Pubblichiamo la testimonianza di un’ex membro del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, in cui descrive in cosa consiste realmente il movimento ma soprattutto chi c’è dietro ad esso, focalizzandosi in particolar modo sulle elezioni avvenute a Milano, in cui il M5S ha raggiunto un ragguardevole risultato, candidando un ragazzo di 20 anni. Consiglio di leggere tutto l’articolo perchè è veramente interessante. L’articolo è già comparso diverse volte in moltissimi blog e sta facendo il giro della rete. Di seguito il pezzo integrale.

sabato, 07 maggio 2011
Mattia Calise e il pericolo dietro al movimento 5 stelle

A Milano c’è un giovane candidato sindaco, appena ventenne, che raccoglie consensi tra le persone che, a ragione, sono stanche di questa politica. Una politica che spesso ci fa sentire presi in giro. E’ comprensibile. Basta vedere cosa succede ogni giorno: il parlamento impegnato a risolvere i problemi di Berlusconi, la polizia che carica giovani indifesi, la Minetti alla Regione e forse presto in parlamento, gli appalti venduti alla ‘ndrangheta in cambio di voti… ce n’è per tutti i gusti e siamo stufi.

Succede poi che un comico molto apprezzato cominci ad usare queste cose per suscitare la nostra indignazione e farci ridere allo stesso tempo. E’ terapeutico prendere collettivamente in giro i politici, per terminare con un liberatorio “vaffa.” Ci allontana da quella sensazione di impotenza che ci accompagna ogni giorno ma è solo un’illusione se poi le parole non si tramutano in azione. Sembra quasi che sia tutto frutto di un attento studio.

E infatti scopriamo che Beppe Grillo non è che la facciata di un movimento che nasce nella mente di Gianroberto Casaleggio, sembra che sia sua anche l’idea dei Vday, ma chi è costui?

Un giorno, quando collaboravo alla campagna elettorale delle regionali in Lombardia per le 5 stelle, piena anch’io di tante speranze, ebbi l’onore di conoscerlo. Erano solo due mesi che partecipavo nel meetup e Vito Crimi (candidato alla presidenza della Regione per il movimento 5 stelle) mi mandò dallo staff di Beppe Grillo insieme ad altre due persone, le mie idee su cosa fosse questo staff non erano ancora chiare. Beppe Grillo aveva sempre parlato di 5 ragazzi… Ci rechiamo negli uffici della Casaleggio Associati a Milano, Gianroberto, dopo averci dato indicazioni sui temi che avrebbero dovuto affrontare i candidati nell’evento di piazza Duomo, si alza, si gira e se ne va senza neanche un grazie arrivederci. Quel giorno dissero anche una frase che mi colpì molto. Dissero che al tabellone luminoso in piazza Duomo avrebbero pensato loro, sapete quanto costa l’affitto di quel coso? La cosa mi colpì ma volevo ancora aggrapparmi alla speranza che con il movimento ci saremmo liberati della casta. Altre vicissitudini poi mi spinsero a cercare ulteriori informazioni e così un collegamento dopo l’altro è emersa la triste, amara verità.

La Casaleggio Associati è una società di strategie di Rete e marketing, gestisce il blog di Grillo, ne possiede i credits ed è anche la casa editrice dei suoi libri e video.

Ecco chi sono i “5 ragazzi” che il 22 gennaio 2004 fondano la Casaleggio Associati:

Gianroberto Casaleggio, già Amministratore Delegato e Direttore Generale della Webegg (gruppo multidisciplinare per la consulenza delle aziende in Rete, controllata per il 59,8 % da I.T. Telecom Spa (controllata a sua volta al 100% da Telecom Italia) )

Luca Eleuteri, tra il 2000 e il 2003 lavorava nella Direzione Generale di Webegg.

Mario Bucchich, fino al settembre 2003 è stato Responsabile Comunicazione e Immagine del Gruppo Webegg.

Enrico Sassoon, già Direttore Responsabile della rivista Affari Internazionali e membro dell’American Chamber of Commerce in Italia, entra il 15 gennaio 2001 nel Consiglio di amministrazione di Webegg.

C’è poi anche Maurizio Benzi, Marketing di Webegg e organizzatore dei Meetup di Grillo a Milano.

Gianroberto Casaleggio inizia la sua carriera nell’Olivetti di Roberto Colaninno, poi diventa amministratore delegato di Webegg, joint venture tra Olivetti e Finsiel, a fine giugno 2002 Olivetti cede la propria quota (50% del capitale) in Webegg Spa a I.T. Telecom Spa, che nel 2000 ha dato vita a Netikos Spa dove Casaleggio fa parte del CdA con Michele Colaninno (secondogenito di Roberto e presente nel CdA Piaggio), poi nel 2004 chiude e passa con altri dirigenti Webegg a fondare nel 2004 la Casaleggio Associati.

Nel Gennaio 2005 parte il blog di Beppe Grillo.

Roberto Colaninno nel 1996 viene nominato amministratore delegato di Olivetti.

In quegli anni trasforma l’azienda da una società di computer in una holding di telecomunicazioni creando Infostrada e Omnitel.

Nel 1999 lancia una offerta pubblica di acquisto (OPA) su Telecom Italia, fino ad oggi la più grande operazione di acquisizione mai operata in Italia. Come soci dell’operazione ha un gruppo di imprenditori bresciani guidati da Emilio Gnutti.

L’operazione riesce, però crea un grosso debito in Telecom che non riesce a risanare, facendo sprofondare la società di telecomunicazione.

Nel 2001 vende la Telecom a Pirelli (Marco Tronchetti Provera) e Benetton (famiglia Benetton).

Gianroberto Casaleggio, l’uomo dietro Grillo, ha avuto rapporti con i Colaninno. E prima di lavorare in proprio è stato in una società controllata da Telecom Italia, la Webegg.

Nondimeno Grillo attacca Gnutti-Colaninno (Mr. 19.000 licenziamenti) e soprattutto Provera (prode skipper con l’hobby delle scatole cinesi…).

La share action che scopo ha? Beppe Grillo scrive al neo a.d. Bernabè che nel 2008 sarà pronto con la share action, ma a far che??? Non è un po’ strano che il suo editore sia così attaccato all’argomento Telecom?

La Casaleggio Associati ha numerosi partners tra cui la Bivings Group, nota per i clienti importanti, tra cui JP Morgan e Monsanto. La Monsanto dopo clamorosi fallimenti nel tentativo di spianare la strada all’ingresso degli OGM nel mercato si è affidata a Bivings Group con eccellenti risultati. La Bivings si è avvalsa di personaggi fasulli (fake persuaders), dipendenti della Bivings (smascherati!) che andavano nei forum e scrivevano messaggi ‘disinteressati’ a favore della Monsanto e contro ricercatori che avevano scritto un articolo su Nature in cui affermavano che il mais messicano di produzione locale era stato contaminato, da una distanza molto grande, da polline geneticamente modificato. Un macigno per i colossi del bio-tech che stavano cercando di convincere Messico, Brasile e Unione Europea ad abolire l’embargo sulle sementi OGM. I commenti di questi fake fecero RITRATTARE Nature (prima volta in 133 anni!), la quale scrisse che l’articolo non doveva essere pubblicato. Possibile??? Sì, questa è una tecnica di ‘marketing virale’: si inventano fake che scrivono cose volutamente tendenziose per influenzare la gente indecisa che si schiera dalla loro parte pensando che <<se più di una persona la pensa così allora sarà vero!>>. E così via in maniera esponenziale come una vera infezione di massa!

Fonte http://oriefeiro.wordpress.com/2008/01/27/dossier-beppe-g-parte-1/ 

Nel sito della Casaleggio Associati troviamo un video in cui lo stesso Gianroberto teorizza sul potere degli ‘influencer’. Ogni azienda che si rispetti ne ha bisogno per piazzare i suoi prodotti sul mercato. Gli influencer altro non sono che i fake persuaders. Dobbiamo pensare che il blog di Beppe Grillo ed i meetup ne siano pieni? La mission della Casaleggio Associati è quella di creare correnti di pensiero ed orientamento.

