Arriva di buon mattino la prima reazione del Sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, alla notizia della decisione della Società gialloblu di rinunciare al Campionato di Eccellenza Regionale, dopo la manifestazione della tifoseria prima della gara contro il Mola di domenica scorsa: «Come amministrazione siamo molto preoccupati per ciò che è successo; la stessa dirigenza ofantina ha fatto questo passo perché la protesta è sconfinata oltre i limiti, e stanno tentando in via cautelare di ritirare la squadra. Io farò tutto il possibile per trovare una soluzione, e lancio un forte appello ai tifosi per trovare un confronto il più possibile civile. Ci auguriamo che l’Audace Cerignola riveda questa sua decisione. Io ce la sto mettendo tutta; è un momento critico per tutti, non solo per il calcio, stiamo vivendo degli episodi che mal si conciliano con la nostra realtà – ha concluso il Primo cittadino -. L’impegno è trovare una soluzione per evitare che anche il nostro calcio subisca un brusco stop». Un appello del massimo rappresentante cittadino che non può essere trascurato o snobbato. Nel pomeriggio, allo Stadio Monterisi, la Società incontrerà la squadra. Sicuramente si aspettano sviluppi nelle prossime ore.

  • io

    che se lo e’ autoscritto decosmo?

  • roberto l’altro

    é una commedia che dura da tanto tempo meglio ritirare la squadra e farla finita, chi vuole un’altra squadra se la costruisca con i suoi soldi ed a suo piacimento.SPERO CI SIA QUALCUNO IN QUESTO PERIODO DI CRISI PROFONDA CHE INVESTE TEMPO E DENARO PER APPRONTARE UNA SQUADRA CHE POSSA SALIRE IN CATEGORIA SUPERIORE.Auguri a chi si farà sotto speriamo che qualcuno ci sia.

  • io

    QUALCUNO DIMENTICA COSA E’ SUCCESSO ,ALLORA VE LO RICORDO:
    Dopo l’ennesima settimana caratterizzata da incertezze e dubbi circa i rimborsi spese pattuiti ad inizio stagione i calciatori e lo staff tecnico dell’Audace Cerignola con la presente portano a conoscenza quanto segue:

    Domenica 25 marzo dopo interminabili conversazioni telefoniche con gli amici Ultrà,il Presidente Dinisi e il sidanco dott.Antonio Giannatempo, siamo scesi in campo per onorare e difendere, con la professionalità che ci distingue da altri calciatori, i colori che con orgoglio indossiamo e che sono per noi una seconda pelle.

    Purtroppo con il concludersi di marzo, sono ben tre mesi che noi e le nostre famiglie viviamo un momento di assoluto immobilismo da parte di chi doveva onorare invece, “il proprio impegno”.

    Alle parole dovevano seguire i fatti, il nostro secondo posto dimostra quanto i fatti dicano a gran voce, del nostro impegno e dedizione nel perseguire gli obbiettivi di inizio stazione, nonostante le infinite difficoltà che nel quotidiano dobbiamo affrontare.

    Agli ultrà, i tifosi e gli amici dell’Audace comunichiamo che anche il raggiungere la città di Cerignola è diventato uno sforzo economico non più sostenibile. Come promesso, domenica siamo scesi in campo per Voi !!!

    Siamo rammaricati per il pareggio e per il brutto ed opaco secondo tempo, ma credeteci non ci si può allenare pensando ad altro o ancor di più con due allenamenti alla settimana. Facciamo fatica ad essere sereni e la dimostrazione è stato il calo psico-fisico contro il Maglie. Oggi ci vediamo costretti a dirvi che diserteremo gli allenamenti a partire da martedi , fino a quando non avremo certezze sul futuro di tutte quelle famiglie che attraverso il calcio conducono una vita dignitosa.

    Siamo certi comprenderete la nostra decisione e con noi affronterete il problema per una rapida risoluzione.

    I calciatori e lo staff tecnico dell’Audace Cerignola.

  • Cerignolano molto attento

    Notizia preannunciata e studiata a TAVOLINO.
    Altrimenti come giustificare con il sig. Decosmo…………………????

    CA’ NISCIUN E FES.

  • SCOCCIATO

    SIETE ATTORI DA OSCAR!!!!!!!!!!!!

