I navigati politici sono coscienti che nell’annuncio di una verifica, da parte di un Sindaco, poi vi è già la certezza che questa vada a buon termine, o quanto meno non crei ‘ulteriori’ problemi. Le paventate stampelle potrebbero non necessitare ad una maggioranza che Giannatempo riesce a tenere insieme con strategie da prima repubblica. E intanto le idee si chiarificano e la via comincia ad illuminarsi.

Allargamento improbabile, dirigenti no touch. Difficile che in un momento di crisi si allarghi la giunta. Oltretutto una simile mossa potrebbe rischiare di complicare ulteriormente gli equilibri. Altrettanto inverosimile «rivoltare il Terzo piano come un calzino», come pure avevano richiesto Defeudis e Laguardia.

Le due ipotesi e l’UdCap. L’ ipotesi più plausibile è quella di un cambio in corsa, che sembrerebbe essere stato promesso in una riunione che ha visto i 4 uscire tranquillizzati ed accontentati. E in poche ore potrebbe avverarsi una redistribuzione delle deleghe con la comparsa dei quattro, a mezzo uomo di fiducia, in giunta. La seconda ipotesi, quella dell’azzeramento delle deleghe, comporterebbe tempi e conseguenze che, in questo momento, la fragile compagine governativa potrebbe non reggere. Pronostici sull’ assessore uscente sono ardue e azzardate. Una semplice considerazione di ordine politico porterebbe ad individuare nell’assessore al bilancio Nicola Gallo, forse quello, al momento, maggiormente sprovvisto di “copertura politica”. In entrambi i casi, però, bisognerà tener conto della variabile UdCap. «Come persona – dichiara il capogruppo Luca Reddavide a lanotiziaweb.it, credo che questo sia un momento delicato in cui le priorità per la città sono altre. Come Capogruppo invece ritengo che sarebbe ingiusto far si che un ricatto possa esser premiato a discapito di chi come noi ha sempre coerentemente supportato l’azione di governo della città. Sicuramente bisognerà porre attenzione al peso dei gruppi in giunta».

Gennaro Balzano – Stefano Campese

19 COMMENTI

  1. Un film commedia tutta cerignolana quella che ci apprestiamo ad assistere, 4 peones di precario equilibrio tengono banco, alla pesca della parrocchia ottengono il classico ricordino per aver partecipato, loro tutti contenti. Pensare che avevano chiesto la luna e sono tornati (ai loro principi con il solito finale), “zizzamocca e/o un pugno di lenticchie”. Un’altra comparsa di questa Amministrazione pensa di porsi di traverso, il capogruppo, che deve forse sistemare qualcun’altro “a lui molto vicino”, così pensa di porre la questione di principio con la sibillina frase: No al ricatto! Ma che bella novità, senza scomodare l’alto profilo morale dei 4 Gam, sarebbe il caso di discutere dell’alta competenza mostrata sino ad oggi dagli amici del Ginecologo.
    La troupe è pronta per una nuova avventura, ben lontani dalla realtà della città “che avevano promesso di far risorgere”, ma forse l’unica soluzione è nell’attendere la Pasqua. Per me credente è l’unica resurrezzione alla quale assisto da tanti anni, con immensa devozione. Le altre promesse fatte lasciano il tempo che trovano, questo è ciò che la vita mia ha insegnato e mostrato sino ad oggi.

    • PURTROPPO L’ATTORE PRINCIPALE DI QUESTO FILM COMMEDIA E’ DA SEMPRE E SOLO LUI, IL RESPONSABILE DI TUTTE LE COMMEDIE, TRA LE QUALI CI BAZZICA E SOPRAVVIVE: GIANNATEMPO

  2. E’ vero che sostituiscono il dott. “Lillino” Gallo con l’arch. Nicola Iacobazzi all’assessorato al patrimonio e manutenzioni?

  3. ci sono tante voci. sembra cambiamenti in arrivo. l’unica certezza è che lacicogna e i suoi fans dovranno attendere tanto tanto: non si vota! mettetevi l’anima in pace

  4. per certi stupidi l’importante e’ mantenere sulla poltrona il politicchio che si e’ votati e non il bene della citta’…..poi non e’ detto che in caso di elezioni vinca la cicogna ma puo’ darsi che il pdl tiri fuori un candidato migliore di quello che si sono dovuti sorbire per ingraziarsi i costruttori.