In una riunione per la lista civica Milano a 5 stelle, Filippo Pittarello (che lavora per la Casaleggio Associati e segue Beppe nei suoi tour, nonché i contatti con i meetup) ha dichiarato che il candidato ideale avrebbe dovuto avere più soft skills che hard skills, cioè più attitudini che competenze. Una volta eletto, doveva essere bravo con internet per mandare tutto ad una ‘squadra di esperti’ che gli avrebbero detto cosa dire. Capite ora perché è stato scelto un ragazzino di 20 anni inesperto ma con tanta voglia di emergere? vedi video su youtube

E cosa dice Mattia Calise? Quello che dice Beppe, il grande influencer, ripetendolo come un mantra ipnotico (vedi teorie di Programmazione Neuro Linguistica).

Mattia Calise continua a ripetere che i partiti hanno fallito e che è il momento dei cittadini. Ma i partiti non sono degli strumenti costituzionali che servono ai cittadini? Addirittura Grillo è arrivato ad ipotizzare di cambiare la costituzione…

Perché tutto questo?

E’ chiaro si vuole distruggere un sistema per instaurarne un altro ben più pericoloso. Viene presentato come ‘democrazia diretta’ ma attenzione. I cittadini, senza più organi rappresentativi saranno tanti singoli (dividi et impera) magari tutti connessi (Wi Fi libero e gratuito) che voteranno in rete (?). Ed una società che si occupa di creare correnti di pensiero ed orientamento potrebbe fare affari d’oro con quelli che farebbero la coda per promuovere le leggi a loro più gradite!

Quindi, altro che risveglio delle coscienze! Questa è un’ipnosi collettiva che rievoca scenari da Grande Fratello.

Una cosa è chiara: a Casaleggio, dei nostri problemi non gliene importa un fico secco. Che considerazione può avere del prossimo una persona che nemmeno si degna di salutare prima di accomiatarsi?

Marketing, marketing e ancora marketing, anche in questo, la faccia giovane di Calise ne è un esempio.

P.S.
Calise è stato eletto democraticamente con il metodo Condorcet, che non è stato applicato correttamente perché sono state considerate valide anche le schede in cui comparivano solo i nomi dei primi due, o di uno solo (bisognava mettere gli 8 candidati in ordine di preferenza…) in questo modo viene sballato il calcolo delle preferenze. Il metodo Condorcet è anche noto perché offre la possibilità, all’occorrenza, di ciurlare nel manico. Ma non solo sono state chiamate all’appello tutte le truppe cammellate il giorno prima, debitamente orientate. Inoltre stranamente, proprio in quei giorni, la mail del blog per la lista civica di Milano aveva problemi e così molti non sono stati avvisati….

di Cinzia Bascetta

98 COMMENTI

  1. OGNI informazione può essere UTILE per LIBERAmente FORMARSI-ESSERE-PENSARE-FARE.
    L’IMPORTANTE, forse, è la NATURALITA

    • Questa faccenda della Casaleggio, di Sassoon ormai è una tiritera che sentiamo da anni…E’ giusto guardare con la lente d’ingrandimento in ogni angolo ed indagare soprattutto chi oggi sembra rappresentare una speranza di vero cambiamento, ma la domanda che io faccio ormai da tempo e che non trova risposta è: potete cortesemente indicare un atto, un commento, un post di Grillo, un punto del programma del Movimento, una delibera promossa dai consiglieri eletti, una manifestazione fra quelle fatte, che DIMOSTRI CONCRETAMENTE un’iniziativa nell’interesse delle multinazionali cui si fa riferimento (dalla JP Morgan, alla Coca Cola, dalla Monsanto a chi più ne metta..) ???
      Insomma, va BENISSIMO cercare il pelo nell’uovo, ma qualcuno ‘sto cappero di pelo l’HA TROVATO, al di là di ipotesi complottistiche e di disquisizioni di “influencer” ed altre baggianate ???
      PS: Ho incontrato Gianroberto Casaleggio insieme ad altri candidati di una lista locale a Milano, negli uffici della C.A. pochi mesi fa.
      Quando ha lasciato la stanza si è accomiatato e ci ha salutati. Cosa vorrà mai dire ??? Stava dissimulando un aspetto umano per dissimulare il suo piano per realizzare GAIA nostro tramite ??
      Ma per piaceeeeeereeee…

  2. Molto dettagliato e analitico, sembra scitto da Travaglio, che c’è dietro a tutto questo ?, sono disorientato……………a chi credere ?, bisogna essere lucidi e analizzare a fondo tutto ciò, la Grecia è a due passi e la primavera araba sembra preistoria, ci stanno addormentando e confondendo le idee , stiamo attenti a tutti i lupi e avvoltoi in circolazione ai trasformismi e giochetti vari.

  3. Ragazzi diceva UN MAFIOSO CHE TUTTI CONOSCONO ,il potere logoro chi non lo ha.Bisogna votare la persona non il partito ,loro i partiti hanno il dovere di schierare volti giovani ma non di 20 anni senza esperienza .Ragazzi che hanno fatto gavetta politica a partire dalle sezioni comunali.I vecchi volti della politica devono accompagnare per mano i giovani ed insegnare loro la via maestra non per rubare, ma per governare i cittadini della nostra Italia.Per fare questo bisogna riformare a piu non posso tutto da la politica alla burocrazia al sistema governo.Purtroppo nemmeno MOnti riesce a fare queste benedette riforme perchè non c’è la volonta dei partiti ci vuole circa una settimana per dimezzare il finanziamento pubblico dei partiti ma quando si deve discutere si presentano 20 paralmentari allora ,siamo fottuti non ne verremo mai a capo .

  4. condivido al 100% le perplessità su Grillo e i Casaleggio di Cinzia Bascetta (sono stato organizer de “I grilli di Cerignola” ora in via di “estinzione” e quindi conosco queste problematiche….) anche se alle politiche oggi voterei il Movimento 5 Stelle per far si che i Partiti impauriti tornino a fare i Partiti e gli interessi dei Cittadini magari dando più controllo e poteri agli elettori……
    vi invito a guardare anche questo video che vi chiarirà ancor di più le idee….

  5. Quello che gli altri non sanno, ma che comunque gli fa paicere dire, un “mafioso” inventato dai giudici di sinistra che non volevano vedere confermata la leadershgip della DC. Allora si volle costruire il mostro da mettere in prima pagina: Andreotti. I baci “omossessuali” dei DICO di poi, così come si è voluto criminalizzare un’altro ingombrante come CRAXI, di seguito un’altro mafioso come il Cavaliere etc. etc. La storia è piena di gente che viene perseguitata, poi d’incanto si apprende che il Procuratore Antimafia Grasso propone di dare un Nobel al Presidente Berlusconi, come un antimafioso. Cerchiamo un po’ di coerenza? Lo spred? Le valutazioni delle banche d’affari americane? I governi tecnici di Re Giorgio? Il Principe M. M. che continua ancora oggi a parlare di crescita……..
    La ripresa ci sta pensando guià la Ferrari nelle qualifiche, come anche Rossi con la Ducati………Il resto mancia!

  6. 5 stelle 4 padelle il comuters si rompe l’arcobaleno, i cani ecco.spero di essere stato comprensibile. Abramo e famiglia

  7. Petrosino leggiti i l maxiprocesso e le dichiarazioni dei pentiti di mafia poi ci risentiamo .E comunque sempre non processato per scadenza dei termini .Non so quanti anni hai ma rileggiti i documenti su Salvo lima e Vito Ciancimino ti farai una cultura sulla politica di allora e quella di adesso .Mai Craxi è risultato indagato per mafia ,almeno che io ricordi o per meglio dire che io ho letto.

  8. Condivido quanto detto da Cinzia Bascetta.Sono stato un anno con il 5 stelle romano,sono scappato due settimane fa. Si tratta di una democrazia diretta mascherata,perchè ci sono dei capi-tra l’altro impreparati- e tante caprette che gli vanno dietro. Stanno preparando la lista per Roma, cercando di candidare 3 o 4 capetti e i restanti riempilista che devono appoggiare questi capetti.Per essere candidato non conta se hai voti tra la gente,ma devi essere simpatico a quelli del movimento…praticamente come a scuola dove talvolta i leccaculo incapaci hanno più successo dei bravi.La politica deve rinnovarsi mettendo i ragazzi dei movimenti giovanili, ma il m5stelle non cambierà nulla perchè la democrazia diretta ,come la intendono loro,uno vale uno, mortifica le capacità delle persone!

