Dopo le quattro rapine in quattro giorni ai danni di altrettante farmacie, il Sindaco chiede una riunione urgente del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica : “Il Questore ci ha garantito rinforzi, coinvolgeremo anche  i comuni limitrofi per affrontare una situazione che riguarda tutto il territorio” Gianni Ruocco, a nome di tutti i colleghi: “Non chiedeteci di difenderci da soli, non vogliamo il Far West”.

L’Amministrazione Comunale chiede nuovamente alla Prefettura di Foggia di intervenire in tempi brevissimi per sbloccare l’attuazione dei progetti di videosorveglianza finanziati attraverso i Pon Sicurezza del Ministero dell’Interno. Lo ha fatto sapere il Sindaco, Antonio Giannatempo, ai farmacisti di Cerignola, che hanno tenuto una conferenza stampa stamane in aula consiliare per chiedere la solidarietà concreta delle istituzioni dopo le quattro rapine subite in quattro giorni.

“E’ assolutamente necessario potenziare gli impianti di videosorveglianza collocando un numero maggiore di telecamere nei punti nevralgici della città – ha detto il primo cittadino -Dobbiamo rendere la vita più difficile ai delinquenti per far capire loro che la città è sotto controllo. Il questore di Foggia, da noi sollecitato, si è impegnato a mettere a nostra disposizione un maggior numero di risorse umane. Chiediamo urgentemente, allo stesso tempo, una riunione a Cerignola del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, alla luce dell’escalation criminale registrata negli ultimi tempi”.

Il Sindaco concorda con i farmacisti sulla proposta di indire uno sciopero dei commercianti per porre l’accento sulla gravissima situazione della sicurezza a Cerignola, chiedendo però loro, nel contempo, di interrompere quanto prima la protesta andata in scena nelle scorse ore, con le farmacie che hanno svolto il loro servizio non più con il libero accesso del pubblico ma consentendo l’ingresso di un solo cliente per volta nei locali.

“Lo faremo già in serata – ha spiegato Gianni Ruocco a nome di tutti i suoi colleghi – perchè siamo responsabili e sappiamo bene quali disagi un’azione del genere può provocare tra gli utenti, ma non chiedeteci di difenderci da soli. Non è possibile che ognuno provveda da solo alla propria sicurezza, non possiamo creare il Far West. Possiamo fare la nostra parte sobbarcandoci un aumento ulteriore delle spese di vigilanza privata, ma non può che essere una soluzione temporanea. Non vogliamo militarizzare la città, né creare una barriera con la nostra utenza, come se stessimo presidiando un fortino”.

Il Sindaco ha ribattuto garantendo che l’Amministrazione Comunale, come sempre, farà la sua parte, “ricordando però quanto ci hanno già detto in diverse occasioni il prefetto e il questore, e cioè che in provincia di Foggia non c’è solo l’emergenza Cerignola. Il problema della sicurezza coinvolge quasi tutto il territorio della Capitanata; per questo dobbiamo unire le forze, per questo coinvolgeremo le amministrazioni dei comuni limitrofi”.

9 COMMENTI

  1. quante chiacchiere a vuoto! Ho subìto il danneggiamento della mia auto regolarmente parcheggiata, a seguito di tamponamento da parte di un onesto automobilista che -come da copione- si è volatilizzato. La macchina era parcheggiata in una zona “coperta” dalle videocamere di sorveglianza…..faccio denuncia presso la P.S., chiedo che venga visionato il nastro relativo alla notte in questione: ma guarda il caso! Si vede un’auto che perde il controllo, ma “non si riesce a visualizzare la targa”. Questo è il paese di Carnevale, NOI siamo trattati da “carnevali”

  2. Ci volevano le rapine alle farmacie per creare tutto questo scalpore, sono anni che rapinano tabaccai, sono anni che rapinano benzinai, sono anni che rubano auto, sono anni che scippano i poveri pensionati e’ nessuno si e’ mai fatto sentire compreso il sindaco. Adesso xche si rapinano le farmacie ci si sveglia. Che assurdità!!!! Il sindaco chiede maggiore video sorveglianza, ma pensasse prima a riparare quelle che ci sono già che non funzionano! Si vergogni.

  3. nooo!!!!!! non dire così, noi cittadini di Cerignola dobbiamo solo pagare le tasse, e loro con i nostri soldi fanno i loro porci comodi nello sperperare denaro pubblico…… poveri noi

  4. Ma alla fine queste telecamere sono o non sono presidiate da un operatore?
    L’assessore alla Sicurezza può fare chiarezza su questo quesito?

  5. Ho sentito che sono monitorate, ma non nelle ore notturne. Penso servino per le soste selvagge…

  6. Ormai la città è allo sbando. Ci nascondiamo dietro la sicurezza ma qui non funziona niente di niente. Poveri noi.

  7. Buongiorno, chiedo ….la polizia urbana non potrebbe svolgere con piu’ efficienza il proprio lavoro………e non solo qualche multa a chi non ha conoscenze o passeggiate e chiaccherate per le vie principali ???????? ????

  8. Il porto d’armi bisogna avere per sparare simili pisquanate!
    Le telecamere, la video sorveglianza, le riunioni dei comitati per l’ordine e la sicurezza, le garanzie delle istituzioni, una maggiore presenza di uomini e mezzi.
    Tutte belle parole che servono a mettere in apprensione coloro che “tapinamente” pensano a far quadrare il bilancio di casa, ovviando nel pagamento del bollo, dell’assicurazione, della revisione auto, del rinnovo patente, del passaggio di proprietà del veicolo…..tutti questi meschini sono il più delle volte quelli che cadono nella rete dei controlli, ai quali si sequestrano le auto e si “affossano economicamente”. Quegli stessi che non possono permettresi di essere in regola con € 600/700 al mese, mandare i figli a scuola, evitano di fare la fila negli uffici preposti “per dignità”, a questi signori cittadini il Ministro Fornero, con la Camusso- Angeletti- Bonanni
    dovrebbero “spiegare” i diritti dei lavoratori e quello delle famiglie, si!: “i Signori Nessuno”. Mentre quelli che si macchiano di nefandezze di ogni genere viene fatta la denuncia a piede libero e qualche giorno dopo ritornano a fare quello per il quale si è arrivati a questa condizione. Beata Ipocrisia!!!!!!!!!

  9. ottima idea quella della videosorveglianza, magari possiamo sfruttare i filmati per dei provini alla prossima edizione del “Grande Fratello”..ammesso che lì qualcuno li monitora quei filmati

Comments are closed.