Ci risiamo. Ancora una volta Cerignola prova a fare la grande città, ma si scontra col localismo, civico e professionale. Ricorderete sicuramente la comparsa sul manto stradale delle zone del centro, della vernice blu, atta a delimitare la zona di sosta a pagamento. La gestione, demandata dal Comune alla società AC Foggia non è vecchia di chissà quanto. Solo poche settimane. E lo stesso discorso vale per la vernice, che ricordiamo dev’essere indelebile e fosforescente, così come previsto dai termini di legge, comparsa non più tardi di un mese fa. Oggi, con grande stupore, ci troviamo ad osservare, ed evidenziare, come in quasi tutti i punti della città, la vernice è già sbiadita in modo poco naturale. Ma cosa è accaduto?

Cerignola su questo argomento ha un passato poco felice. Infatti, le strisce pedonali, ne sono un triste evento che si tramanda da anni, attraversando ogni colore politico. Il centro ofantino risulta l’unico, o comunque uno dei pochi, dove le strisce vengono puntualmente riverniciate una volta al mese, salvo scoprire che già dopo ventiquattro ore si sono sbiadite, fino a giungere alla cancellazione totale dopo 10-15 giorni. Adesso ci si mette anche la fatidica striscia blu. Ma di chi è la colpa? O meglio, è possibile porre rimedio a un simile problema?

Di chi sia la colpa ovviamente poco interessa. Se sia il comune ad aver appaltato la verniciatura del manto stradale, o se sia opera dell’AC Foggia, poco importa. Come poco interessa ai cittadini, se il problema sia la qualità della vernice, o quella del bitume che non permette alla stessa di attecchire. Piuttosto, il vero problema è capire se si può e se c’è la volontà per arginare un simile spreco e un possibile alibi per i trasgressori. Già, perchè se le strisce vanno rifatte ogni mese, il comune dovrà spendere dei soldi pubblici che potrebbero, diversamente, esser risparmiati con un semplice controllo dei materiali e della aziende preposte a tale lavoro. Se, invece, spetta ad AC Foggia, comunque il comune dovrà vigilare sulla tempestività della riverniciatura. Inoltre, riflessione più sottile, il rischio per le casse comunali. Infatti, con la vernice più cancellata che visibile, in molti potranno eventualmente contestare le contravvenzioni che i vigili urbani effettueranno, provocando un danno economico al già poco felice bilancio comunale.

La soluzione non sta a noi trovarla. Ma risulta indispensabile arginare la questione della vernice che salta via così rapidamente, vigilando sui responsabili. Questa amministrazione ha due grandi possibilità: educare i cittadini a un maggior senso civico, e rimpinguare le casse comunali. Per fare ciò, però, occorre una organizzazione efficiente e pronta a far fronte ai numerosi imprevisti. In altre realtà, la vernice la si rinnova a cadenza annuale o biennale, con semplici controlli sulle aziende che vincono le gare d’appalto e sui materiali utilizzati. Sulla scorta di questo esempio, Cerignola è ancora in scia per poter sterzare e risolvere il problema.

10 COMMENTI

  1. E chi lo dice che il comune deve pagare ogni mese il rifacimento delle strisce?
    È buona prassi dell’appaltante , in special modo quando questi è un ente pubblico, contestare il lavoro nel caso in cui ci siano delle irregolarità o delle difformità mel suo sbolgimento da quanto stipulato nel contratto di appalto!
    In questo caso inoltre, visto che il problema dello scolorimento si è verificato dopo un mese dalla fine dei lavori , a detta dell’articolista, allora sicuramente il pagamento del compenso non sarà ancora stato effettuato perciò il Comune puó sempre bloccarlo fino a quando l’impresa appaltatrice non ripristina le strisce con un colore più resistente!
    La questione è: il Comune o chi per lui ha la volontà di contestare il lavoro malfatto o vuol fare beneficenza a certe imprese in questo periodo di crisi ?

  2. Il Comune fa e continuerà a fare clientelismo inadeguato!!!
    Sono anni che diciamo le solite cose!!!
    NN si muove nulla!!!

  3. Succede solo a CERIGNOLA. Chi è preposto al controllo della segnaletica?? L’assessore competente si è attivato,o sta già pensando come e cosa fare alle prossime elezioni di Primavera???V E R GO G N A..a raccogliere i pomodori devono andare questi finti politici incompetenti e fannulloni!!

  4. Sono d’accordo con CONCERVELLO, io mi chiedo , se le strisce blu si cancellassero il parcheggio a pagamento vale? Visto che la segnaletica stradale fosse non visibile? Grazie!

  5. Strisce scolorate? vabbè! ma il fatto che siano tutte comicamente storte ? sembra le abbia fatte uno totalmente ubriaco! una vergogna, come sempre!

  6. ma come perchè? Il perchè è semplice. A Cerignola funziona che un lavoro dato dal Comune si rifà decine di volte, in modo da guadagnarci decine di volte. Se una cosa la fanno come si deve, la fanno una volta e ci guadagnano una volta, se la fanno dieci volte, ci guadagnano dieci volte. E stiamo ancora a chiederci per quale magia le buche sono sempre le stesse, le strisce si sbiadiscono ecc ecc ecc… ma per favore.

  7. Cari signori, quando si fanno determinati lavori, gare d’appalto ecc.ecc. si potrebbero risparmiare milioni di euro al giorno come??? RICETTA SEMPLICISSIMA!!

    UN GRUPPO DI MILITARI CHE CONTROLLANO TUTTO E TUTTI , SONO PRETTAMENTE SPECIALIZZATI IN QUESTO:

    GUARDIA DI FINANZA.

    E BASTA.

  8. Condivido il commento di Tam Tam, ed aggiungo che in tutti i disciplinari delle gare d’appalto indette dalle pubbliche amministrazioni, vi è ad un certo punto, un comma che dice che l’appalto dovrà essere eseguito ad opera d’arte. Bhè se l’opera d’arte è quella con le strisce a zig-zag, manco se l’avesse fatto un ubriaco, o un non vedente, ma i soldi pubblici li vogliamo spendere bene, o no?, a me personalmente mi viene in mente durante il periodo in cui era sindaco un tale Salvatore Tatarella, che durante i lavori appaltati dall’amministrazione Comunale, mandava un suo uomo di fiducia a controllare che i lavori ed i materiali fossero come da capitolato, si trattava di un certo Nandino Cianci se non sbaglio, e le cose andavano un pò meglio, non si può mettere una persona a controllare i lavori appaltati, del resto ci sono tanti Geometri ed ingegneri sul comune, che non ci dovrebbero essere problemi di nessuna natura, a verificare e controllare gli appalti. Basta essere più seri ed onesti con se stessi prima che con gli altri, e tutto andrà per il meglio, per il bene comune di tutti i cittadini. Chmbà!!!

  9. sicuramente il fatto che la vernice scolorisca è dovuto alla pessima qualita del “BITUME” (l’ asfalt). da quanto nn si rifà il manto stradale sul “corso”? e poi ci risiamo….se la ditta appaltatrice dei lavori CI prende per il xxxx perchè si continua a far regalie a sta gente??? vediamo bene le gare d appalto, si certo loro vanno molto a ribasso ma usando che tipo di materiali?
    chi li controlla? a casa tutti i magnaroun!!!
    E a Voi che un domani andrete a votare, ricordate che TUTTI ci stanno fottendo, x una volta lasciamoli SOLI!!!

Comments are closed.