  9. non voglio cn questo commento essere sempre il qualunquista di turno,ma vedo e fortunatamente nn solo io molte similitudini tra grillo ed il suo movimento e metta cn l’altrettanto suo,,per me sn solo dei personaggi xxxxxxx di chi gli sta intorno a meno che nn siano delle xxxxx,,,loro al centro del mondo e nessuno +,stiamo messi proprio male come si dice a cerignola liv la tegn e mett la rugn,,,come al solito chi ci va di mezzo siamo sempre e solo noi onesti cittadini siamo in pochi ma buoni,lo stesso xxxxxxxxx,,e sn certissimo che nel futuro prossimo mi dara’ ragione anche lui,,,io personalmente ghigliottinerei tutti i capi di partito e dico tuttiiiii………

  10. Vorrei commentare su questo articolo.

    Premessa – Io sono americano e italiano – nato in Italia ho lasciato il paese nel 1995 quando ho visto che gli italiani avrebbero creduto alle fandonie di Berlusconi e che in Italia anche nel mondo dell’informatica tutto era controllato dai Baroni – non contava quello che sapevi – solo chi conoscevi – la sappiamo bene la storia – ha portato l’Italia dove siamo ora.
    Ho due figli e una moglie italiana – I miei figli sono nati in Olanda ed in America – il motivo – L’Italia non ha le strutture per poter crescere un figlio – i messaggi e i modelli di riferimento mancano – essere una brava persona seria e professionale non paga – non viene considerato intelligente ed esemplare – essere ladro e approfittarsi degli altri e’ l’esempio italiano come dice Ferrara…
    Quando ho lasciato il paese emigrando – come tanti altri informatici – lo ho fatto non perche’ non avevo lavoro – ho chiuso una compagnia in attivo – lo ho fatto perche’ essendo romano non volevo andare a vivere al nord dove sarei stato il terrone di turno e non volevo scendere a compromessi a Roma con la destra che andava al potere in quei giorni dalla quale fui contattato per servizi che avrei dovuto dare gratis in cambio di futuri favori … non sono un corrotto e non lo saro’ mai…

    Veniamo al dunque:

    1 – il fatto che il signor Casaleggio non saluti e’ accettabile ed e’ parte del business – lavorando in ambiente internazionale non sempre i saluti sono necessari – la sostanza e’ quello che conta – i risultati sono quello che conta. Se si vuole premiare chi fa per quello che fa, non per chi conosce o chi ha dietro, i salamelecchi non servono – i risultati sono la sola cosa che conta.
    In alcuni ambienti lavorativi come quelli cinesi e indiani non salutare dimostra il potere della persona ed e’ un comprtamento perfettamente accettabile dai subalterni perche’ sottolinea la responsabilita’ della persona in comando – l’idea e’ sono cosi’ occupato a creare risultati dal nulla che non ho tempo e voglia di sottostare a questo regole inutile e perdere tempo in fronzoli.

    2 – Si dice WebEgg, rapporti con Telecom – e allora? – Telecom ha le infrastrutture in Italia – vivendo in america e non essendo parte dell’1% Io supporto il movimento Occupy e votero’ Obama le prossime elezioni – Il partito democratico ha una compagnia telefonica cellulare che si chiama Credo Mobile – mi hanno chiesto piu’ di una volta di cambiare da AT&T a Credo Mobile e non ho intenzione di farlo – sarebbe stupido visto che la copertura di AT&T e’ migliore di Credo Mobile perche’ AT&T e’ proprietaria delle infrastrutture. Io lavoro con il telefono e ho bisogno di un servizio che mi dia la massima copertaru e stabilita’. Se lavori nel settore informatico tutti sanno che il traffico viene messo in code di priorita’ e se fai un contratto con un rivenditore di chi ha le infrastrutture non hai un servizio migliore – anzi lo avrai peggiore perche’ appena entri nei circuiti del provider che ha l’infrastruttura il traffico verra’ limitato se viene da un ‘altro provider a favore del traffico del provider stesso. Le risorse sono limitate e devono essere divise fra gli utenti – avere il contratto direttamente con chi possiede le risorse ti garantira’ sempre un servizio migliore.

    Se guardi al mondo del business per essere un buon manager devi aver lavorato con grandi aziende – se lavori per le piccoline non vai lontano – non riesci ad acquisire l’esperienza necessaria ad essere efficiente e capace a svolgere le mansioni richieste. Quindi dire che il manager di Casaleggio ha lavorato per Telecom e’ insignificante e attecchisce solo a orecchie ignoranti e cervelli limitati come quelli prodotti dagli ultimi anni di mediaset, di veline, di Minetti, di Bunga Bunga e di nani pervertiti che pensano di poter governare il paese Italia alla Putin.

    Sinceramente,

    Andrea Borghi

    • Condivido in pieno il lucido commento di Andrea Borghi, e vorrei aggiungere solo una breve nota.
      Il problema vero di un movimento come quello capeggiato da Beppe Grillo (o da chi c’è dietro..) è la mancanza pressocché assoluta di proposte e di alternative credibili e attuabili in concreto: è facile farsi ascoltare quando si urlano parole che tutti vogliono sentire (era il segreto di un grande oratore come Cicerone: parlare di quello che interessa chi ci ascolta, usando le parole che vorrebbero ascoltare).
      Grillo è il portavoce di tanti italiani vessati in questo momento, un Masaniello dei nostri anni, senza capacità costruttiva e senza un programma attuabile di alcun genere. In un momento di vacuità politica come quello attuale, (la storia è piena di momenti simili) quello che urla di più vince sempre.

      • premessa: non sono una grillina ma sottoscrivo anch’io in pieno l’analisi di Andrea Borghi.

        Mi sembra assolutamente pretestuosa l’analisi di Cinzia Bascetta. La signora probabilmente è in buona fede, ma la frase “a Casaleggio, dei nostri problemi non gliene importa un fico secco. Che considerazione può avere del prossimo una persona che nemmeno si degna di salutare prima di accomiatarsi?” mi fa francamente sorridere e mi sembra proprio un pensierino da sempliciotti. Che razza di spiegazione è? Ed è perfettamente lecito che Casaleggio e gli altri manager abbiano lavorato in grosse aziende e poi abbiano creato una loro società dopo essersi fatti le ossa in realtà più grosse. Non capisco i sillogismi sottesi: se hai lavorato in Telecom sei sicuramente un delinquesnte, ma quindi se lavori in mediaset sei automaticamente un Berlusconiano? Io francamente, non credo proprio sia così.

        • la signora Cinzia Bascetta non è assolutamente in buona fede nel momento in cui, dopo varie polemiche durate mesi tra un piccolo gruppo di dissidenti (5-6 persone) nei confronti di una maggioranza di attivisti, queste persone sono state invitate a mettersi da parte. Cosa che, come vedete dall’articoletto, è stata forzosamente “accettata” con molta acredine ed astio.
          Per la cronaca le persone di cui ho solo accennato si sono in buona parte candidate per altri partiti, divenendo (a prescindere) assidue contestatrici di Beppe Grillo e del MoVimento, accendendo ancora polemiche dopo un anno e mezzo e dopo aver arrecato un certo danno ad un gruppo in sviluppo qual’era il M5S lombardo in quella fase storica.

    • Caro sig. Borghi, forse si è confuso… quando lei andò via dall’Italia (vedere sua data) e fino al 11 giugno 2001 al governo vi furono tutti tranne Berlusconi, le elenco i governi con la durata e il numero di legislature…… questo si chiama autogol…… ironia della sorte lei torna con Berlusconi allora le cose sono due o e un Berlusconiano sotto mentite spoglie o le piace l’autoflagellazione.
      Buona Giornata ed ecco l’elenco:

      54
      1°. Governo Dini (17.01.1995 – 17.05.1996)
      Coalizione politica: Indipendenti (tutti tranne A.N. Forza Italia)
      Durata (giorni): 486
      Giorni di crisi: 0
      XII Legislatura

      55
      1°. Governo Prodi (17.05.1996 – 21.10.1998)
      Coalizione politica: PDS, PPI, Lista Dini, UD, Verdi
      Durata (giorni): 876
      Giorni di crisi: 17
      XIII Legislatura

      56
      1°. Governo D’Alema (21.10.1998 – 22.12.1999)
      Coalizione politica: Ulivo, PDCI, UDEUR
      Durata (giorni): 423
      Giorni di crisi: 4
      XIII Legislatura

      57
      2°. Governo D’Alema (22.12.1999 – 25.4.2000)
      Coalizione politica: DS, PPI, Democratici, UDEUR, PDCI. VERDI, Rinnovamento
      Durata (giorni): 119
      Giorni di crisi:
      XIII Legislatura

