Nella 23ma giornata del campionato di Eccellenza è in programma per l’Audace Cerignola l’insidiosa trasferta di Fasano, al cospetto di una squadra alla ricerca di punti salvezza. I brindisini (sui quali gravano quattro punti di penalizzazione) hanno finora messo in cascina 21 punti, collocandosi all’undicesima piazza in classifica, con uno score di sette vittorie, quattro pareggi e dieci sconfitte. Da tre settimane i biancazzurri hanno cambiato la guida tecnica: al posto di Olive siede ora in panchina Angelo De Fuoco, il quale peraltro domani sarà in tribuna per scontare un turno di squalifica. E’ una buona formazione quella fasanese, che sta portando avanti il progetto di schierare in campo il massimo numero possibile di calciatori locali; ha effettuato un interessante mercato di riparazione, acquistando diversi elementi a metà campo (Di Santantonio, Serri, Tateo e Martellotta) non tralasciando gli altri reparti come gli innesti dell’attaccante Brescia e del difensore Ciafardino. Anche le partenze sono state di spicco, tra gli altri infatti che non vestono più la casacca della città della Selva vi sono De Luisi, Ancona, Salvi e Frascolla. Il Fasano ha perso al 95’ domenica scorsa a Corato e, considerando anche la partita di Tricase da recuperare, manca l’appuntamento con la vittoria da quattro gare, nelle quali ha racimolato un solo punto. Sul campo di casa però sta costruendo le fortune di questa stagione: al “Vito Curlo” sei successi, tre pareggi e due sconfitte con una delle migliori difese negli incontri interni, appena sei gol subiti. Il bomber Ventura (ex Cerignola) è l’uomo imprescindibile per la compagine di De Fuoco, poiché sulle 25 reti realizzate, ben 12 (la metà in pratica) portano la sua firma. Anche tra le file ospiti vi sono degli ex e si tratta di Modesto, Millan e Di Pinto.

I gialloblu di Trallo, dal canto loro, desiderano trovare una certa continuità di rendimento per poter soffiare il secondo posto al Bisceglie: la felice prestazione sia di gioco che di risultato col Racale, è stata salutata con particolare soddisfazione. Riuscire a fare bottino pieno su un terreno dove solo lo stesso Racale e il Copertino hanno portato via l’intera posta, sarebbe un buon viatico per lo scontro diretto del 26 febbraio con un Bisceglie alle prese ora anche con la fase nazionale della Coppa Italia. Il mister dell’Audace non dovrebbe mutare radicalmente l’assetto visto una settimana fa, avendo a disposizione con l’eccezione di Lombardi l’intera rosa; Millan rientra dalla squalifica ed a fargli posto sarà uno tra Malerba e Zonno. Sfida nella sfida tra gli attaccanti delle due avversarie: da una parte Ventura, come detto tiratore scelto fasanese; dall’altra Di Pinto e Rossi Finarelli che portano in dote rispettivamente 11 e 10 marcature. In difesa solita linea composta da Papagno, Colangione, D’arienzo e Colucci, quest’ultimo fra i più positivi nell’ultima uscita. L’incontro in inizierà alle 15, con la direzione di gara affidata al sig.De Santis di Lecce. Nonostante la forte rivalità tra le tifoserie, non sono state previste restrizioni di sorta: dunque i sostenitori ofantini potranno recarsi allo stadio ad incitare i loro beniamini.