Sono state diverse le mail di segnalazione. Forse perché via 7 Fratelli Cervi si trova nei pressi di Piazza Matteotti, luogo della movida serale, forse perché si affaccia sul ‘corso’ o forse perché davvero, come sostengono i residenti intervistati «la situazione è davvero insostenibile». E’ di poche ore fa infatti il comunicato stampa comunale con cui si chiede un incontro al prefetto per affrontare il tema ‘stranieri’. Tutto questo apre ad una discussione che lanotiziaweb.it ha già affrontato, da sola e senza nemmeno una parola da parte della politica, anche di quella attenta ai bisogni dei cittadini.

Quando scrivevamo che affittare case agli stranieri è un business nessuno ci credeva. Nel lontano 2 dicembre dello scorso anno questa testata ritornava sul ‘problema’ stranieri in tema di affitti in nero. E poi le connessioni esistenti tra affitti in nero e sfruttamento. A Cerignola la situazione è paradossale. La presenza massiccia di stranieri non è un problema ma un’opportunità di speculazione.

Che succede in via Sette Fratelli Cervi In questa strada che costeggia il prestigioso Palazzo Coccia ci sono delle abitazioni nella quali vivono cittadini romeni. «Durante il giorno – racconta un residente – non succede niente, è come se abitasse una normale famiglia. Il problema è la sera, quando con dei furgoni arrivano tante persone. In 20 metri si mettono a dormire in 30-40 persone. Lo sanno tutti e nessuno fa niente». Quindi il problema è che una gruppo di stranieri in casa propria decide di vivere in 30 persone? «No, il problema è che c’è un via vai continuo, bevono, parlano ad alta voce fino a tarda sera e poi dalle abitazioni esce una puzza incredibile». Ma hanno un regolare contratto d’affitto? Sono ‘regolari’? «Non lo so», commenta un allegro vecchietto. E proprio mentre stiamo andando via aggiunge: «Non lo so e non lo voglio sapere. Sai come si dice? Chi mett i man mizz a la port, si scazz!». In una città dove girare la testa dall’altra parte è la regola, un intervento dignitoso, serio e programmato da parte di chi può (la politica) potrebbe davvero rappresentare l’alternativa credibile per chi vuole occuparsi della cosa pubblica.

  • LIBANO

    comunque nella foto è via sette fratelli cervi e non via rossini!!!!!!!!!

  • Giorgio Lezzi

    Gentile Redazione, non offendetevi, ma la foto e gli episodi “ben riportati” fanno riferimento a Via 7 Fratelli Cervi (come da me segnalato nell’altra discussione), una parallela di Via Rossini. Entrambe le strade sono attigue a Palazzo Coccia.
    IN PIENO CENTRO!
    INDECOROSO!!!!!!!!!!!!
    Comunque, se non dovesse risolversi il problema in tempi celeri, auspico le dimissioni dell’Assessore alla Sicurezza. Bisogna che, ognuno, prenda contezza dei propri limiti.

  • Redazione

    Giusto, ma verificando su Google Maps purtroppo quella compare come via Rossini.
    Grazie della segnalazione.
    Redazione

  • michele biancardi

    Se non ricordo male, vi è una norma che ritiene il proprietario di casa responsabile del numero spropositato di inquilini.In base alla superficie vi è un massimo numero di persone che possono risiedere.SIAMO ALLE SOLITE ,basterebbe mandare i vigili e le Asl,controllare il contratto e verificare l’eccessivo numero di ”abitanti”.La pena è una super ammenda nei confronti del proprietario.Però appunto,bisognerebbe mandare i controlli….

    saluti

    • CURSIOSANDO

      non è che ricordi male, è che te la sei inventata ……

  • maros

    Cerignola è piena di case date in affitto a extracomunitari, l’amministrazione dorme.
    Ripristiniamo la legalità, fate i controlli e fate le multe.

