Riceviamo e pubblichiamo una breve nota giunta in redazione a firma dell’assessore all’Ambiente, Stefano Palladino, che informa sulla riunione dell’associazione “Vieni in bici”, che si terrà questo pomeriggio. L’assessore rimarca quanto sia salutare l’uso della bicicletta per ridurre il traffico ed annuncia la presentazione del progetto “Rastrelliere in città”, per l’installazione dei punti di sosta nelle zone della città.

Ho sempre ammirato le città emiliane in cui vige il culto della bicicletta.

I cittadini di quelle città sfruttano il loro territorio pianeggiante e si spostano usando la bicicletta in tutte le stagioni, con il freddo, il caldo, la pioggia ed il sole. La nostra città avrebbe le caratteristiche ideali per i cicloamatori, essendo per gran parte pianeggiante e godendo di un clima favoloso. L’utilizzo della bicicletta rende una città più vivibile, strade meno congestionate, abbattimento del rumore, fa bene al fisico combattendo la sedentarietà.

E’ per questo che sabato 11 febbraio alle 17:00 sarò presso la sede cella CNA in via XXV Aprile per partecipare alla prima assemblea dell’Associazione “Vieni in bici”, una riunione a cui potrà partecipare chiunque abbia a cuore una crescita dell’utilizzo della bicicletta nella nostra città. Personalmente sono socio dell’associazione e come amministratore ho cercato di dare il mio apporto presentando in giunta il progetto ideato dalla stessa associazione denominato “Rastrelliere in città”.

Tale progetto propone l’installazione di rastrelliere per la sosta delle biciclette in punti strategici del centro cittadino. La tutela e la valorizzazione dell’ambiente e del territorio avviene anche con questo tipo di iniziative, sono convinto che stimolare i cittadini all’uso della bicicletta possa contribuire a sensibilizzarli anche su temi più strettamente ecologici ed ambientali.

Sono convinto, inoltre, che questo tipo di associazioni possono rappresentare l’occasione per discutere, senza strumentalizzazioni, su temi e questioni che possano contribuire a migliorare la qualità della nostra vita. Sono fiducioso del fatto che l’associazione “Vieni in bici” possa realizzare quanto si propone, da parte mia otterrà l’aiuto che è nelle mie disponibilità.

4 COMMENTI

  1. Salve, come al solito si dicono stupidaggini!! si vogliono costruire i punti di sosta delle bici! bene! ma per arrivarci come si fa?? credo che prima si debba pensare a piste ciclabili (vere!!! non come quelle di viale di levante che finiscono in un fruttivendolo o ci scontra con i pali dell’illuminazione!).
    Certo ch siete dei geni!

  2. Ebbene il signor Mario, secondo il mio modesto punto di vista, ha proprio ragione sull’argomento… A Cerignola, benchè già di nostro non abbiamo questa buona abitudine di muoverci con la bicicletta, (ma in realtà con nessun mezzo alternativo all’automobile) da parte delle ultime amministrazioni Comunali non c’è stata la giusta attenzione a questo tipo di circolazione, nè la adeguata promozione di iniziative volte all’incremento di tale utilizzo. Basti pensare che la già citata da Mario pista ciclabile di Viale di Levante è pressochè impraticabile a causa dell’occupazione abusiva dei marciapiedi da parte dei commercianti, che di fatto si sono arrogati il diritto di sfruttare i metri quadri di suolo pubblico antistanti le loro attività per aprire delle “bancarelle” nel bel mezzo della pista e per le quali il comune non percepisce un euro di tasse. Ma poi… scusate l’ignoranza ma un marciapiede e una pista ciclabile possono coesistere nel medesimo spazio? Ciò è contemplato nel codice della strada? Per non parlare poi del circuito di Via San Marco. Il più frequentato della città. Ogni settimana sono centinaia gli utenti fra podisti e cicloamatori che si “avventurano” su quella strada sulla quale è stata creata una semplice segnaletica verticale sul solo lato destro, promiscua podisti/bici e secondo me insignificante visto che nessuno la rispetta, dove transitano impunitamente auto e motorini a tutta velocità. E’ capitato anche a me di essere stato sfiorato da qualcuno di questi e mi è anche successo di incrociare le forze dell’ordine che purtroppo sono costrette a dover vigilare con un servizio ad hoc nella zona in quanto è PERICOLOSA!!! Quindi Signor Assessore… non è dalle rastrelliere che si comincia!!! Saluti alla redazione di Lanotiziaweb e buon lavoro.

  3. Ed il bike sharing nulla piu’.
    O per caso abbiamo come al solito, perso il finanziamento?
    Assessore Palladino ci faccia sapere.

Comments are closed.