Elena Gentile dopo tutto quello che si è detto su videolettere, ospedale e sanità esce a sorpresa con una nota in cui ‘da il benvenuto’ al nuovo ortopedico che giungerà nei prossimi giorni a Cerignola. «Diamo il benvenuto al dottor Nicola Dalessandro – afferma l’Assessore regionale – che entra a far parte della dotazione organica dell’unita’ operativa di Ortopedia dell’Ospedale della città di Cerignola. Il Piano di riordino ospedaliero ha riservato al nostro presidio una posizione di rilievo nella rete ospedaliera della provincia di Foggia. Nessun reparto chiuso ma un reale potenziamento di quelli esistenti nella certezza che il presidio cerignolano sarà’ il terzo ospedale della capitanata dopo Casa Sollievo della Sofferenza e il Policlinico della Città capoluogo per numero di posti letto e per dotazione organica».

Cosa si sta facendo per il Tatarella «Dal mese di settembre – continua il membro della Giunta Vendola – il nostro presidio si e’ arricchito di nuove professionalita’ mediche in Radiologia in Otorino ed Ortopedia e di 15 nuovi infermieri, 11 dei quali gia’ da settimane in servizio a cui si aggiungeranno altre quattro unita’ entro la prima settimana di marzo. Attendiamo di conoscere tra breve la graduatoria degli ammessi al  secondo bando di mobilità regionale che, dopo quello pubblicato a luglio consentira’ alla nostra struttura di arricchirsi di nuove competenze mediche».

A breve «Imminente – annuncia Elena Gentile – l’apertura dei locali del nuovo Pronto Soccorso e l’attivazione della Pista di Elisoccorso mentre sono in corso i lavori di completamento dei locali del’ex-Ospedale che ospitera’ i nuovi poliambulatori ed il servizio di Radiologia Territoriale. Tutto questo a Cerignola anche grazie al discreto e preziosissimo impegno del dottor Rocco Dalessandro che, nelle vesti di operatore della struttura ringrazio personalmente».

Uno sguardo alla Capitanata (e alle polemiche) «Aggiungo, inoltre – conclude l’assessore – che, negli altri ospedali della provincia, e’ iniziata la riconversione così come prevista dal piano di riordino (di qualche giorno fa l’inaugurazione del reparto di Dialisi nel’ Ospedale di Monte S. Angelo). Dunque nessuna struttura verrà consegnata all’oblio della storia (neanche quella di Lucera). Nell’archivio del gossip di paese i cittadini archivieranno il bilioso chiacchiericcio di questi mesi clamorosamente smentito dai fatti».

16 COMMENTI

  1. Brava. non avevo dubbi che avresti valorizzato la nostra amata Cerignola , al contrario di ciò che sostengono gli altri. brava, brava brava. e GRAZIE.

  2. Ma si doveva arrivare a questo punto?Sicuro che se stava Ruocco no uno ma tre ne venivano e senza chiudere oh gocc.
    Savino,tonia e tony grazie grazielle e …………………

  3. tanto per iniziare la pista dell’elisoccorso , per ora ce la sognamo, poichè visto l’andazzo dei lavori manco tra 10 anni entrerà in funzione. Per quanto riguarda il nuovo pronto soccorso dobbiamo ringraziare San pinuccio …… che dopo aver spaccato tutto nel vecchio in una nottata si è miracolosamente aperto il nuovo.Per quanto riguarda l’ortopedia …. ma veramente pensate che con tre sole unità mediche il reparto possa funzionare h 24. comprese malattie , infortuni e ferie ? Elena ….. Elena …….. essere o non essere questo è il problema .

    • Io penso che tutto questo non serva a niente!bisogna cambiare radicalmente i dottori presenti nei vari reparti e metterci dentro gente veramente professionale ed umana nello stesso tempo.
      Ho ricoverato per una tac con contrasto mia mamma a novembre del 2011 con la massima urgenza Nel reparto di chirurgia e dopo tre giorni di attesa di vitale importanza per mia mamma ancora non si decidevano a farle la tac palleggiandosi la colpa tra i vari reparti e se non ci fosse stata quella Santa donna della Dottoressa Alicino Anna che oltre ad essere una serissima professionista a anche un grande cuore siamo riusciti a fare la Tac,il risultato e’stato tragico!!neoplasia con metastasi e oltre esserci crollato il mondo addosso il giorno dopo che eravamo ancora in ospedale il Dottore Amorese facendo il solito giro pazienti guardando mia madre le dice:Signora,ma le hanno detto cosa ha?mia madre ovviamente per istinto gli ha detto: si si so che cosa ho.Adesso a voi le conclusioni.Io sto soffrendo le pene dell’inferno e non auguro nemmeno al mio peggior nemico tutto questo,inoltre un trattamento del genere non lo meritava minimamente la mia mamma come del resto tutti i malati di questo mondo.Essere Dottori,infermieri,ausiliari,primari e’ innanzitutto una missione che deve essere imprescindibile con la professionalita’ e quando nel nostro ospedale riusciremo ad avere tutto questo lo strazio al cuore che provo io e sicuramente provero’ per sempre forse sara’ un tantino sollevato pensando che la gente malata non sara’ piu’ trattata come hanno trattato la mia adorata mamma.

  4. Mica un dottore e 10 infermieri possono risolvere un problema così grande?tanto chiasso per niente..

  5. solo chiacchere!!!!! al Tatarella di Cerignola si assumono ormai solo ausiliari e infermieri portatori di voti, ma i medici dove sono, o meglio che fine faranno??? forse in pochi sanno che lo stipendio del mese di gennaio non è stato pagato ai medici del Tatarella perchè si dà priorità a quello degli ausilari ed infermieri! con questa politica aziendale sfido a trovare medici affermati disposti a lavorare GRATIS! GRAZIE VENDOLA e GENTILE

  6. Ragazzi bisogna dire una sola cosa.In quel ospedale i vari dottori hanno piu’ di un lavoro oltre ad essere dottori,hanno lo studio privato(ti fanno sembrare difficile accedere in ospedale su stupidagini cosi’tu che fai?)Vai a pagamento sempre da loro ma a pagamento,oltre a questo sono presidenti,sindaci,amministratori,sistemano il posto di lavoro a tutta la settima generazione etc etc……..

  7. ma che stai a dire, tutto bene, l’ospedale va alla grande, dalessandro “xxxxxx” in versione ospedale e nu pulir!!!!! a fatghei……………scetaven!!!

  8. Ok, arriva un medico in ortopedia (chiusa da mesi) e il plauso alla Gentile, arrivano 10 infermieri e il plauso alla Gentile. Il plauso alla Gentile solo quando si accende una piccolissima luce lì dove il buio è pesto. E per il buio pesto a chi va il demerito. Alla Gentile no? Dott.ssa Gentile se la Sua politica è fatta di medaglie non vedo perchè non vuole indossare anche le orecchie da ciuchino. A scuola si ha un buon voto quando si studia e un pessimo voto quando si è impreparati, Lei annuncia le sufficenze e scappa quando occorre annunciare la scarsa mediocrità xxxxxxx.

Comments are closed.