  • Antonio

    nell’articolo si parla della regola di girare la testa dall’altra parte…..SBAGLIATISSIMO….. come le numerose segnalazioni di questo problema civico hanno dimostrato non abbiamo girato la testa!!!!!! Il problema è che nessuno fa niente comunque…….e parlo di chi di dovere…….di chi viene pagato per farlo e di chi sceglie di farlo !!!!!!!! Siamo solo cittadini abbandonati a se stessi !!!!

  • michetto

    FRA POCO DALLA CITTA ANDIAMO VIA NOI.
    BISOGNA TENER PRESENTE CHE DA VIA NAPOLI,NEI PRESSI DEL CAMPO SPORTIVO FINO HA PIAZZA DUOMO,QUANDO CI PASSO HO IN BICI HO IN MACCHINA SEMBRA DI STARE IN ROMANIA O IN POLONIA.
    MA TUTT STI POLACC CHE FANN QUE!!!!!!!!!!!!!

  • cinico

    Cxxxx

  • cerignolana

    è vero cxxxxx……..!!!!

  • jerryjordan

    Questo è un problema politico nazionale, è ovvio se un papà di famiglia li fa entrare in casa, tutti i fratelli rimangono a guardarsi in faccia se stessi.
    Purtroppo siamo messi male.
    Noi non saremo cacciati dalla nostra città, ma sarà un problema quando saremo cacciati dal’Italia stessa, perché diventeranno i veri padroni d’Italia.
    Se vi rendete conto, non c’è politica che tenga questa situazione di vera disperazione e di povertà futura.
    PURTROPPO SIAMO MESSI VERAMENTE MALE!!!!!!!!!!!!

  • cinico

    Se lo Stato non si da’una mossa questa xxxxxx gente entrera’ nelle nostre case con tanto di coltello e ci cosringera’ a tirar fuori dei soldi altrimanti ci uvcderanno! Cacciamoli prima che sia troppo tardi

    • pasman

      già succede!!!!!!!!!

    • CURSIOSANDO

      ma se non hai una lira che ti devono togliere ???

  • Athos

    Dove non arrivano le istituzioni, arriveranno le ronde di cittadini.
    P.S. Va detto, ad onor di cronaca che, ci sono dei cerignolani molto più problematici (e non sono pochi) di questa gente.

  • terzomondo

    ma nn avete niente da fare.cerignola ha 1000 problemi e voi pensate a qst gente disperata ke nn da fastidio a nessuno isolata cn la loro depressione e solitudine e routine di vita.cn la loro poverta dove devono vivere in lussuosi villini in cui vivono tanti cerignoilani che hanno rubato.invece di manifestare x la precarieta lavorativa,x il caro vita,leggi sbagliate ecc ecc ,voi pensate agli stranieri.ma fatemi il piacere

  • Redazione

    Gentilmente proseguiamo con termini più consoni.
    Grazie
    Redazione

  • AmicO

    caro terzomondo, col tuo dannoso anticonformismo di pensiero faresti meglio a tacere! questo, come gli altri problemi di Cerignola, è molto grave!!! ..COSA FACCIAMO ASPETTIAMO CHE QUESTI STRANIERI UNA VOLTA UBRIACHI STUPRINO QUALCHE RAGAZZA O ENTRINO A RUBARE IN QUALCHE CASA??? I CONTROLLI DEVONO ESSERCI… PER IL BENE COMUNE.

  • cinico

    Non sottovalutate quesya situazione, io dico adesso loro sono buoni, ma quando per loro ilpane comincera’ a scarseggiare saranno dolori ner noi cerignolani! Attenzione ascoltatemi!

  • Gaetano

    I commenti che stanno qui sono di una stupidità immane. Gente che colpevolizza gli extracomunitari e non i propri concittadini che a Nero affittano le case.

  • Athos

    Ripeto ciò che ho detto nella precedente discussione: CONFISCA DELL’ IMMOBILE E CARCERE PER CHI AFFITTA LE CASE A NERO. Poi si chiaro a tutti: sono cittadini della comunità europea dove, tra le altre cose, é prevista la libera circolazione ed é praticamente impossibile mandarli via. Bisogna colpire chi sfrutta: PROPRIETARI DI CASE E DATORI DI LAVORO DISONESTI.