      58
      2°. Governo Amato (25.04.2000 – 11-6-2001)
      Coalizione politica: DS, PPI, Democratici, UDEUR, SDI, PDCI, VERDI, Rinnovamento, Indip.
      Durata (giorni): 398
      XIII Legislatura

  11. Oh xxxxxx, ma stai a vedere che niente niente, dietro tutti gli intigri politici e mafiosi degli ultimi 50 anni, c’è Grillo e Casaleggio…e forse Casaleggio è il capo dei servizi deviati… Quindi deduco che i nostri cari e vecchi politici siano vittime di questi due criminali… !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Mi avete finalmente aperto gli occhi…grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee………

  12. Il Sig. Borghi conferma quanto scritto nell’articolo. Non guardate il tono, come farebbero i rincogl***iti da velina, ma la sostanza.
    Conosco bene il Sig. Grillo e vi dico che gli rivolgerò ancora la parola quando avrà reso i soldi che deve a mezza Nervi per i conti che lasciava al bar Milano. Se la sua idea di bere a costo zero è far pagare gli altri…

  13. Finalmente una critica dettagliata e originale a questo movimento sul quale anch’io, da un pò, ho delle riserve…Avete presente quando sai che c’è qualcosa che non “quaglia” ma non riesci a mettere bene a fuoco? Visto che la rete è così potente, cominciamo a diffondere questo articolo, giusto perchè la gente venga a conoscenza anche di questa opinione. Condividete.

  14. Tutti analizzano, criticano IL M5S, di Grillo, però nessuno si chiede il perchè del successo che ha avuto, e purtroppo continuerà ad avere.
    Grillo ha avuto successo per la miopia, l’imbecillità, l’incapacità, dei cittadini che hanno votato partiti che hanno ridotto L’Italia nello stato in cui siamo, corruzzione, mafia, camorra, ndrangheta, tasse, povertà, sacrifici, per i deboli, ed arricchimento dei forti.
    Basta criticare, basta urlare contro la luna, basta con le falsità, basta dare voti di protesta, basta non andare a votare, alle prossime politiche, ansichè rompere i C…….con le chiacchire fate i fatti, e non votate più i partiti che sono sopra il 3%. MANDIAMOLI A CASA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. x CI SIAMO ROTTI IL FISCHIETTINO ricorda che se certi politici hanno ridotto il Nostro Paese e la Nostra Città nelle condizioni in cui ci troviamo ora è colpa anche di CHI è stato a guardare e anche colpa di quelli che avevano interessi “collegati” ai politici di turno o di chi si è venduto per una ricarica una busta della spesa una banconota una promessa un piacere …. voglio dire chi ci governa non è altro che lo specchio del “marcio” che ci circonda e sarà sempre peggio xchè la brava gente sempre più sfiduciata non andrà a votare ed andranno a votare solo quelli che hanno interessi “clientelari”…..

    ps: sono felice che ogni tanto qui si riesce a fare “4 chiacchiere” in maniera civile ed educata……..

  16. mi sento il minestrone che bolle sul fuoco vivo,non ci capisco piu’ niente, credo che questo tipo di confusione…. sia altamente pericolosa nella testa di una persona,…come me ,tanti. uno che non conta niente.

  17. Tendo a credere che quello che riporta la S.ra Cinzia Bascetta sia drammaticamente vero.
    A prescindere da questo, leggendo i vari commenti, resto basito a causa dell’uso della lingua italiana: pensiamo davvero di poter cambiare le cose se non sappiamo nemmeno più scriverle?

  18. NON é FACILE COMBATTERSE IN UN MONDO DOVE NO SI CREDE PIU A NUSSUNO!!!MA TANTO DI CAPELLO XCHI SE METTE IN DISCUSIONE E APRE GLI OCCHI X CHI COME ME TANTE COSE NO LE SA! E VIVVA LA GENTE CORAGGIOSA CHE AMA LA SUA GENTE COME AMA SE STESSO……!!!

  19. Questo punto di vista sul movimento di Grillo e questi sospetti sui 5 fondatori li ho già visti in rete in altra forma e portati avanti da (apparentemente) diversi soggetti. Per questo motivo sono piuttosto sospettosa sulla possibilità che questo stesso articolo (come l’altro documento) possa avere una natura “virale”.
    La Casaleggio non è certo l’unico soggetto ad avere la capacità di agire con strumenti di questo tipo. Noi che ci limitiamo a leggere queste informazioni non dovremmo mai dimenticare di conservare sempre un atteggiamento attento e critico nei confronti di ogni documento che ci capita sotto gli occhi.
    Fatta questa doverosa premessa, devo comunque dire che condivido la convinzione che ci siano parecchie ombre nel movimento, soprattutto per il comportamento assai poco democratico, tenuto nei confronti di alcuni candidati alle scorse elezioni, che è stato recentemente anche riportato dai giornali.
    Mi considero in un certo senso una simpatizzante del movimento e sono stata ad ascoltare Grillo quando è venuto nella mia città per sostenere la sua lista alle elezioni comunali, circa due anni fa.
    Ad essere onesta, di lui non ho riportato una grande opinione. Quello che ho visto è stato uno spettacolo, con tanto di copione. Non ha fatto altro che ripetere gli stessi cliché e le stesse frasi ad effetto che avevo già sentito in TV.
    Ben diversa è stata invece l’impressione che mi hanno fatto i candidati che sosteneva. Anche se non tutti erano giovanissimi, nessuno di loro poteva vantare un’esperienza in politica di qualunque tipo. Sono tornata a casa carica del loro entusiasmo e della loro voglia di ambiare le cose. Quelle erano, e sono, persone che ci credono davvero.
    Però non le ho votate.
    Perché?
    Perché mi sono resa conto che queste persone sono facilmente strumentalizzabili.
    L’entusiasmo di un sogno unito all’inesperienza politica (che, guarda caso, pare essere uno dei requisiti preferenziali per diventare un esponente del movimento) li rende estremamente vulnerabili a chi voglia orientarli in certe direzioni sapendo per bene il fatto suo.
    Quando vado a votare mi impongo di farlo con la testa e non con il cuore o con la pancia e in questo modo la mia preferenza ho finito per darla ai vecchi partiti. Lo dico a malincuore, ma ancora adesso non vedo un’alternativa decente.
    Il M5S potrebbe forse diventarlo, ma dovrebbe cambiare parecchie cose.

  20. Non mi sembra che Roberto Casaleggio tanto meno i suoi collaboratori siano mai stato condannati tanto meno indagati a differenza di alcuni nostri politici, mi sembra una bella differenza.Il fatto che non saluto dopo un incontro potrebbe essere censurato per cattiva educazione e poco di più. Non facciamo la caccia alle streghe inutili e prive di senso. Solo in piemonte ci sono state ben 10 tentativi di imitazioni del simbolo 5 stelle che male c’è nel proteggere un simbolo/idea da suqllide imitazioni. Sempre meglio un giovane del movimento 56 stelle piuttosto che una Santanchè e o Fassino. Abbiate fede

  21. Questo articolo conferma che siamo di fronte a “libri già scritti”. Cittadini, antenne alte. Leggere, informarsi, studiare….mai mollare. E ricordatevi che la democrazia ha tanti difetti, ma ancora nessuno mi ha dimostrato di avere un metodo migliore. Non certo i professionisti del marketing.

  22. Faccio parte del M5S come attivista locale. Premesso che le accuse di losche trame alle spalle di Casaleggio non sono nuove e che non sono qui a difendere nessuno, vorrei semplicemente dire che nel nostro gruppo – nè Grillo nè Casaleggio nè qualcuno del suo staff – si è mai permesso di darci indicazioni o dirci come e cosa dovevamo dire e fare. Cosa che vi posso assicurare, succede in tutti i grandi partiti democratici e puliti che hanno portato allo sfacelo l’Italia!
    Vi sembra che il governo attualmente in carica abbia migliori e trasparenti personaggi al suo interno?
    Che un professionista del web marketing che decide di aprire una propria società abbia qualificate competenze professionali nel suo passato, vi suona strano?
    Che molti se non tutti i dirigenti politici della democratica sinistra italiana si ritrovino poi nei posti di comando delle SpA delle società compartecipate dei comuni dal PD amministrati, non vi suona strano?
    Mamma mia, se vogliamo, quanti scheletri nell’armadio di chiunque possiamo trovare!
    Io so soltanto che i ragazzi e le ragazze che hanno autonomamente deciso di candidarsi per il M5S e ogni giorno spendono una parte della loro vita ad occuparsi di politica senza scopo di lucro ma solo per spirito civico sono una parte sana della popolazione che posso soltanto ammirare e rispettare. Di Casaleggio, che non è nè un candidato nè un politico eletto, non me ne può fregare di meno!
    Di certo la critica e la politica attiva penso sia più utile al nostro paese in questo momento dei mille “politologi” da tastiera che annusano il tanfo delle nostre città solo dal proprio pc: sporcatevi le mani, buttatevi in strada, urlate il vostro disappunto, aprite gli occhi anche ad uno soltanto dei vostri concittadini. Fatelo! che sia a destra. al centro, a sinistra, con i movimenti o il M5S, prima che sia troppo tardi per salvare questo dannatissimo paese.

