro, ma questo nn c’entra nulla con un uomo che ha fatto la storia della città, al massimo rigurada il loro aver ottenuto il posto da altri e tenerselo caro….ripeto un altro Tatarella Sindaco lo avremo tra mille anni. valentino giannatempo sono controfigure, il livello è sceso, politici a cerignola non ce ne sono più. amen

Comments are closed.