E’ una partita che non ha bisogno di particolari presentazioni: il derby tra Cerignola e Manfredonia è incontro dai molteplici spunti e dal grande interesse, big match della 20ma giornata del campionato di Eccellenza. Una rivalità storica e definita nel tempo, che anche recentemente non ha mancato di offrire elementi di “attrito” tra le società; il riferimento è alla gara di andata, sul campo finita con il successo dei sipontini per 2-0 e ribaltato dalla giustizia sportiva in uno 0-3 a tavolino per i dauni, perché il Manfredonia aveva schierato un under senza l’attestato di maturità agonistica. La compagine allenata da Franco Cinque è in un momento di forma molto buono, con una certa regolarità di risultati e di prestazioni: solo due sconfitte nelle ultime dodici giornate. Sono partiti Quaresimale (andato al Monopoli) e Zoila per rescissione, rimpiazzati da Carminati, forte attaccante proveniente dal Bisceglie, e dal difensore Telera. Molto duttile lo schema di gioco del’ex tecnico del Vieste, il quale passa da un 4-3-3 ad un 4-3-2-1 o ancora ad un centrocampo a rombo, dove i vari Della Torre, Di Toro e i gemelli Augelli ne rappresentano i capisaldi. A testimonianza della versatilità dei loro uomini, i biancazzurri hanno mandato a rete finora ben dodici calciatori, per un totale di 29 gol realizzati (18 quelli subiti). Formazione che lotta per i playoff (quinta, con 30 punti all’attivo), il Manfredonia arranca un po’ in trasferta: solo una vittoria in nove partite, ottenuta sul terreno del San Paolo, ma comunque si aggiungono al bilancio sei pareggi e solo due sconfitte (a Corato e Monopoli). Domani mancherà per infortunio uno dei cardini dei “delfini”, Romito: per lui operazione effettuata in settimana per la lesione di un menisco.

C’è un clima di fiducia e di moderato ottimismo nelle fila dell’Audace: i tre punti importanti ottenuti a Vieste sembrano aver sancito ufficialmente la pace tra la tifoseria e la squadra, grazie all’avvento e alla grinta dimostrata da mister Trallo. Verosimilmente, domani dovrebbe verificarsi un ritorno deciso alla presenza sugli spalti, in particolar modo dei gruppi organizzati, che hanno apprezzato la condotta di gara e la voglia messa in campo sul Gargano domenica scorsa. Trallo sembra orientato a dare fiducia alla stessa formazione impiegata sette giorni fa, ma le sorprese non sono da escludere: a riposo precauzionale Rossi Finarelli e Di Pinto (regolarmente in campo domani), gli esterni di centrocampo dovrebbero essere ancora i due under, con chance per Aucello e col rientrante Cossu; Riontino e Colangione invece sotto diffida rischiano di saltare il Monopoli in caso di ulteriore cartellino giallo. Il calcio d’inizio sarà alle 14.30, la direzione di gara affidata ad una terna interamente barese, guidata dal sig.Carella. E’ stata vietata la trasferta ai sostenitori ospiti per motivi di ordine pubblico, ai quali hanno contribuito alcuni tafferugli verificatisi all’andata: da parte nostra, ci auguriamo che sia una festa dello sport ed un bello ed appassionante confronto, che vinca il migliore e ci si stringa la mano al triplice fischio senza eccessive polemiche.