  23. Non è un caso isolato…dietro ai grandi leader dei partiti ci sono personaggi che ne curano l’immagine con provenienze quanto meno discutibili…e comunque tutti con il chiodo fisso del marketing e della cura ossessiva dell’immagine con presenza fissa nei salotti televisivi. Ha ragione Ezio Mauro..le campane potrebbero suonare per tutti…”LA QUESTIONE non è Grillo. È la richiesta esasperata di cambiamento che i cittadini rivolgono alla politica dopo anni di occasioni perdute che hanno divorato la fiducia nei partiti e nel Parlamento, portandola al livello più basso d’Europa. La crisi fa il resto, erodendo le basi stesse della democrazia, come accade quando la perdita del lavoro si rivela perdita della libertà materiale, senza la quale non c’è libertà civile. Ci si può stupire, a questo punto, se il voto diventa un ciclone in grado di cambiare il panorama politico italiano?”

  24. “…per cui vi prego, per favore, pulite quella ca**o di macchina!” PULP FICTION (Quentin Tarantino).

  25. Una testimonianza non è detto che sia la verità, ma la terrò in considerazione!!

  26. Concordo anche io che (purtroppo) la forza di questo articolo-denuncia sia fortemente ridimensionata da alcune valutazioni “tra le righe” che non servono e sono relegabili al rango di dicerie.

    Ciò nonostante, chiederei al Sig. Borghi, magari in qualità di informatico, di sorvolare sul “sentito dire” e di soffermarsi invece sugli aspetti più inquietanti.

    La domanda è se sia accettabile teorizzare l’applicabilità della tecnica di marketing dell’influenza pilotata (chiunque abbia sfogliato un volume di web-marketing non si sarà certo stupito) in un contesto del tutto diverso dal commercio, come la politica.

    In questo senso mi viene da immaginare che Grillo&Casaleggio non siano che l’evoluzione in chiave “2.0” di Publitalia&Berlusconi nel 1993-94. Chi non se le ricorda le campagne teaser di Forza Italia sui pullman e in affissione? Enormi e paffuti visi di bimbi che “facevano il tifo” per il nostro Paese…

    È un modello che concepisce il cittadino come utente, che mette alla pari il gesto del voto con l’impulso d’acquisto. Politica e commercio sullo stesso livello. L’over-promising pubblicitario (compra questo prodotto e avrai vantaggi superiori alla realtà) si trasforma dal milione di posti di lavoro, all’indipendenza energetica grazie al solare… (tanto per citarne una di assurdità).

    In questo verso, in realtà, non c’è alcun segno di rinnovamento nel grillismo. Ma una preoccupante continuità in cui – ancora una volta – il cittadino trasferisce la sua capacità di discernimento ad un nuovo totem, dalla televisione (che fruisce passivamente) al web-condizionato (in cui si illude di condividere idee di persone “diverse” messe lì apposta per orientarne il giudizio).

    Non cado dal pero e ci vivo col marketing, ma proprio per questo motivo cerco di distinguere bene quando parliamo di pubblicità e quando di sovranità popolare.

    Mi auguro che i partiti “tradizionali” riescano ad esserlo un po’ meno, cambiando, ma riuscendo a mantenere quello di buono che c’è nella tradizione di chi – 65 anni fa – scrisse l’articolo 49 della nostra Costituzione, pesando ogni singola parola.
    Usanza che di questi tempi si è un po’ perduta.

  27. Però non le ho votate.
    Perché?
    Perché mi sono resa conto che queste persone sono facilmente strumentalizzabili.
    L’entusiasmo di un sogno unito all’inesperienza politica (che, guarda caso, pare essere uno dei requisiti preferenziali per diventare un esponente del movimento) li rende estremamente vulnerabili a chi voglia orientarli in certe direzioni sapendo per bene il fatto suo.

    Quindi se ne deve concludere che per essere votati da lei, bisogna non avere sogni e/o avee “esperienza politica”,che poi dovrebbe significare aver fatto la gavetta nelle gerarchie partitiche ed aver imparato come si spartiscono le poltrone?

    Be’, meno male che sempre meno gente crede che così debba andare il mondo, meno male.

    Io ho un sogno, e sono libero da lacci e lacciuoli. Lotto per perseguirlo, quel sogno. Chi non sogna più, è fautore del suo stesso male.

  28. Però non le ho votate.
    Perché?
    Perché mi sono resa conto che queste persone sono facilmente strumentalizzabili.
    L’entusiasmo di un sogno unito all’inesperienza politica (che, guarda caso, pare essere uno dei requisiti preferenziali per diventare un esponente del movimento) li rende estremamente vulnerabili a chi voglia orientarli in certe direzioni sapendo per bene il fatto suo.

    Quindi se ne deve concludere che per essere votati da lei, bisogna non avere sogni e/o avee “esperienza politica”,che poi dovrebbe significare aver fatto la gavetta nelle gerarchie partitiche ed aver imparato come si spartiscono le poltrone?

    Be’, meno male che sempre meno gente crede che così debba andare il mondo, meno male.

    Io ho un sogno, e sono libero da lacci e lacciuoli. Lotto per perseguirlo, quel sogno. Chi non sogna più, è fautore del suo stesso male.

  29. @Matteo Franceschini Se come dice lavora in un ambito regolato dal marketing le consiglio allora di approfondire la storia contemporanea del nostro paese, le torenerà utile anche per decodificare alcune dinamiche del mercato.

    La storia d’Italia degli ultimi cento anni è stata interamente scritta dagli strateghi della comunicazione, nostrani, d’oltralpe e d’oltre oceano.

    Da Gabriele D’Annunzio e Margherita Sarfatti in avanti, e senza interruzioni, la partita si è giocata sull’egemonia culturale.

    E’ chiaro a tutti come dal secondo dopoguerra l’influenza Usa si sia accresciuta a dismisura (le ragioni sono ovvie) e nuovi armi nel controllo del consenso abbiano fatto la loro comparsa lasciando una traccia profonda e indelebile, che ha modificato la coscienza del popolo italiano (storicamente inteso) fino al quasi totale annichilamento dei nostri giorni. Il marketing fu il metodo, la televisione il cavallo di Troia e Mike Bongiorno…la troia.

    Nonostante Pasolini e almeno due generazioni di artisti e intellettuali che non avremo per molto tempo a venire (da Rossellini a Monicelli passando per Elio Petri, Dino Risi e Antonioni – mi limito al cinema e indico solo la punta dell’iceberg…), la tabula rasa dell’identità popolare italiana ha proceduto senza colpo ferire.

    Che ora lei mostri sconcerto perché lo stratega della comunicazione di Grillo ha esperienza professionale nel campo del marketing e delle dinamiche di rete, e invochi il ritorno a Benedetto Croce e Luigi Einaudi (per citare solo alcuni dei vincitori nella propaganda post liberazione) lo trovo risibile…

  30. P.S. E mi sono astenuta dall’aprire il capitolo dei comizi elettorali svolti per decenni dai pulpiti di migliaia di chiese, chiesette e cattedrali…

  31. Grazie per aver scritto e postato questo articolo. Preciso, sobrio, mai retorico. Dobbiamo stare attenti di non passare dalla padella alla brace….