  • Possibile che i vigili urbani non possono intervenire, e’ vergognoso. La sera se passate fuori hanno un cartone con 20 paia di scarpe! io vorrei sapere se da loro si ammassassero 20 italiani in un buco di casa cosa succederebbe……..!

  • FELLY

    Come mai se ne parla solo ora che i Romeni si affacciano nelle strade centrali…. fatevi un giro nelle zone più vecchie (Addolorata, S. Matteo, Montagnola, S. Gioacchino) sono piene di case a pianterreno affittate agli extra comunitari. E non è per razzismo ma veramente in queste zone non si vive più bene… sono diventati loro i proprietari, ubriachi a qualsiasi ora, senza lavoro e dalla puzza si deve scappare!!! Fate qualcosa!!

  • Yohan Cruijff 14

    Mamma mia! Finalmente qlc1 ne parla di questo fatto! Immaginavo ke sicuramente era così, in cui in quella casa dormisse tante persone! Anke se uno passa normalmente con la macchina si sente la puzza incredibile ke emana quel posto! Una cosa assurda ke accanto ad un palazzo così importante per Cerignola! Yak…..

  • Alan Caggiani

    Chi è che dovrebbe controllare? Sì certo, come no. Questi qui, oltre alla loro cultura che conosciamo, come esempio hanno i cerignolani.. Quando ci sveglieremo sarà troppo tardi per poter chiudere le cose in modo civile.

  • jerryjordan

    Il problema giusto e corretto per far sensibilizzare le aziende agricole, è di aumentare la paga del 5% in più a gli stranieri, per invogliare le assunzioni a noi stessi.
    Le assunzioni degli stranieri, deve avvenire come necessità assoluta, e penso che tutta questa valanga di stranieri, andranno man mano finendo.
    Se non si trova una soluzione giusta, non possiamo avviare un procedimento, e per evitare le critiche nazionali e internazionali, bisogna procedere in questo modo, almeno…..

  • maria rossi

    cara redazione io abito piazza vecchia vicino al castello e in questo quartiere andando giu x via san leonardo detta paghiaiul venite a vedere cosa succede loro non usano i bidoni dell’immodizia usano la strada per scolare la pasta o cavolo mangiano buttano fuori i bambini fanno la cacca in mezzo alla strada venite vi prego il comune e sordo, la puzza ti fa morire io mi domando perchè quando noi andiamo nei loro paesi dobbiamo rispettare le regole e loro fanno i comodacci loro? uscono nudi in mutande vi prego di testimoniare tutto quello che io e le famiglie vediamo rispondetemi

  • Le istituzioni devono intervenire al più presto. Stiamo assistendo impotenti all’invasione pacifica della nostra bella Italia e, di conseguenza, anche delle nostre città e paesi, senza colpo ferire, da parte degli extracomunitari. Io non sono affatto razzista, però dico, a tutto c’è un limite. Inoltre mi chiedo: fino a quando questa gente si accontenterà di chiedere e di vivere di elemosina? O di vivere in venti, trenta o quaranta in un buco? Prima o poi per loro queste condizioni diventeranno insostenibili. E allora che cosa accadrà. Ve lo siete mai chiesto? La questione è abbastanza seria. Non riduciamoci all’irreparabile, facciamo o faccia qualcosa chi di dovere, fino a quando si è ancora in tempo. Io la vedo brutta, non so voi. E’ vero Cerignola ha tantissimi problemi, ma non per questo si deve trascurare quello degli extracomunitari, che secondo me è una polveriera che prima o poi esploderà.

  • Gino Paoli

    La colpa è anche del popolo di CERIGNOLA … Comunque tra pochi giorni è la festa patronale MADONNA DI RIPALTA arriveranno parenti e persone da fuori città e vedranno oltre al nostro degrado , anche il degrado delle favelas Cerignolana di questi stranieri … Ma i politici cosa fanno anche su questo importante problema che solo da qualche mese se ne sta parlando ? convocate anche ELENA GENTILE ….

