Un autunno nero anzi nerissimo. A dipingere il quadro occupazionale italiano con colori a tinte forti è il segretario della Uil, Luigi Angeletti.

La prospettiva di una stagione autunnale ormai alle porte, sotto l’aspetto lavorativo, non fa ben sperare. Il segretario parla di almeno mille posti in meno al giorno.

Una cifra che fa tremare tutti, soprattutto i giovani, sempre più interessati dalla crisi economica in atto. Gli ultimi dati Istat parlano di un superamento sostanziale delle cifre divulgate nel luglio scorso. Si parla di un tasso di disoccupazione oltre il 10,7 % e circa 2,7 milioni di italiani senza un’occupazione stabile.

La soluzione di Angeletti «Servono risorse economiche e politiche – ha dichiarato il segretario Uil – il Governo non ha nessuna delle due. Non ha soldi e non ha, a fine legislatura, la forza politica per cambiare le norme. Gli italiani – ha continuato – si stanno impoverendo. Non solo i giovani non trovano posto di lavoro ma rischiamo di farlo perdere agli adulti. E questo è drammatico».

Contro l’evasione «L’operato del governo contro l’evasione – ha detto ancora il segretario della Uil –  mi sembra positivo. E’ un problema serio, contrastarla non è popolare perché è di massa, non è che evadono solo i ricchi. La vera rivolta fiscale la devono fare i lavoratori dipendenti che le tasse le pagano prima di prendere lo stipendio. Tutte le risorse recuperate dall’evasione devono esser utilizzate per ridurre le tasse a chi le paga. Bisogna ridurre di 5 miliardi i costi della politica, questo è scandaloso, quei soldi devono ritornare agli italiani. Ci sono 960mila persone che vivono di politica e negli ultimi 10 anni hanno aumentato il loro reddito dell’80%. Non c’è lavoratore o imprenditore che ha beneficiato dello stesso trattamento».

Incontro Governo-sindacati Domani il Governo incontrerà i segretari dei sindacati per discutere la situazione. Scettico il segretario Uil sull’esito positivo di tale vertice. In vista dell’incontro con i tecnici del Governo, Angeletti dà i voti ai ministri: «la Fornero è un’ottima economista, non ha una formazione adeguata però per fare il ministro del Lavoro. Ha una scarsa conoscenza del sistema delle relazioni industriali  e non sono cose che si apprendono velocemente. Passera? un ottimo ministro pieno di buona volontà, molto spesso è però vincolato dal fatto che propugna una politica che l’insieme del governo non sostiene. Grilli è un ottimo ministro del Tesoro. Barca? Ho letto alcune sue dichiarazioni interessanti e affascinanti, ma francamente sono rimaste tali. Il migliore è Grilli».

CONDIVIDI
  • Tam Tam

    CARO ANGELETTI , Hai scoperto l’acqua calda.

    Signori Sindacalisti Voi sopravvivete, grazie a quei stupidi che credono ancora in voi, pagando le tessere e dalle quali scroccate milioni di euro all’anno senza aver mai lavorato.
    Non Siete un fallimento totale, siete soci con i Politici.
    E il POPOLO DORME.

    DORMITE TRANQUILLI E ASCIUTTI.

  • Mimmo

    Sindacati VENDUTI ….

  • PATAPUM

    UN’ALTRA CASSANDRA, MA NON SI ERA IN FORTE E SENSIBILE RIPRESA?
    I CONTI DELL’ITALIA SONO A POSTO?
    AGLI ITALIANI SI CHIEDE DI AVERE PAZIENZA CHE LA RIPARTENZA E’ PROSSIMA?
    NON FACCIAMOCI ILLUSIONI SIAMO SOLO ALL’INIZIO DI UNA TORMENTATA STAGIONE DI SACRIFICI?
    PENSIAMO ALLA CRESCITA MA ANCHE ALL’OCCUPAZIONE?
    TUTTE QUESTE FRASI SONO STATE DETTE DA AFFACCENDATI CHE SI CONSUMANO LA FACCIA PER ANDARE IN TV, UN SOMMO GIORGIO CHE E’ DIVENTATO PIU’ VISIBILE DELLA BELEN; UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO OMBRA (TRE IN TUTTO) CHE CONTINUA A RIPETERE CHE LORO SONO PRONTI PER GUIDARE L’ITALIA SENZA MONTI; ALTRI DUE PRESIDENTI OMBRA CHE INVECE SONO PER ALTRI DUE MONTI (MARIO MONTI E MARCEGAGLIA); SI AFFILANO GIA’ LE UNGHIE PER CHI SI ATTACCHERA’ PRIMA E CON FORZA ALLA POLTRONA. MA UNA PICCOLA RIFLESSIONE E’ DOVEROSA, SE QUESTI SIGNORONI NON VOGLIONO PIU’ PRENDERSI LA RESPONSABILITA’ CHE “IL POPOLO SOVRANO GLI AFFIDA”, PERCHE’ NON COMINCIARE A PENSARE DI LAVORARE?????????????????????????????
    LA SECONDA ALTERNATIVA SAREBBE QUELLA DI METTERE A GOVERNARCI:
    UN PRESIDENTE DI BANCA, UN GENERALE DELLE FORZE ARMATE, L’ESERCITO DI ATTENDENTI E LUOGOTENENTI; MEDICI DI FAMA E SCIENZATI, DIRIGENTI D’INDUSTRIA O IMPRENDITORI (QUELLI CHE HANNO GLI ATTRIBUTI E LI RISCHIANO OGNI GIORNO); QUALCHE CAPO POPOLO PER FAR MUOVERE LE MASSE. IN QUESTO MODO ELIMINEREMMO I PRIVILEGI, LE AUTO BLU’, TANTISSIMI GALOPPINI CHE NULLA HANNO A CHE FARE CON IL LAVORO. LE ORGANIZZAZIONI DI SETTORE CHE VIVONO IN MEZZO AI PROBLEMI DEL QUOTIDIANO, E NON QUELLI CHE LEGGONO IL QUOTIDIANO. ALTRE OINDICAZIONI POTREBBERO VENIRE DAL POPOLO SOVRANO E NON DAL SOVRANO DEL POPOLO.

  • Cerignolano attento

    Bravo PATAPUM, hai dimenticato solo di citare,

    per questi signori Politici

    LA PENA DI MORTE