  32. Che male c’e’ a credere in un sogno – alla fine tutto va a rotoli e provare nuovamente con persone nuove e diverse. Persone che operano con il cuore e non sono parte di chi e’ il problema e non la soluzione non e’ un inizio sbagliato. E’ bello che in Italia ancora si possa creare un movimento dal basso e portarlo a obiettivi reali come essere in grado di fermare la costruzione dell’inceneritore di Parma e trasformarlo in qualcosa di piu’ utile – vedremo cosa – e’ li’ la prova del fuoco – a disfarre sono tutti capaci – perche’ non parliamo di idee e programmi? Il movimento a 5 stelle li ha i programmi, alcuni molto buoni altri da rivedere e correggere – il bello e’ che sono tutti alla luce del sole – tutti documentati e se ne puo’ discutere assieme. Vediamo la realta’ – oggi il presidente della repubblica ha consigliato ai giovani di non usare internet perche’ inquina le menti – e’ troppo democratica come forma di comunicazione per i suoi gusti? – Internet e’ uno dei pochi mezzi di comunicazione dove per scrivere un post in un blog e scatenare una discussione costruttiva basta una persona di buona volonta’ e un po’ di tempo…. il risultato? si parla, si discute, si pensa a soluzioni e si crede in qualcosa di migliore – come disse Obama nel 2008 non si puo uccidere un sogno – una speranza che un giorno le cose cambino – che un bambino possa crescere senza vedere e sentire il capo dello stato andare a fare Bunga Bunga con minorenni e donnine di malaffare e vantarsene fino al punto di proporre di creare il partito della gnocca – per piacere .. un po’ di decenza – almeno la abbiano le persone che sono al governo – onesta’ e decenza e’ dove si inizia – regole precise – controlli prima e dopo una candidatura – che le forze dell’ordine si assicurino che chi copre ruoli governativi sia al di sopra di ogni sospetto con un etica impeccabile – e se per arrivare li’, in mondo migliore, si passa attraverso un po’ di turbolenza – perche’ no’ – alla fine fa parte della crescita – di un popolo e di un uomo – prima di poter camminare bisogna cadere…. @ Matteo Franceschini – non ho sentito dire – non ho inventato quello che ho scritto – le scelte che ho preso hanno cambiato me – la mia famiglia lasciata in Italia e quella qui negli USA, e sono derivate da critica e osservazione di eventi, situazioni e notizie che leggo in 4 lingue da giornali pubblicati in diverse nazioni – dall’Italia, all’ America, all’Australia – da libri che leggo avidamente in multiple lingue – da luminari – da ricerche e da statistiche – le stesse statistiche che possono provare che il petrolio sta finendo e tutte queste crisi fanno parte della necessita’ di uccidere la domanda della materia prima per mantenere sotto controllo i prezzi – avere piu’ energia rinnovabile non e’ sbagliato – bisogna adeguare le infrastrutture al piu’ presto – altro che TAV – i prezzi del petrolio risaliranno, e’ inevitabile, non ce ne e’ abbastanza e produrlo ed estrarlo costa sempre di piu’ ed e’ piu’ pericoloso e dannoso per l’ambiente – L’Italia e’ atipica in tutto questo, non c’e un disegno se non quello di arricchire i politici e la mafia che li supporta – la chiesa non si salva – come ha detto Celentano al festival di SanRemo non fa bene il suo lavoro – non da’ speranza – non si schiera con i deboli e gli oppressi, bensi con gli aguzzini che gli opprimono – in questo giorno importante per gli americani una preghiera ed un rigraziamento ai ragazzi che hanno perso la vita facendo il loro lavoro, e una preghiera per i poveri italiani che si sono uccisi dopo aver cercato di creare qualcosa tutta la vita e si sono visti violentare e distruggere la loro vita da Equitalia e dal governo Italiano.. spero proprio che Grillo con la sua idea sia la culla incumbante di una nuova rinascita del popolo italiano – chissa magari a 70 anni potro’ tornare in Italia – in un Italia diversa e migliore – Non si puo uccidere un sogno!

  33. scusate ma non vogliamo dirlo anche che SASSOON, uno dei 5 membri della Casaleggio Associati, è imparentato con la famiglia ROTHSCHILD!
    abbiate fede? aspettiamo e vediamo? non ci credo?
    STRONZATE! gente, quelli come me o l’autrice di questo buon articolo non ci divertiamo AFFATTO a scoprire e portare alla luce queste cose, e NON ACCETTIAMO di essere presi per i fondelli.. un parente dei ROTHSCHILD dietro il Movimento 5 Stelle? e dovremmo stare tranquilli??
    SVEGLIA!
    questo è il mio contributo, su facebook
    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=417001728333042&set=a.329421563757726.80939.100000696559010&type=1&ref=nf

  34. Amici carissimi a noi del Movimento, pare che avete scoperto l’acqua calda, nel 2009 dopo alcune indagini scoprimmo chi era il gruppo Casaleggio, postammo un commento sul blog di Grillo e subito, anzi tempestosamente fummo oscurati, scrivemmo a Grillo e Casaleggio senza mai ricevere risposta, qualcuno di noi incontrò Grillo nella località dove trascorreva le sue vacanze, a sentire il nostro nome si giro e scomparve, se fosse stato onesto poteva darci dei chiarimenti, abbiamo sempre fatto il possibile per informare purtroppo ci mancano i mezzi, noi i casalleggi ci fanno schifo, e ancora di più chi li serve, la differenza tra noi e Grillo sta nel fatto che lui possiede oltre cinque miliardi, noi cinque euro, però onesti,

  35. Costruire consenso è fin troppo facile in una società smarrita. Costrutirte certezze se siete capaci

  36. Cinzia Bascetta è l’autore dell’articolo. Questa ragazza si candida per il movimento arancio con a capo Milly Moratti, moglie del presidente dell’Inter, che si schiera con la sinistra di Pisapia con questo dico tutto

  37. Cosi’ ho visto il video e ho qualche commento –

    http://www.youtube.com/watch?v=JodFiwBlsYs&feature=youtu.be

    E’ una visione ottimistica del mondo a mio avviso – magari si arrivasse a una situazione finale come quella descritta – In America ci siamo vicino e le cose vanno meglio – abbiamo il resoconti su internet degli organi governativi (http://www.recovery.gov) – grazie Obama – ancora non perfetto ma si va verso una trasparenza totale – che il blocco dell’est stia controllando internet sta gia’ succedendo – la primavera araba potrebbe migliorare la situazione in quei paesi e permettere ai loro popoli di vivere liberi ed in pace – non vedo un controllo da grande fratello – l’eliminazione dei passaporti – earthlink – una comunita’ globale sotto lo stesso governo – l’elezione diretta del presidente in modo che chiunque possa farlo – la trasparenza totale del governo – di come i soldi vengono spesi – la parte brutta in questo video e’ la guerra – spero che possa essere evitata – meglio operazioni mirate che guerre globali – ci pensera’ il cambiamento climatico a fare vittime ed e’ triste ma inevitabile visto che gli uomini non stanno facendo molto per cambiare e hanno iniziato troppo tardi quindi il conto bisognera’ pagarlo.

    Lo so adesso direte – io mi voglio fare i fatti miei non voglio un governo globale che mi controlla voglio essere libero di rubare, farmi i fatti miei approfittarmi degli altri e dimostrare a me stesso ed al mondo che sono piu’ intelligente e quindi ho di piu’.
    Beh io non sono d’accordo e con me molta gente che e’ stanca di questa corsa a mangiarsi uno con l’altro, la vita e’ gia’ complicata di per se e se c’e un modo per eliminare tutto questo stress e farci vivere in pace non vedo cosa c’e’ di male.

    Qualche concetto di quello che questo video e; una elaborazione del lavoro del Progetto Venus dell’architetto Jacque Fresco

    http://www.thevenusproject.com/

    Consiglio di vedere il suo ultimo video – molto educativo e “right on spot” pensate anche mio figlio di 9 anni ha ammesso che sarebbe il modo perfetto di poter vivere assieme.

    E’ un DVD ed ha sottotitoli in Italiano

    http://www.thevenusproject.com/en/download/paradise-or-oblivion

    • Il riciclo in Italia almeno per la politica è fatto naturale, tanto o cambia sigla il partito o cambia casacca il politico. Che schifo!

  38. E’ raccappricciante il solo pensiero che un comico, che vuole occuparsi di politica, faccia da paravento all’attività di professionisti della disinformazione. Mettere in onda messaggi contraddittori con il solo obiettivo di produrre il caos è attività delinquenziale. Fa paura che possa esserci in giro gente disposta a farlo. L’articolo che racconta un’esperienza personale può non essere vero ma appare totalmente credibile che Grillo si muova come un burattino guidato da mani impresentabili che pretendono di governare il mondo. Che il nostro paese sia una torre di Babele è un fatto incofutabile. Che questa sia una situazione creata ad arte è una minaccia che dobbiamo contrastare con tutte le nostre forze.