  • nicola

    sein sein e sppost cchè fann!!!!!!

  • cinico

    Facciamo vivere i nostri amministratori politici di e dx e perche no anche l’opposizione nei quartieri vecchi della nosyra citta cosi ci diranno loro in quale condizionioni vive la gente del posto

  • terzomondo

    sentite io credo ke x la crisi che stiamo attraversando in cui licenziamenti facili,commercianti che si lamentano che le xesone nn spendono,ecc ecc,in tanti fra poco staremo come i rumeni.se poi volete subito sistemare il problema ognuno di voi portatevi uno o due xrsone in casa vostra.dite ke i criminali e gente senza cuore,ignoranti,bestie,vediamo voi la fate un opera di carita che vi sentite la cosiddetta cerignola bene

  • Lucrezia

    Questo problema,come al solito,è stato sottovalutato da chi di competenza(Assessore alla sicurezza),in quanto o incompetente,oppure tra le molteplici mansioni che svolge ,non ha tempo di occuparsene…Fatta questa premessa,un controllo incrociato con chi affitta queste catapecchie,invivibili,può portare alla luce l’evasione fiscale dei fitti,e forse anche lla presenza di persone senza permesso di soggiorno che scorrazzano giorno e notte per il corso magari defecando la sera sei luoghi pubblici ,come Villa e altri posti simili…Un atto di forza da parte di chi dorme in Comune è il minimo che si possa aspettare prima che la SITUAZIONE DEGENERI!! E NON MANCA MOLTO!

  • avete ragione scendiamo tutti insieme per potestare

  • Ci hanno rubato lavoro e libertà nn si può più uscire stiamo vivendo con paura per i nostri figli quando escono per andare in giro..Ma e possibile che ci stiamo ancora comodi nelle nostre case????? Ma che stiamo aspettando ancora??? Se nn ci aiutiamo noi e voglia ad aspettare tanto il comune e la legge nn faranno mai niente…Rubano,puzzano, si ubriacano, corrono con le macchine, stanno senza assicurazioni e senza permesso di soggiorno. Stanno commetendo tutti i tipi di reati senza essere puniti, anzi gli aiutano, gli danno case, lavoro e soldi 20 euro al giorno, invece se va un cerignolano sul comune per essere aiutato, la risposta è sempre la solita: Non possiamo fare niente stiamo senza soldi e lavoro nn ce n’è. Ma andate a quel paese, ci trattano peggio dei animali e noi per ricompensa nn stiamo reagendo.Perciò cari paesani, cerchiamo di muoverci in fretta e veloce stiamo già al limite!!!!!!!!!!!!!

  • filippo dente

    terzomondo condivido in pieno cio ke dici poike io a 35 anni sto ancora cn i miei e nn lavorando spero di nn finire nelle condizioni dei rumeni.ci vuole una rivoluzione uniamoci ttt facciamoci sentire alle autorita ke nn ne possiamo piu di qst vitaccia,incateniamoci,scioperiamo,nn andiamo piu a votare,alla festa patronale serviva che ttt dovevamo starsene in casa per far capire che nemmeno le feste si ha piu voglia di santificaRE X LA PRECARIETA GLOBALE

