il duo del programma televisivo "Le Iene" con lo staff de "Un panzerotto per un sorriso"
Panoramica del Corso “A. Moro” durante lo spettacolo serale dell’iniziativa solidale

Buono, anzi no, doppiamente buono. Parliamo del panzerotto della pizzeria “Al Ghiottone” di Cerignola, protagonista, nella giornata di ieri, della seconda edizione di “Un panzerotto per un sorriso”.
Più di duemila pezzi venduti insieme a tantissime bibite, complice una domenica sera particolarmente calda, e un ricavato sufficiente a raggiunge l’obiettivo: acquistare una sofisticata apparecchiatura per eseguire un test da sforzo cardiopolmonare, che verrà donata al reparto di Fibrosi cistica dell’ospedale “G.Tatarella” di Cerignola. Ma a sorpresa gli obiettivi diventano due e all’acquisto dell’apparecchiatura medica dal costo di dieci mila euro, si aggiunge la possibilità di regalare a dieci bambini oncologici un viaggio al parco giochi di Mirabilandia.
«Siamo arrivati alla seconda edizione – spiegano i fratelli Giovanni ed Antonio Campagnola, titolari della pizzeria “Al Ghiottone” che ha organizzato l’evento solidale – e siamo soddisfatti del risultato. “Un panzerotto per un sorriso” ora è diventata una vera e propria associazione che ha come obiettivo quello di aiutare concretamente i malati, in questo caso i bambini. Il ricavato servirà per dotare l’ospedale di Cerignola di questo importante macchinario. Provvederemo noi stessi a comprarlo e a consegnarlo al primario del reparto di Fibrosi cistica dell’ospedale “Tatarella”. Il risultato raggiunto è davvero importante, noi ci abbiamo messo il cuore e siamo contenti che i cerignolani abbiano capito il senso di questa serata e abbiano risposta in maniera concreta, aiutandoci così nella raccolta dei fondi. Li ringraziamo tutti, uno per uno, e ringraziamo le persone che ci hanno sostenuto nella realizzazione della serata e tutti i commercianti che ci hanno dato una mano concreta».
A sostegno dell’iniziativa anche l’associazione “SOS Sorriso”, presente con gli operatori della clown terapy e l’associazione campana “Arcobaleno Marco Jagulli”, promotrice di campagne di sensibilizzazione sull’oncologia infantile.
«L’associazione si collega a Cerignola grazie a dei volontari conosciuti durante le nostre iniziative – racconta Tiziana Iervolino, presidente di “Arcobaleno Marco Jagulli” – . Lo scorso anno eravamo inseriti nell’organizzazione dell’evento, quest’anno, nella seconda edizione, siamo contenti di essere ospiti con i nostri clown. La volontà di fare insieme, l’aiuto concreto e la solidarietà fra tutti sono emersi anche questa volta. E’ questo il risultato che speravamo di raggiungere».

Un musicista del trio salentino “Artetika”

Una giornata animata da diverse iniziative ed esibizioni che si sono succedute sul palco allestito per l’occasione lungo il corso della città: dalla performance della scuola “Shall we dance” di Cerignola, alla musica salentina del trio “Artetika”, alla simpatia del cabarettista ed imitatore Luciano Lembo.

 

A concludere la domenica di solidarietà, il duo comico foggiano del programma televisivo “Le Iene”, Pio e Amedeo e l’estrazione dei numeri vincenti della lotteria che vede come primo premio uno scooter messo in palio dalla Motoricambi Cerignola.
Oggi è la giornata dei resoconti e i sorrisi sui volti di chi ha organizzato e partecipato attivamente all’iniziativa raccontano che la soddisfazione è enorme e che la stanchezza del giorno dopo si scorderà davvero in fretta.

il duo del programma televisivo “Le Iene” con lo staff de “Un panzerotto per un sorriso”

19 COMMENTI

  1. Finalmente non la solita cronaca nera, ma qualcosa di concreto da inorgoglire la Città.
    Complimenti a Giovanni ed Antonio Campagnola.

  2. Quando NON vi sono i politici che organizzano e ci mettono le mani nella pasta..questi sono i risultati!! Panzerotti buoni, divertimento e soprattutto tanta solidarietà a favore di chi ne ha bisogno( in questo caso la comunità e quei ragazzi sfortunati che avranno la possibilità di passare qualche giorno di serenità!). Grazie Antonio e Giovanni da parte dei cerignolani che antepongono il bene al posto degli interessi … I POLITICI prendano ESEMPIO da tutto ciò che è accaduto domenica scorsa!!

  3. FINALMENTE… ERA ORA!
    CERIGNOLA E’ ANCHE QUESTA!!!
    COMPLIMENTI ALL’ORGANIZZAZIONE, ALLA PIZZERIA “IL GHIOTTONE” E A TUTTI COLORO CHE VI HANNO PARTECIPATO.
    SPERO DI RIVEDERE AL PIU’ PRESTO QUESTA MANIFESTAZIONE.
    COMPLIMENTI VUAGLIO’……

    P.S.: MI ASSOCIO A VANGHTIDD

  4. chissà’ se qualcuno vuole fare ” un gelato per un sorriso”……magariiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  5. contenta contenta contenta !!! Bellissima serata, divertente e con la gioia di fare qualcosa di veramente utile per chi ne ha bisogno. Bravi!!!!

  6. Ottima iniziativa, unica nota stonata i politici invitati sul palco, se ne devono andare, siamo stufi delle loro chiacchiere, gente inutile e inconcludente.

  7. I nostri politici di Cerignola non ci servono.Possono rimanere a casa. ANDATE A FARE IN …………………………….

  8. Io faccio gli Auguri di cuore a questa grande iniziativa,sperando che sono soldini spesi bene. Pero c’è da dire solo una cosa importante che questa apparecchiatura non venga lasciata ABBANDONATA a se negli ambulatori dell’ospedale per mancanza di personale QUALIFICATO,oppure di liste di attesa di mesi per non parlare di anni come sempre accade in tutte le problematiche e situazioni che stiamo attraversando in questi tempi di crisi.

  9. piu che altro non si potevano sentire in quell’italiano sgrammaticato.
    ma lo sanno che si dice ” Cerignola” e non ” Cergnola” e poi dicono di essere delegati della cultura…..sono solo degli zulu’

  10. Giua’ che cazz centr u fatt ca quedd dec ……Cergnola… ch la cultor!!!!! E pou, tow tin not’on megj d’lattuol dlgot alla cultor!!!!!!!!!

  11. e’ alla via cosi’…………………bravissimi…………….speriamo sii l’inizio…finalmente belle notizie

  12. Se compri un panzerotto “AL GHIOTTONE”………….. con quello che costa ti fa perdere il sorriso.

  13. Complimenti per l’iniziativa ragazzi, ma debbo dire la mia:
    Possibile che l’ASL di foggia non si è interessata all’acquisto non solo di questo tipo di macchinario , dopo tanti sprechi e MARIULEZ?
    VERGOGNA ASL

Comments are closed.