Prima vittoria in campionato per l’Audace Cerignola, che passa senza troppi problemi a Racale: 3-0 tranquillo ad un avversario in evidente rodaggio. Mister Pizzulli presenta delle novità nella formazione di partenza: dentro gli under Cellammare e Binetti in luogo di Auciello e Caggianelli; attacco rapido con le incursioni di Lasalandra e Piscopo mentre gli altri effettivi sono gli stessi di una settimana fa. I padroni di casa salentini (esordio in panca di Lombardo) in campo con Tacconi in porta ed Aliotta, Portosi e De Nicola come elementi più esperti. Per circa venti minuti non c’è granché da segnalare: il Racale cerca di aggredire ma gli ospiti si difendono con ordine; tra il 19′ ed il 23′ però, l’Audace piazza un uno-due letale per i biancazzurri. A sbloccare il risultato è Binetti, il quale lascia partire un tiro-cross che, con l’evidente complicità del portiere, finisce la sua corsa in rete sorprendendo il figlio dell’ex numero uno della Juventus. Il raddoppio ad opera di Piscopo, che raccoglie un lancio di De Santis sulla fascia sinistra, salta un difensore accentrandosi e segna nonostante la disperata uscita di Tacconi. I leccesi, già con il doppio svantaggio sul groppone, sono costretti a sostituire due giocatori in pochi minuti (rispettivamente Mazzarella e Pica al posto di Aliotta e Mazzeo) ed accusano il colpo, non riuscendo a reagire. Anzi, Binetti sfiora il bis personale, trovando stavolta pronto Tacconi alla risposta; l’unico pericolo per la difesa ofantina viene da Pica, il cui tiro è respinto in angolo.

Nella ripresa, dopo dieci minuti, la gara per il Cerignola diventa ancora più sul velluto, perché l’attaccante ex Martina De Nicola viene espulso per doppia ammonizione (fallo di mano aggiunto al giallo per proteste nel primo tempo). Gli uomini di Pizzulli gestiscono agevolmente, accelerando di tanto in tanto come al 60′: Tacconi è chiamato al difficile intervento dal capitano Lasalandra. E’ la prova generale del gol per il folletto cerignolano, che realizza uno dei suoi gol preferiti, sferrando un missile dai trenta metri sorprendendo ancora Tacconi, forse un po’ troppo fuori dai pali. Poco dopo, il Racale resta anche in nove: fuori col rosso diretto anche Paglialunga, reo di un ruvido tackle su un calciatore foggiano; l’incontro non ha più nulla da raccontare, anche se i leccesi tentano in ogni modo di accorciare le distanze, pur pesando tantissimo la doppia inferiorità numerica e dall’altra parte c’è il Cerignola che non infierisce. Tre punti che fanno indubbiamente morale, in vista del primo test davvero probante della stagione: domenica prossima al “Monterisi” infatti, arriverà l’Atletico Mola, costruito per vincere ed a punteggio pieno dopo due partite. L’Audace in classifica è subito dietro il terzetto di testa (che comprende anche le sorprese Quartieri Uniti Bari e San Severo), a quota 4 punti, in compagnia di Galatina e Manfredonia.