  • Pietro Ruocco

    …36 commenti, di cui solo due firmati! Un pò troppo poco per esprimere le proprie opinioni con forza ed energia. Rivendicare i propri diritti in anonimato è una rivendicazioni che ha un valore pari a zero. Non entro nel merito della questione extra comunitari sì, extra comunitari no, poiché la ritengo complessa e delicata, anche se mi vien da pensare alle migliaia di Italiani che hanno sofferto le stesse pene e le stesse umiliazioni in Germania, in Belgio, in America tra l’inizio del 900 e gli anni 50. Forse anche molto peggio. Ritengo dunque la discussione meritevole di grande attenzione, meritevole di attente regolamentazioni per l’accesso e l’eventuale integrazione degli stranieri, nonché di rispetto verso i residenti che soffrono (a ragione) l’ingombrante presenza di tanti stranieri che dovrebbero fare di tutto per integrarsi e spesso non lo fanno o anche non gli vien consentito di farlo.
    Ma i commenti anonimi, continuo a dirlo, in discussioni come queste non hanno ragione d’esserci.
    Cari amici, cari concittadini, se davvero vogliamo chiedere a gran voce un cambiamento, in qualsiasi ambito, dobbiamo avere il coraggio di esprimere le nostre idee e talvolta prenderci la responsabilità di ciò che diciamo. Con intelligenza e con moderazione.
    I commenti anonimi in questi casi non servono davvero a nulla. La discussione rimane vuota, senza senso, irrisolvibile.

  • gianluca

    un paese di ignavi!” non sono fatti miei!” e via così, facendo finta di non vedere!siamo sempre alle solite!le strade di merda, la mancanza di controllo su caschi e cinture, l’immondizia, i semafori,la musica tutte le notti c/o la “cazz di movida” che non fa dormire centinaia di persone offendendo il rispetto di questi, e ora si scopre degli …(comunitari o extra, boh!)stranieri, praticamente senza fissa dimora(perchè se uno ha una casa e 100 dormono nella stessa, che sono?), vivono tra i cassonetti e bivaccano davanti ai discount! ma ora ve ne siete accorti?sveglia!Cerignola è un paese anarchico dove ognuno pensa ai fatti proprie e queste sono le conseguenze!!!!

  • michele biancardi

    PER CURIOSANDO :DENUNCIA DI PERSONE OSPITATE
    Identificazione del problema: Talvolta vengono ospitate persone, anche per lunghi periodi. Queste persone sono ospiti, non facendo parte del nucleo familiare, non avendo residenza nel luogo o non risultando nel contratto di affitto.

    Domande: Occorre dichiarare alle Autorità le persone ospitate? Dopo quanto tempo gli ospiti devono essere dichiarati all’Autorità? La eventuale denuncia riguarda sia italiani che stranieri ospitati?

    Orientamento risolutivo: La legge italiana prevede che sia possibile identificare tutte le persone che sostano per più di 2 giorni in qualsiasi appartamento. Ogni persona che non fa parte del nucleo familiare, che non ha la residenza nel luogo o che non risulta nel contratto di affitto, non può, soprattutto se ospite di lungo periodo, passare inosservata. La denuncia di cessione fabbricato (nota anche come “denuncia antiterrorismo”) è una pratica amministrativa la cui responsabilità cade principalmente sul proprietario. Lo stesso, quando affitta o vende o cede a qualcuno un immobile, è obbligato a fare la denuncia in Questura entro 48 ore dalla cessione. Questa denuncia vale allo stesso modo per ospiti di nazionalità italiana o straniera.

    Se invece un affittuario ospita una persona per oltre 48 ore, dovrebbe comunicarlo immediatamente al proprietario, che poi farà denuncia all’autorità. Nel caso poi che le persone ospitate siano cittadini extra-UE irregolari in quanto a permesso di soggiorno, il proprietario rischia forti sanzioni ed anche la confisca dell’immobile (nel caso vi sia elevato guadagno in denaro). Tali prescrizioni sono contenute nella normativa antimafia (per gli italiani e i cittadini comunitari) e nel Testo Unico sull’Immigrazione (per i cittadini extra-comunitari).

    ps SE DEVI ”CURIOSARE”,FALLO bene

    saluti

  • X il Signore Pietro Ruocco (quale a Cerignola ce ne sono tanti)

    Egregio Signor Pietro Ruocco (quale fra i tanti), Le posso solo confermare che nel Ns mestiere (Arma),se non ci fossero le segnalazioni anonime,molto del nostro lavoro investigativo sarebbe dimezzato..Se il suo problema è non firmarsi,mi consenta,Lei non ha ben chiaro il significato di questo spazio..Il non firmarsi non significa essere vigliacco ,ma vi sono tante motivazioni che costringono gli utenti a farlo..L’importante,è denunciare qualsiasi cosa che non funziona o che danneggia la comunità,cosa cambierebbe con una firma,avrebbe un valore diverso..Sono stato tentato di dirle qualche epiteto,ma non sapendo chi è Lei,non vorrei sbagliare persona..Ma mi faccia il piacere!!

