Amici vicini e lontani è questa la settimana degli Oscar®.  La sera del 26 febbraio (l’alba del 27 in Italia) si assegna la mitica statuetta d’oro e come gioco della settimana, piuttosto che la solita recensione, proviamo ad eleggere i nostri vincitori. Ecco gli Oscar de ‘lanotiziaweb.it‘!!! (P.S. ovviamente in commento saremmo curiosi di conoscere i vostri Oscar…)

MIGLIOR FILM

The Descendants – Paradiso amaro 
The Help 
Hugo Cabret
Tree of life 
Moneyball – L’arte di vincere 
War Horse 
The Artist 
Molto forte, incredibilmente vicino 
Midnight In Paris 

THE WINNER IS: Hugo

Diversi film brutti nelle nomination (The Help, War Horse su tutti), inconsistenti come “Paradiso amaro”, sopravvalutati come “Moneyball”, spocchiosissimi (Tree of life), americani troppo americani come “Molto forte, incredibilmente vicino”. Il mio personale Oscar della simpatia va a Woody Allen, ma la statuetta se la contendono “The Arstis” (film originalissimo) e l’incantevole mondo creato da Scorsese con “Hugo”.  Per noi ai punti vince quest’ultimo…

MIGLIOR REGIA

Woody Allen – Midnight In Paris 
Terrence Malick – The tree of life 
Michel Hazanavicius – The Artist 
Alexander Payne – The Descendants 
Martin Scorsese – Hugo 

THE WINNER IS: Martin Scorsese

Stesso discorso valido per i film. Se la contendono, senza dubbi, Michel Hazanavicius  per “The Artist” e il buon vecchio  Martin…

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

George Clooney – The Descendants 
Gary Oldman – La talpa 
Demián Bichir – A better life 
Brad Pitt – Moneyball 
Jean Dujardin – The Artist

THE WINNER IS: Gary Oldman

Senza se e senza ma: la statuetta la merita il grandissimo Gary Oldman de “La Talpa”, un attore dalla carriera un po’discontinua ma che in questo film è in assoluto stato di grazia…

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Glenn Close – Albert Nobbs 
Viola Davis – The Help 
Rooney Mara – Uomini che odiano le donne 
Meryl Streep – Iron Lady 
Michelle Williams – My Week With Marilyn

THE WINNER IS: Glenn Close

La statuetta se la contendono due attrici, per due film sicuramente non bellissimi: Glenn Close con “Albert Nobbs” e  Meryl Streep per “Iron Lady “. La fisicità con la quale interpretano questi ruoli, la capacità di rendere il film contorno rispetto alla loro interpretazione, impongono la difficile scelta tra queste due grandi signore del cinema hollywoodiano . Noi tifiamo per Glenn Close, anche perché la Thatcher non ci è mai stata simpatica (neanche se interpretata dalla grandissima Streep…)

MIGLIOR FILM STRANIERO

Rundskop (Belgio)
Hearat Shulayim (Israele)
In Darkness (Polonia)
Monsieur Lazhar (Canada)
Una separazione (Iran)

THE WINNER IS: Una separazione

La statuetta la vince sicuramente “Una separazione”. Una descrizione perfetta e coinvolgente del mondo arabo, delle sue trasformazioni, delle sue tradizioni, ma anche un modo per sfatare tanti, tantissimi luoghi comuni occidentali (specialmente sulle donne). Uno dei film più belli del 2011 che merita giustamente di essere premiato.

Ovviamente c’è poi da tifare per Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (Hugo Cabret), italiani candidati nella categoria MIGLIOR SCENOGRAFIA …

Buona notte (mattina) degli Oscar® a tutti i nostri lettori dal Sig. Deleuze.

CONDIVIDI
  • IAK

    CHE NE AVESSI PRESO UNA (A PARTE LO STRANIERO)