  39. Mmmmmh che articolone !!!
    Addirittura la Casaleggio Associati ha dei clienti ? G.R. Casaleggio non ha salutato ? Un comico che ha chi cura la sua immagine e le sue pubblicazioni ? Che scoop.
    Quasi quasi mi ha convinto la sig.ra Bascetta, devo solo decidere se votare alle prossime elezioni ‘abbiamo una banca’ o ‘bungabunga’ oppure attendo un ulteriore ricollocamento dell’autrice così mi darà un consiglio ‘disinteressato’.

  40. Credo che bisogna semplificare le cose, non guardiamo il M5 come un organizzazione con chissà quale scopo o missione. Ho parteciapto a questo Moviemnto ed ho conosciuto anche Cinzia, al di là delle aspirazioni e delle convinzioni personali, oltre Grillo (che spesso non condivido) oltre la Casaleggio che fa il lavoro per cui è pagata (immagine e marketing), oltre a tutte queste cose c’è il vero valore del M5, riportare le persone a muoversi a partecipare a crearsi una coscienza civile e sociale. Portare sempre più giovani (e non) a pensare in maniera critica a conosce come si muove la burocrazia ad imparare che se vuoi con azioni semplici puoi lascaire il tuo segno in questa società senza semplicemente subirla è un grandissimo risultato. Quello che poi diventerà il M5 è un altra cosa. IL risultato più importante per me è il risveglio delle persone e vi garantisco che è la csoa più difficile.

  41. ciao Cinzia, ci siamo conosciuti e sono sicuro che ti ricordi di me…
    ti consiglio di fare qualche passo indietro.. anzi lo consiglio a tutti anche a quelli che leggono e scrivono in questo sito.. partecipate… partecipate….. se voi che scrivete vi sentite di essere onesti e puri.. buttatevi
    non c’è nessuno controllo…. se partecipate…. non c’è nessuno schema pianificato….. se partecipate…. ci sono delle linee guida, si sarebbe il caos senza… ma se si partecipa si può far parte del cambiamento… mattia calise è stato votato da noi e se ha vinto le primarie lo deve ai gruppi di quartiere che hanno votato in massa per lui… fino a quando il movimento sarà composta da persone (speriamo da milioni di persone) normali che partecipano attivamente il cambiamento sarà democratico e inevitabile.. impegnatevi anche se solo una volta al mese e se lo farete rimarrà un vero movimento dinamico e senza un vero controllo… non si possono controllare milioni di cittadini ONESTI che si attivano!!! più siamo attivi meglio è per il nostro paese!!! anche io non amo il gruppo dietro alle quinte di Grillo e company, ma ricordo che il movimento è fatto da milioni di cittadini onesti.. è come uno tsunami,… anche se vorranno creare un sistema controllato non ci riusciranno… e comunque bisogna riconoscere che senza grillo e senza di loro la gente non si sarebbe svegliata.. io ho fatto centinaia di riunioni in giro per milano e provincia, per formare nuovi gruppi di gente raccolta facendo volantini di notte… e vi assicuro, su migliaia di cittadini non ho conosciuto uno che aspirasse alla poltrona come consigliere o altro.. avevano tutti a cuore i problemi di zona e del ns paese.. PARTECIPATE!!!

  42. Ho letto con estremo interesse tutti i commenti presenti in questo forum, civilissimo, con il solo intento di schiarirmi le idee e capire un attimo cosa ci sia di vero nell’articolo pubblicato.
    Non nego che Beppe Grillo mi abbia affascinato nei tempi passati, il suo modo di denunciare il malcostume e le aberrazioni politiche e sociali era forse “gridato” oltre ogni limite ma efficace come pochi.
    Empiricamente adesso sono portato a dedurre che dietro ogni forma di potere, in qualsiasi forma si manifesti, c’è sempre e comunque una zona d’ombra, la storia ci insegna che nei momenti di maggior disagio economico e sociale sono emersi movimenti-partiti-personaggi che anno fatto scempio dell’Italia.
    Se prima avevo gli occhi aperti adesso li terrò spalancati, qualcuno che entrerà di sponda nel m5s ci sarà.. non vorrei che….!!!

  43. di grillo si sapeva facile fare il contestatore di sinistra con ville e varie barche di proprietà. Lui brama solo sè stesso come tutti quelli coinvolti. Riguardo alla PNL è utilizzata da anni in tutti i campi ma mai con l’intento con la quale fu’ creata ovvero è un coltello puoi usarla in maniera costruttiva od uccidere una persona. Alla persona che tanto amorevolmente rimpiange l’italia che ha lasciato l’italia alla stregua di ponzio pilato beh sappi che la tua amata america
    in cambio della strage di Ustica ci ha rifatto il vetusto parco aereonautico salvo poi scoprire che non ha pagato il giusto prezzo
    che gli aerei erano in affitto, ve ne abbiamo rispediti 20 manovra prevista dai tagli del sig. Monti. e soprattutto diffido ed invito a farlo dei tuttologi come te. il voto a Grillo? è lo specchio della realtà delle
    cose viviamo di mediatica ed abbiamo perso il senso della realtà.
    alle elementari si studiava educazione civica, il tricolore aveva un significato, e si viveva in un clima in cui i valori fondamentali, la famiglia per es. avevano un’importanza fondamentale. Riguardo alla presunta superiorità dell’america,nei momenti di crisi ha sempre pescato dai cervelli italiani salvo poi destabilizzare l’intera economia
    mondiale con i crolli economici bancari a tutti noti. io spero ancora in facce nuove nella politica dove un ministro è tale perchè il miglior specialista esistente nella sua materia, allora ,forse, avremo manovre e riforme sensate, fatte con i tempi necessari, e non dall’oggi al domani, sia esso di destra o di sinistra non cambia niente. ultima stoccata all’america è l’ultima nata e vuole governare il mondo con il famoso SOGNO AMERICANO ovvero tutto è possibile basta crederci sulle spalle dichi poi non importa. Peccato che Obama ha fatto più volte l’occhiolino a Tremonti, e marchionne ha fatto scuola. Le soluzioni esistono e sono esclusivamente di persone italiane che amano il proprio paese. il problema è che ormai, e lo ribadisco abbiamo perso l’importanza dei valori di ciò che realmente conta. peccato mi ci metto io per primo, l’Italia resta a mio avviso
    Uno se non il più bel paese del mondo. Grazie

  44. Non mi stupisce niente di quello che leggo, Grillo copre un vuoto che doveva esser coperto dal PD purtroppo chi non ha storia non fa molta strada o meglio non sai che strada farà… vale per il liberal IDV che finisce con i responsabili e domani varrà … aspettiamo e vedremo per molti grillini … ci sono degli esperti dietro? e chi ne dubitava? la scortesia di Grillo è nota a Genova ed è vero che salutare quando ci si congeda è un’abitudine occidentale, sta di fatto che dalla esperienza 5 stelle bisogna imparare e coprire il vuoto perchè le idee ci sono e hanno una storia .. per quanto riguarda i “democratici” (nemmeno più social) avrebbero fatto bene a lasciarlo candidare alle primarie… invece di preoccuparci di quanti giovani ci sono nelle liste… interroghiamoci su quanti operai e salariati precari e finte partite iva ci sono tra sono candidati….

  45. se le cose stanno così allora armiamoci e partiamo, l’ItaLia o si fa o si distrugge

  46. Beh, non pensavo ci fosse quanto sopra elencato, nella “vicenda Grillo”, ma ero certo che il “Grillo parlante” traesse tanti benefici dai suoi blog. Del resto, ciò è confermato dalla sua dichiarazione dei redditi.

  47. Al di là delle tante chiacchere e supposizioni…ieri sono stato al secondo meetup della mia città (Alessandria). E’ passato un mese dall’elezione del sindaco (del Pd) e 3 candidati del M5S si sono insediati in consiglio comunale. Dopo la prima serata di presentazione e richiesta di collaborazione ai cittadini, ieri abbiamo iniziato a lavorare dividendoci in gruppi per competenze e d interessi per dare supporto alle 6 commissioni. Tutto all’insegna della positività, del rispetto reciproco,dell’umiltà e della DEMOCRAZIA. In nessuno dei due incontri ho sentito accennare minimamente a Beppe Grillo. Vorrei tanto che l’opinione pubblica si svegliasse un attimo e capisse che il Beppe Grillo NON è il Movimento 5 Stelle. Sarà il promotore,il catalizzatore…ma il M5S sono i CITTADINI.
    E per coloro a cui piace dar fiato alla bocca andate a vedere cosa stanno facendo Davide Bono e Fabrizio Biolè (consiglieri Regionali in Piemonte)…quanti “politici” reggono il loro confronto? Giovani inesperti e facilmente strumentabilizzabili? Ma i politici che hanno occupato le poltrone italiane finora non sono strumentalizzati? Come sempre contano solo i fatti e la verità presto o tardi viene a galla…come la M….del resto.