  • roberto

    non sei dell’arma alrimenti non parleresti cosi’!!!il vigliacco sei tu e non Pietro RuoccoTutti hanno capito chi e’ Pietro Ruocco cioe’ il titolare del negozio….. e grande appassionato di ciclisomo tu sei talmente ignorante da non capirlo!!!!!

  • gherardo

    provate a chiedere ai signori xxxxxxxxx degli amministrativi della asl foggia quanto ci costano sti xxxxx di romeni in un anno , come spesa sanitaria . Un cerignolano , paga in ticket per il pronto soccorso , questi non pagano nulla !! Ditemi voi se tutto ciò è giusto. Ma , mi domando , in che xxxxx di paese viviamo ?

  • felice

    Per il sig. Ruocco Pietro, mi sembra piu’ preoccupato della firma che pel problema immigrati. Io dico accontentiamoci di vedere che il problema extracomunitari sia visto con attenzione da parte della comunita’ cerignolana, poi in un altro momento possiamo discutere delle “firme”.

  • X Roberto

    Vigliacco sarai tu e vorrei aggiungere qualcos’altro,ma la mia educazione non me lo permette…Non ho mai dato del vigliacco a nessuno e nè tantomeno al Signor Ruocco.ho solamente espresso la mia opinione e cioè che il non firmare non è sinonimo di vigliaccheria ma evitare ritorsioni gratuite…Sei certo del mio mestiere..Roberto bada come scrivi..la mia non è una minaccia,ma leggi con calma quello che scrivono le persone! STOP! io non ho offeso nessuno tantomeno te..Uomo avvisato…una cosa vorrei però dirti .se hai capito che ho dato del vigliacco a qualcuno ,sei un ignorante perchè NON CAPISCI quello chE LeggI CI SONO DEI CORSI SERALI prossimamente…stai connesso che presto lo lleggerai!servono per le persone ignoranti come te…ignorante non è un’offesa ma un aggettivo che nel tuo caso cade a fagiuolo!

  • Vittorio

    Visitate anche i luoghi fuori dalle mura dove dormono ammassati privi di ogni servizio decente , alle 5 di mattina e anche prima c’è la fila indiana di poveri esseri che migrano dalle campagne verso le campagne dei signori locali che li sfruttano e umiliano per 4 soldi. Cerignola cieca,sorda e muta.

  • Spaventato

    Questo articolo mi rabbrividisce. Lo sfondo razzista e xenofobo che traspare merita ribrezzo.
    Provo Vergogna!!!

  • Pietro Ruocco

    Per “Felice”

    Sono preoccupato si, ma del fatto che una discussione importante come tutte le discussioni sui problemi della nostra città, meriterebbe di più di 40 messaggi anonimi. Non in numero, ma in qualità. E non v’è dubbio che un messaggio firmato differisce da uno anonimo.
    I messaggi firmati sono meno “accusatori”, meno violenti, meno intrisi di parole pesanti e talvolta offensive, sono spesso messaggi “contro” e non “per”.
    La differenza e l’approccio che dovremmo tutti avere in un momento in cui siamo seriamente preoccupati per il peggioramento della qualità della vita della nostra città, sta nel proporre soluzioni e non nel protestare e basta. Nel chiedere soluzioni a chi deve adottarle e non solo nell’andare “contro”. Una discussione con un maggior numero di post firmati porterebbe più contributi costruttivi e meno “proteste”.
    Sia beninteso, comprendo a pieno il problema di chi vive in un quartiere ove risiedono diecine di extracomuntari, ma la soluzione non è cacciarli, ma dettare regole precise per la loro integrazione. E far rispettare queste regole è cosa assai difficile dalle nostre parti.
    Concludo con un esempio di vita vissuta: eravamo a Francoforte in Germania per lavoro, io con 3 amici siamo entrati in un Taxi, il tassista non partiva. Gli ho chiesto perchè, io avevo regolarmente allacciato la cintura. Ebbene, per partire chiedeva che i miei 3 amici, seduti sul sedile posteriore, mettessero le cinture. Ok, fatto e siam partiti.
    Il tassista non era tedesco, era un pakistano!
    Dunque, con questo vorrei poter dire che probabilmente la mancata integrazione di tanti extracomunitari, e il fatto che loro non rispettino le nostre regole, riflette anche la grande insofferenza che caratterizza larga parte di noi noi Italiani a rispettare le regole stesse.