  • Bruno de’ Castelli

    Ah oh, allora so’ serviti er paio de ceffoni che s’è pigliato sotto casa!

  • Mimmo

    A qualcuno non li va giù la parola : “” che tutto un BUSINESS .””… … ci vuole serietà serietà Presidenti di oggi , e futuri …. altrimenti non vi avvicinate minimamente a questa squadra bella del CERIGNOLA …. un pò di coscienza e rispetto verso altri GRAZIEE …

  • francesco

    CHIUDETE BOTTEGA !!! questa classe politica non può pretendere di gestire tutto anche il calcio… andate a casa !!! mi meraviglio (in realtà sempre meno) che una brava persona come Giannatempo si presti a questi giochini..

  • Nescio Nomen

    Secondo me si é creato un equivoco pazzesco, mi spiego meglio: a mio avviso gli ultras (che stimo), dovrebbero solamente di tifo, organizzare trasferte, coreografie etc. Ciò che è successo a marzo non doveva riguardare gli ultras! Non pagano gli stipendi, gioca l’ under 18? Problemi che, a mio avviso, non dovevano riguardare gli ultras. La verità scomoda da dire è anche questa…che, all’ interno degli ultras ci sono dei personaggi il cui comportamento é dir poco equivoco. Mi spiego meglio: un paio di personaggi, nella stagione passata, ad inizio campionato facevano parte della società (vero?)..partecipavano a riunioni tecniche con i vari dg, ds e compagnia cantante. Nel girone di ritorno, questi personaggi, sono passati improvvisamente dall’ altra parte, fomentando ed aizzando gli animi (vero?). Un po di coerenza e sana autocritica da parte gli ultras non farebbe male. Forza Audace sempre.

  • michetto

    VOLEVO RISPONDERE AL SIG. IO,VEDI CHE CE GENTE CHE DA 1 ANNO NON LAVORA E’ STA PEGGIO DI TE IN FAMIGLIA.
    NON VI LAMENTATE CHE VOI PERCEPITELO STIPENDIO(QUAND CE) GIOCANDO NON LAVORANDO…..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • io

    forse mi hai scambiato per un giocatore,ma non lo sono quel comunicato che ho incollatto,era per rinfrescare la memoria di qualcuno,facendo capire che gli ultras non sono pazzi ,ma qualcosa di vero ci sara’.
    X NESCIO e’ vero quello che dici,ma quando in campo non si presenta nessuno ,perche’ nessuno e’stato pagato ,e c’e’ il rischio concreto ,vedi san paolo -cerignola dove gioco’ l’under 18,che la squadra non ci sia ,per chi tifiamo ,per gli spalti vuoti?e quando il d.g. al consiglio disse che lui non c’entrava nulla ,era solo il commercialista del presidente,e quando andammo dal presidente e lo stesso ci disse che se volevamopotevamo noi fare qualcosa preche’ lui non aveva un soldo per far scendere in campo la squdra ai play off per la d ,e non in campionato come la mettiamo?dovevamo pure farci i fatti nostri?e’ stato bello vedere 2000 persone in citta di cava cerignola?e ora si ripresentano,ma se non avevano 1 euro,ora che hanno vinto il superenalotto?e’ c’e’ molto altro………

  • Pam

    E ke qui si stanno confondendo le idee ormai tutto va pari passo alla politica e vedete come come va……..Cerignola e allo sbando sia politicamente ke calcisticamente parlando…..poveri noi come rimpiango il primo mandato di Salvatore tatarella allora si ke Cerignola respiro x quattro anni………forse troppo pochi adesso ci sono personaggi che nn fanno piu politica la politica nn esiste piu si pensa solo ad intascare il piu possibile dal politico piu in alto al politico piu piccolo……. Senza fare alcun nome non serve si dovrebbero vergognare tutti quanti uno schifo…..

  • Cerignolano attento

    BRAVE PERSONE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    QUEI BRAVI RAGAZZI.

  • senior

    DOMANDE

    Ma Dinisi e il suo commercialista(così dicono)quando hanno comprato L’AUDACE?
    Il titolo fu dato gratis dal Sindaco Valentino al Presidente Dinisi?
    Ma la famosa società dell’Audace da chi è composta?
    Qual’è la famosa frase di ATTILA? Scegliete Voi chi può impersonare questo personaggio
    Il “MONTERISI” è il campo comunale o il campo dell’oratorio salesiani?