  48. Capisco tutti voi,tutte le perplessità che avete o che non avete e che anche io ho!Ma qualcuno mi convinca con valide argomentazioni se è bene per la nostra bella penisola cambiare o no! Siamo, mi ci metto io pure ,sempre diffidenti, quando c’è qualcuno o qualcosa che ci propone un cambiamento radicale, uno stravolgimento di ciò che era sino a ora.

    • E’ stata citata l’autrice, non sapevamo che era comparso inizialmente sul vostro blog. Come al solito la logica del sospetto e dell’accusa prevale sempre, vero?
      Redazione

  49. Dietro Beppe forse c sarà solo Beppe! Troppo furbo il Grillo per farsi fottere da un Casaleggio del KAISER DEL MARKETING! MA UNA SOLA COSA CHIEDO AL BEPPE CHE SE VUOLE ESSERE CREDUTO SERIAMENTE DALLA GENTE DEVE SCENDERE IN CAMPO NELLE PROSSIME ELEZIONI NAZIONALI E SCOMMETTERSI IN PRIMA PERSONA CON PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CON IL SUO PROGETTO POLITICO DI RISANAMENTO ED INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA. SE NON LO FA, VADA PURE A GUIDARE IL SUO PIU’ GRANDE VAFFA DAY DELLA SUA VITA, MA CHE LO FACCIA PER SEMPRE! CHI NON SCENDE IN CAMPO è UN VILE! E LUI SARà UN VILE?

  50. in italia andare via senza salutare significa “non ti rispetto” e non è una cosa da poco…. chi sostiene diversamente lo invito a provare in prima persona ovvero a non salutare andando via da tutte le persone che conosce e vedrà in quanto poco tempo rimarra solo

  51. Tano ha fatto il classico commento del siciliano ignorante , quello che preferisce votare gente come cuffaro , e poi si lamenta che a fine mese è senza soldi , manco per poter andare a fanculo.!!

  52. Cinzia Bascetta sul Profilo FB “Dicono che mi sono candidata con il centro-sinistra perché Grillo non mi ha dato la poltrona. E’ una calunnia di chi non sa controbattere in altro modo. Mi sono candidata con la Milly perché con lei posso rimanere coerente con i miei principi. Io non faccio parte di quella schiera che va in giro ad elemosinare una candidatura. La candidatura mi è stata proposta per il lavoro da me svolto e ne vado fiera” .Scusate ma e ovvio che è schierata!!! io faccio parte del meetup di Ragusa è questa donna non e altro che vittima del sistema , vi posso dire un altra cosa come in ogni meetup molta gente vuole iscriversi sia gente buona che gente con “ALTRE” motivazioni… quindi è normale che queste persone poi pian pian vanno allontanate o meglio isolate dal pensiero del MoVimento ma è normale che non tutti la pensano come il MoVimento alcuni hanno altri fini… la Cinzia è una di queste…

  53. Io ho sempre sospettato che c’è del marcio sotto sotto! Avrò scritto una tonnellata di mail al grillo ma il suo staff non mi ha mai degnato di una risposta! Porci anche loro

  54. Cara Redazione, peccato che ci siano l’introduzione e altri commenti scritti di sana pianta dal nostro blog, quindi l’avete copiato da li, ben consapevoli di ciò. L’aveste preso dal blog di Cinzia Bascetta, a quest’ora quelle parti ovviamente non ci sarebbero. Comunque, fa niente. Fate però attenzione la prossima volta. Saluti.

  55. scusate ma secondo me vi state occupando della pagliuzza nell’occhio altrui senza notare la trave nel proprio occhio…boh secondo me chiunque abbia rancore nei confronti di questo movimento tende a difendere i suoi privilegi figli della partitocrazia…io sono siciliano e nonostante i politici della mia terra sostengano un cambiamento, sono sempre seduti alla tavola del potere più affamati che mai…l’unico movimento (perchè non stiamo parlando di un partito) che parla con la gente e che scende in piazza per esporre la propria opinione è proprio il Movimento 5 stelle..poi non è vero che parla solo Grillo..tutti i ragazzi che intervengono ai comizi sono competenti nel proprio ambito..propongono e non promettono…non chiedono il voto ma incitano la cittadinanza alla partecipazione attiva..ma chi dovrei votare??? gentaglia condannata per abuso di ufficio, peculato, corruzione etc..??? PREFERISCO SALTARE NEL BUOI CON QUESTO MOVIMENTO CHE SUICIDARMI CON LA VECCHIA CLASSE POLITICA…spero in un futuro migliore…solo questo.

  56. Non credo in questo movimento ne in altri movimenti civici locali. Serve un grande partito nazionale con gente nuova magari

  57. ma quanto vi hanno dato a tuuti ai venduti che siete? spero per voi che ci avete guadagnato un bel po .e lo si vede da lontano anche da qui che mi trovo in germania che siete pagnotari…………….

  58. a cinzia si vede che siete comuniste magna magna
    o di destra magna magna ma sempre dei partiti magna magna siete

  59. non ci ho capito un cazzo….comunque il movimento è fatto dalla gente incazzata. nn fatela
    incazzare ancora di più……… per il bene di tutti…

  60. Cara Cinzia non solo non hai la consapevolezza ma nemmeno la conoscenza di che cosa sia la Democrazia Diretta, per favore vai a leggerti qualcosa sull’argomento che non siano 2 righe su wikipedia. Per ciò che riguarda il metodo Condorcet c’è una recente sentenza che respinge la nullità delle schede con preferenze inferiori alle 8 considerandole valide a tutti gli effetti proprio per proteggere il principio della volontà dell’elettore. Per ciò che riguarda il MoVimento: per sputare una quantità così alta di menzogne e veleno evidentemente le “altre vicissitudini” sono quelle del non poter fare il tuo comodo per acchiappare e conservare una poltroncina, strada percorsa da altri “dissidenti” prima emarginati dai loro stessi gruppi (le cosiddette “conferme” riguardavano solo l’attività istituzionale) e poi diffidati ad usare il simbolo del M5S.

  61. Le Istituzioni che fino ad oggi ci hanno rappresentati, ovvero i Partiti, sono nati dal pensiero di Uomini che hanno lottato e provato quindi sulla loro pelle, la guerra e delle ingiustizie sociali tremende ed insostenibili, tali da promettersi reciprocamente di abiurarle per sempre dal futuro dei popoli, indipendentemente dalle idee politiche di appartenenza.
    Uomini molto meno coraggiosi, guidano oggi quegli stessi Partiti, ma noi, dovremmo però essere più vigili ed attenti nel comprendere che, se la macchina deraglia, la responsabilità è in questo caso del conducente e pertanto, anzichè abbandonarci a pericolose nonchè inquietanti derive, da “salute pubblica” di addirittura ottocentesca memoria (oggi 2013) , è nostro preciso dovere, studiare ben bene e rivitalizzare il pensiero di quei nobilissimi Padri Fondatori della nostra Costituzione. Solo ora mi rendo conto, che votando M5S, ho contribuito a riportare le lancette dell’orologio della storia, indietro, molto indietro.

  62. questa ipnosi collettiva rischia di sprofondare il nostro paese in un baratro senza fine.avevamo votato il movimento per dare speranza al futuro dei nostri giovani……..forse abbiamo determinato la loro ROVINA DEFINITIVA E SENZA POSSIBILITà DI SOLUZIONE BRAVO BEPPE SEI RIUSCITO A FREGARCI ANCHE TUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU TU||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||.

  63. non avevo dubbi, anche perchè in genere un comico che ce l’ha con la politica se non ha secondi fini continua a fare il comico che ce l’ha con la politica

  64. il movimento 5 stelle è serio e chiunque puo fare la sua parte, se avete delle idee buone tutto è possibile, casaleggio è un genio della comunicazione e della politica, guardate cosa fanno i vecchi politici e cosa dicono, altro che santo Roberto che ha dormito anni nella sua auto,forza ,informatevi e via la vecchia casta, pace e amore a tutti.

Comments are closed.