  • michele biancardi

    Ragazzi secondo me fate un po di confusione,”Il firmarsi ”a cui alludeva il sig. Ruocco era riferito alle opinioni ,le stesse infatti se autografate assumono più rilievo e più credibilità.Non di certo si riferiva al tipo di anonimato relativo alle denuncie di misfatti criminali,Qui si che occorre pararsi il sedere per ovvie ragioni.
    Almeno io ho inteso così.

    saluti

  • Antonio

    Michele la penso come te ..pararsi il culo..perchè poi chi ti tutela??Mi meraviglio ,chi avendo tantissimi scheletri nell’armadio,oggi si fa paladino della giustizia e….ho detto tutto!! Scusatemi ma non posso andare oltre…solo chi ..comprende…per Roberto..
    a Napoli dicono ..si nù guapp e cartone!!

  • Per i cittadini di CERIGNOLA ::::

  • maramerò

    perchè vogliamo parlare degli stranieri in via Gioberti??? due giorni fa hanno aperto il tombino della fognatura ed a mani nude con delle conche per tagliare l’uva hanno tirato via tutti i liquami e pian piano li buttavano via o per strada o nella fognatura di una povera vecchietta!! l’accaduto è stato segnalato alla polizia municipale, ma nessuno ne ha visto l’ombra !!

  • CS

    Per favore, non mettete in ogni articolo in rilievo che occorre firmarsi. Questa è una chat e nessuno è obbligato ad identificarsi. Non è la sede giusta. Invece, se qualche cittadino che avesse un problema, proponesse una petizione, quella sarebbe l’occasione giusta per metterci il nome. Non so se qualche straniero legge questi articoli: immaginatevi se ci firmassimo. Sicuramente ci verrebbe a trovare munito di coltello (perchè nel loro paese vige quella legge) a farci un regalino. Le opinioni si possono esprimere in questa sede liberamente, senza offendere nessuno e tantomeno senza rivelare la propria identità. Con i tempi che corrono, se dovesse andare al comando qualcuno a cui non garbano le nostre idee, potremmo avere problemi. E già così siamo a rischio, perchè in caso di dittatura si potrebbe costringere la redazione a fornire i nostri dati. Certo, è una esagerazione, ma qualche studioso cerignolano vi potrà dire cosa è successo ai tempi delle votazioni in cui i comunisti conoscevano i fascisti e i fascisti conoscevano i comunisti. Me lo hanno raccontato gli anziani: uccisioni, punizioni corporali, ritorsioni, ecc. E tutto per avere espresso un pensiero in prima persona. Tutto questo per dire che l’anonimato è un diritto: non chiedete più di svelare la nostra identità.

  • michele biancardi

    Amico mio,
    sembra quasi che tu viva Iran non a Cerignola.

    saluti

  • CS

    Mi adeguo a quello che si dice di Cerignola. Visto che siamo tutti cittadini di m… e non si salva nessuno, visto che gli stranieri seguono solo l’esempio del Cerignolano incivile, visto che per esprimere un parere occorre qualificarsi, non ci vorrà molto che qualcuno imponi la propria dittatura. Non siamo in Iran per adesso, ma fra un po’, quando si darà largo alla gentaglia cerignolana e agli incivili stranieri, altro che Iran. A Cerignola si potrebbe vivere meglio, ma non siamo ancora in guerra. Solo che non bisogna ridursi agli estremi per salvarsi.