    Rispondete a queste domande e meditate.

  • nicola

    ritornello in musica

    prima strofa:
    ma quale presidente
    ma quale imprenditore
    sei solo un muratore
    sei solo un muratore

    seconda strofa:
    ma quali dirigenti
    ma quali direttori
    siete solo degli impostori
    siete solo degli impostori

  • OSSERVATORE

    Questo sindaco si preoccupa di tutto e di tutti.
    Che brava persona!

    Ma della Gema ogni tanto ti ricordi, caro sindaco?

  • secondo me bolle qualcosa in pentola, e’ una sceneggiata politica

  • gianluca

    calciatori di infima categoria,pseudo atleti dilettanti! chi ha detto loro di poter vivere e mantenere le loro famiglie ha sbagliato e loro si sono illusi! andate a lavorare e vivete lo sport come un hobby e nulla più! siete dei dilettanti in una società di dilettanti in una ittà di mediocri!

  • Cittadino Obiettivo

    Ma con tanti problemi che attanagliano la nostra città, ed i cittadini, ci dobbiamo preoccupare del calcio locale, manco si trattasse di problemi di sopravvivenza?, ma siamo seri, prima c’era il contributo annuo comunale di oltre 500 milioni delle vecchie lire, e diciamo si riusciva bene o male a tirare a campare, ora che il comune non dà queste cifre il calcio nostrano è in crisi, ma perchè non si dimette il massimo dirigente DECOSMO?, ma vuole tenere le mani in pasta dappertutto?, se la maggior parte dei supporter Cerignolani chiedono le sue dimissioni, a cosa aspetta? Finchè c’è gente come questa in giro, il Cerignola calcio sarà sempre (se tutto va bene) in queste categorie. Ma poi cari Cerignolani, con tutti i problemi seri di sopravvivenza che hanno e vivono, le tante famiglie nella nostra città, noi ci vogliamo prendere pure questo che è si un problema, ma di secondaria importanza per la vita dei cittadini. Quindi cari tifosi e tifose del Cerignola, pregate e magari arriveranno tempi migliori per il calcio nostrano, per come lo intendo io, il calcio in Italia è incancrenito fino all’ultima cellula, ma ci rendiamo conto, che uno sport come il calcio, non ha più l’essenza del calcio e dello sport, per via dei tanti soldi che girano intorno ad esso? Sarà, ma a me, piace ancora lo sport gratuito, dove ci si divertiva per senza soldi, quello sì che era divertimento allo stato puro, non questi calciatori, che dire superpagati è nulla, quando ad un calciatore si danno 12 milioni di €uro all’anno, ed un operaio che rischia la vita per meno di 1000 €uro al mese, vi sembra normale? Allora chi vuole giocare a calcio nel Cerignola, lo deve fare innanzitutto perchè si diverte, poi se ci sono soldi o premi da dividere fra loro, si danno, altrimenti che facciano qualsiasi categoria di iscrizione, tanto il calcio era e deve rimanere uno sport/divertimento, altrimenti dobbiamo preoccuparci di competere con i presidenti di altre società sportive di calcio, che sono disposti a rimetterci tanti soldi, e noi sinceramente adesso non ce lo possiamo permettere, poichè ritengo che oggi, ci sono nella vita comune di tantissimi cittadini, problemi molto più seri di questo del calcio malato di denaro, e chi si danna per esso, o per vedere a tutti i costi il Cerignola in Serie D, o C, o B, o A, che ci mettesse lui i soldi, se ne ha, altrimenti cambi le sue attenzioni o le sue passioni per questo sport, che di sportivo non ha più nulla, poichè per me lo sport è e deve essere solo divertimento, non ammalarsi il fegato per queste vicissitudini, che c’erano, ci sono e ci saranno. Auguri a tutti, di buona vita.

  • frenk bois

    giannatempo , decosmo , siete fuori dai giochi voi e tutta la combricola e ogni tanto date uno sqardo al cielo e pregate il signore…… vi piace fare quello che vi piace e finita per voi e la sinistra altri buffoni .