  5. E’ stupefacente che qualcuno pensa a come polemizzare con questa o quella compagine politica, quando i problemi della nostra città sono ben radicati.
    I babalu hanno fatto l’uovo? Questi onomatopeici del verifica o del rimpasto hanno cementato un accordo di chiara matrice “compromissoria” lo chef de la ville ha impastato, farina e cemento, una poltrona per quattro. La dichiarazione dei GAM era stata: Non facciamo questioni di poltrone, ma solo di principi politici.
    Andate avanti Voi che a me scappa da ridere.

  6. Per don Abbondio staremo a vedere “a lui molto vicino” se sarà dei 4 G A M o del capogruppo, solo poche ore.

  7. Grande Caronte bellissima delucidazione è prorpio questo il senso, si parla di una cosa e se ne fa il contrario , Laguardia aveva detto esattamente quello nell’ultimo consiglio Comunale( dove ha preso a pesci in faccia il Sindaco),……ed inoltre riferendomi ad “anonimo” potrebbe forse interessare alla Cicogna di mandare a casa il Sindaco con tutta la Maggioranza, – come anche per il PD- , ma il fine primario è quello di informare la gente , tutta la gente ,di tutte le magagne che per abitudine si fanno …… c’è qualcuno che vigila per noi !!!

  8. Giannatempo continuerà a prendere ancora in giro, per diversi mesi, quei 4 senza OO, portandoli allo sfinimento. Alla fine li acconterà…con la sostituzione di un messo comunale!!!
    A proposito, e quel consigliere disoccupato che prenderà il posto alla SIA, non lo si vede più in giro????

  9. Belle sono le promesse dell’ On. CESA , ma facciamo una piccola riflessione UDC, Ud CAP fanno parte del terzo polo?Il terzo polo è costituito da Fini, Rutelli, Casini? Qualcuno sa spiegarmi come mai i Finiani chiedono le dimissioni di Cetto ad alta voce i Democristiani mitigano la situazione proponendo costruttive attività per risolvere i problemi della città? Forse qualcuno vuole prendere tempo?Forse i tempi non sono maturi? Ma questo non andrà a creare ulteriore danno alla nostra città? POVERA CERIGNOLA POVERI NOI CERIGNOLANI vittime di sporche manovre politiche.

  10. mi dispiace per voi carissimi…ma dureremo 5 anni!! ahahah

    aivoglia a fare comunicati

  11. Ma questo è indubbio caro “dovete aspettare” no 5 ma 3 anni, 3 anni passano caro ma stai tranquillo anzi tranquillissimo che qualcuno non dimentica Ahahahahhahhah!!!! CARO.

  12. State tutti buonini: nessuno ha voglia di cacciare Giannatempo, (tantomeno il PD), tranne la Cicogna. Tutti i consiglieri, esclusi quelli della Cicogna (per vari motivi) hanno interessi trasversali da salvaguardare. Vedrete…

    • …..un odio a prescindere…… sei un mito per il sindaco ….. e poi cosa ti importa se stanno bene o no se hai questa irreverente avversità??

    • No, perchè non sono funzionali al potere. Non hanno mai governato, quindi non hanno interessi vecchi da salvaguardare. Poi se stanno già bene è meglio per tutti, vorrà dire che non avranno tentazioni mariuolesche.

  13. cara redazione ci sono news sui nomi dei nuovi assessori?
    e sapete se c’è benzina in qualche distributore cerignolano?

  14. Resto inorridito.
    Forse perchè ero uno dei pochi che pensava che Defeudis, Laguardia, Morano e Netti fossero persone serie e con dignità.
    Non ho mai creduto che avessero interessi personali da perseguire, ma mi rendo conto che sbagliavo.
    Avevano proposto otto punti programmatici all’amministrazione che non li aveva minimamente considerati.
    Avevano ridotto la loro protesta chiedendo l’azzeramento della giunta e degli incarichi dirigenziali, ma anche in questo caso senza la minima considerazione.
    Ora, è evidente che erano tutte chiacchiere e proclami.
    Con quale coraggio cammineranno per Cerignola ancora a testa alta?
    Come si fa a considerarle ancora persone serie e dignitose?
    Loro uguali agli altri.

Comments are closed.