Recital Musica e Cocktail”, tre elementi che hanno reso speciale la serata di venerdì 4 maggio, tenutasi presso il Laboratorio Urbano ExOpera, e realizzata grazie al contributo della famiglia Belpiede. Nell’atrio echeggiavano la musica passionale e delicata di Claudio Signorile dall’album solista “A song 4 each day…” e le poesie di Anna Raffaella Belpiede, lette con maestria da Mariella De Palma.

Il libro di poesie della cerignolana Belpiede “L’amare delle donne” (edito da Lieto Colle Editore, 2011), ha offerto l’occasione alle illustri ospiti per analizzare il modus scribendi delle donne e l’intimo animo della poesia femminile. Dopo i saluti dell’assessore regionale al Welfare e alle Politiche di Genere, Elena Gentile, sempre attenta alle donne e alle loro opere, è stata la volta di Mercedes Arriaga dell’Università di Siviglia, esperta Di scritture femminili, della professoressa Antonella Cagnolati dell’Università Di Foggia e Presidente del Centro Studi Di Genere e di Rita Saraò, Presidente Associazione Donne In Rete.  L’autrice selezionata della VI edizione del Concorso Lingua Madre con il racconto  Ho vissuto in terre lontane, con le sue poesie, tratta il tema della morte, dell’abbandono involontario e precoce e la paura d’amare. Vi sono, nella raccolta, la dipendenza dall’altro e la ricerca di autonomia e una visione della vita contrastata tra destino, karma, genealogia ed emancipazione, eros e thanatos, materia e spirito: un mix di sentimenti che hanno reso la serata speciale.

CONDIVIDI
  • Liv

    Non sapevo niente dell’evaneto, mi sarebbe piaciuto esserci.

  • Liv

    evaneto=evento…scusate.

  • Donna

    Questo si che e’ stato un grande evento per le donne. Un grande successo. Non mi piaciono altri recenti incontri che si sono tenuti giorni fa, da donna non appoggio snoq

  • Liv

    Ognuno è libero di fare quello che vuole, SNOQ non punta la pistola alla testa, se si vuole aderire lo si fa liberamente. Ho già detto che mi sarebbe piaciuto esserci, per me tutti gli avvenimenti sono importanti da seguire, specie se riguardano il mondo femminile, in tutte le sue espressioni.