  • michele biancardi

    Caro Cs,Tu da quel che vedo(o meglio leggo)SCRIVI ESPRIMENDO LE tue opinioni senza offendere nessuno,serenamente.Molti ,invece diffamano, offendono, screditano per il gusto di farlo senza avere uno straccio di riscontro.Beh,questo è scorretto e troppo comodo sparare da dietro il cespuglio senza essere visti .Poi ognuno è libero di fare quel che vuole ed avere le proprie opinioni.

    ti saluto

  • CS

    Purtroppo il guaio a Cerignola e non solo è la maleducazione costante. I toni pacati non piacciono a nessuno e per vivere, a volte, ti devi adeguare. Devi saper graffiare. Tuttavia sono dell’opinione che, pur scendendo a compromessi, non bisogna mai scadere nell’eccesso e mettersi alla stessa stregua. Chi normalmente usa un linguaggio non adeguato di certo non si nasconde: è abituato a parlare così e ad agire così. Lo fa apertamente e, quindi, non avrebbe difficoltà a mettere il proprio nome. L’altro problema è che non si rispettano mai le idee degli altri; se uno ha un’opinione differente è un ignorante, un bifolco. Prova a parlare con qualche animalista: è sempre meglio la pupù di un cane sul marciapiede, i peli dei cani che svolazzano sui panni degli altri, le pipì che colano dai balconi. Non si pensa mai ai disagi che creano agli altri.
    In alcuni commenti sull’argomento degli stranieri, qualcuno ha giustificato l’inciviltà di questi, perchè vivono in un paese incivile. Non è giusto: non si fa niente per migliorare. Lo so, neanche questa sede è la maniera per risolvere qualsiasi problema: non è con le parole che si risolve tutto, ma almeno scrivendo le nostre opinioni in maniera soft, esprimiamo il nostro dissenso.

  • CS

    PS.: Ho mancato ti ricambiare i saluti.

  • giuseppe

    e per non dire che gli extra comunitari vanno in giro con macchine senza assicurazioni e targhe false.e se investono qualcuno o fanno un incidente chi paga?????

  • filippo dente

    x giuseppe.mi pare di capire dai tui commenti ke la persona senza difetti al mondo.visto che tu sei ricco fagliela tu l assicurazione ai stranieri cosi se investono stanno coperti

  • Alibaba’

    Secondo me Filippo e’ terzomondo da come scrive e dalle baggianate che pensa. Ecco Filippo e’ il cerignolano medio ed e’ per questo che siamo nella pupu’. Saluti.

  • maros

    X Giuseppe

    Attualmente la quantità di automobilisti Cerignolani che circola senza assicurazione è sicuramente superiore ai guidatori extracomunitari.

  • piccioriccio

    preciso che non ho letto i vari commenti, e quindi non so se quello che dirò sia già stato scritto. Ad ogni modo questa è una situazione paradossale che non è solo di via Cervi ma è del paese intero. Non dimentichiamoci della “terra vecchia” per anni considerata un ghetto, poi si è cercato di riqualificarla e a distanza di anni si è ghettizzata da sola poichè vi abitano più stranieri che italiani, ed ad ogni modo basta girare per le traverse del corso ed accorgersi che tutti e dico “tutti” i piano terra sono abitati da stranieri. Ma si è pensato a censirli???? credo di no. E i piccoli stranieri vanno a scuola secondo le leggi italiane o sono un investimento da parte delle famiglie, perchè più figli ci sono e più si incassa dalla questua che i piccoli fanno????? Ai posteri l’ardua sentenza

  • Anonimo

    Vogliamo parlare dei rumeni che ci sono nel centro storico? la puzza e il casino che fanno? ne sono tantissimi! ogni volta che passo di li ho paura!