I Carabinieri  della Stazione Carabinieri di Stornara, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di droga, hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti due censurati del piccolo centro dei cinque reali siti: PRETE Giuseppe, classe 1984, RANO Leonardo, classe 1992. A seguito di numerose segnalazioni da parte di diversi cittadini che riferivano di un’ attività di spaccio svolta da alcuni ragazzi lungo l’area pedonale della Via E. Fieramosca all’altezza con l’incrocio di Via Cairoli, i militari della locale Stazione Carabinieri, coadiuvati dai colleghi di Cerignola, intraprendevano un servizio di “appostamento” in modo da poter monitorare l’area di interesse. I Carabinieri notavano la presenza di diversi ragazzi tra i quali veniva riconosciuto il giovane RANO Leonardo. Lo stesso camminava nervosamente su è giù per un tratto della piazzetta mentre gli altri, non noti, continuavano a dialogare normalmente tra loro. Dopo qualche minuto giungeva a piedi un giovane che con titubanza si avvicinava al RANO che si allontanava e giunto in prossimità di una recinzione si piegava, raccoglieva un involucro da terra e si riavvicinava subito dopo al giovane che era rimasto ad attenderlo ed  al quale consegnava l’involucro ricevendo in cambio una banconota che RANO riponeva nelle tasche del giubbotto. Fermato il giovane acquirente veniva trovato in possesso di 1 grammo di “Hashish” e pertanto gli veniva contestato l’illecito amministrativo della detenzione per uso personale ai sensi dell’art.75 del DPR 309/90. Dopo un po’ giungeva a piedi nella Via E. Fieramosca PRETE Giuseppe, tratto in arresto dagli stessi militari di Stornara il 21.04.2011 per il medesimo reato,  che dopo essersi avvicinato al RANO si appartava con questi e gli consegnava un involucro bianco che RANO nascondeva all’interno del giubbotto e poco dopo, allontanandosi a piedi  per alcuni metri, lo depositava all’interno di una fioreria posta a delimitazione dell’area pedonale. I Carabinieri decidevano  di intervenire rinvenendo  all’interno della fioriera l’involucro bianco consistente in un fazzolettino di carta all’’interno del quale vi era una carta stagnola contenente 25 grammi  di “Hashish” suddivisa in più dosi di varie  dimensioni e peso. All’interno della fioriera vie era inoltre un involucro in cellophane di colore bianco del peso di grammi 0,5 di “Cocaina”. La sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro unitamente a €.47,00 e €.44,95 rinvenute rispettivamente a RANO e PRETE e ritenute provento dell’attività di spaccio. Sulla base di quanto accertato e sopra descritto PRETE Giuseppe e  RANO Giuseppe venivano dichiarati in stato di arresto e tradotti presso la casa circondariale del capoluogo.

1 COMMENTO

  1. stesso metodo usato nel quartiere Addolorata di Cerignola. Facessero un controllo nelle fioriere (davanti ad una pizzeria di via XXIV Maggio in ore serali, la pizzeria era chiusa), mi è capitato di vedere troppo movimento lì intorno, e non erano botanici. E la polizia e carabinieri si domandassero che ci fanno gruppi di ragazzi agli angoli delle strade a qualsiasi ora, ok la disoccupazione ma non credo che loro lo siano.

Comments are closed.