Ieri 6 febbraio, alle 15,45 circa, durante il servizio di vigilanza per il controllo del territorio, una pattuglia dell’A.N.P.A.N.A (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente) ha notato sulla strada di servizio che collega via Manfredonia con via Padula (per meglio interdere la strada che corre parallelamente alla tangenziale), un’area recintata da un nastro con su scritto “pericolo di amianto”, proprio a ridosso di un cancello. Il materiale appariva riposto in sacchi di nylon ben chiusi con su scritto “abbandono temporaneo di amianto”. Tale pattuglia ha informato il Comandante della Polizia Municipale che ha subito inviato una volante. Il materiale è stato rimosso, anche in relazione alla possibilità di deterioramento a seguito delle condizioni ambientali di questi giorni. Sui sacchi inoltre è stato rinvenuto un foglio con il nome dell’azienda che presumibilmente avrebbe dovuto effettuare lo smaltimento.

Non si tratta di un episodio isolato. Lo scorso 22 gennaio è stato presentato un’altro esposto in Procura riguardante zona San Vito dove sono state rinvenute altre 15 lastre di fibrocemento, presumibilmente Eternit. Attualmente stanno indagando i Carabinieri di Cerignola su questa che è parsa una ‘quasi’ discarica di circa 15 mq.

9 COMMENTI

  1. Veramente Massimo il vice comandante ha 30 anni,forse è più giovane di te,comunque loro qualcosa la fanno per l’ambiente e gli animali.Tu il xxxxxx dalla sedia quando lo muovi è fai qualcosa invece di scrivere xxxxxxxxx? Comuque a parte i commenti intelligenti, mi associo ad Antonio “bravi” l’anpana sono tutti ragazzi davvero in gamba che meritano la stima di tutti.

  2. la notizia e’ interessante, il lavoro dell’ anpana e’ spettacolare, pero’ sarebbe interessante sapere il nome di questa azienda che ha mollato li l amianto.

  3. E poi la gente muore senza alcun motivo o si ammala di tumore tutto ad un tratto e non si capisce il perchè…..non sappiamo piu nemmeno quello che ci mangiano se è genuino..

  4. Si fa tanta polemica per amianto imballato ..ma ci rendiamo conto che io ,la mia famiglia e tante altre come la mia viviamo accanto all’ex mulino Tamma che è strapieno di amianto ..Allora Anpana perchè non guardare ad un palmo dal naso e in pieno centro e magari fare qualcosa??

    • egregia Sig.ra Perrucci, comprendo molto il suo stato d’animo, ma l’ ANPANA è un corpo di guardie volontarie che si sforza A PROPRIE SPESE, di collaborare in primis con le Istituzioni, quando queste ci credano, pertanto perchè Lei non denuncia direttamente ai Carabinieri o la Polizia Municipale e se non ha risposte direttamente in Procura come libera Cittadina quanto sostiene?
      è un loro compito la salvaguardia dell’ambiente!

Comments are closed.