Rubrica - Scrivo per...
Rubrica – Scrivo per…

All’interno della rubrica dedicata ai cittadini “Scrivo per…”, oggi vi proponiamo una breve lettera inoltrataci da un lettore, Giuseppe, sulla condizione del monumento sito all’ingresso del rione fornaci, dedicato a Papa Giovanni Paolo II°. Ecco il documento completo.

Cari concittadini, cara redazione volevo segnalarvi con tanta indignazione di un monumento posto alla rotonda delle fornaci dedicato al nostro Papa Giovanni Paolo II tanto voluto ed inaugurato nel Marzo 2011. Bene, dopo un anno sono ben 2 mesi che è praticamente distrutto, nessuno dell’amministrazione comunale è capace di riparare quel monumento che rappresenta un importanza immane per cerignola soprattutto chi come me ha vissuto quel giorno speciale quando nel 1987 il nostro padre Giovanni Paolo II visitò cerignola, quell’uomo che avrebbe segnato la storia. E’ un peccato vedere stracciata quella figura, spero che qualcuno intervenga. Grazie, Giuseppe

  • cerignolano

    penso che tu ti riferisca alla gigantografia fotografica del papa

    Papa. in reallta quella non e’ il monumento vero ma solo la sua annunciazione.. che visti i tempi e il menefregismo generale, il vero monumento non si fara mai. ci rivediamo qua fra un altro anno a raccontare ancora del monumento che non ci sara

  • Francesco Clori

    Aggiungo che non si puo’ inserire il monumento ad un Papa (e poi che Papa) in una squallida rotatoria dove non ci puoi nemmeno arrivare a piedi e per di piu’ oggetto dei caroselli da parte di quattro imbecilli in occasione delle partite che lo calpesterebbero senza pieta’. Al Papa io dedicherei una piazza e se la meriterebbe tutta per cio’ che e’ stato e ha rappresentato.

  • Tam Tam

    Sono daccordo per una Statua al nostro caro Giovanni Paolo II, in un altro posto, ma sarei dell’avviso di fare diverse statue tipo foto di gruppo, dei signori politici che hanno governato questa città, con una bella dedica ai loro piedi, del tipo
    NOI RAPPRESENTIAMO IL MALE.

  • Gherardo

    Concordo con Francesco Clori, in questa città si perpetra da anni uno scempio della cultura , del senso civico , del rispetto dei valori etici e morali . Questa è una città destinata al totale declino morale e sociale. Ivi regna la sottocultura , l’immoralità e sopratutto l’ignoranza. A mio modesto avviso , ci vorranno almeno tre generazioni per rinnovare la mentalità gretta, aggressiva e cafona di questa cittadina , basta osservare i modi e i comportamenti deigli adolescenti , frutto dell’educazione ricevuta dai propri genitori ed educatori. Non ci resta che augurare ai nostri figli di andare via non appena possibile . Che questa marmaglia di cafoni imbottiti di cocaina , morti di fame , ma firmati da testa a piedi che girano in audi, bmw e scooteroni , si scannino fra loro.

  • Nescio Nomen

    Sig. Gherardo, se si candidasse come Sindaco, avrebbe sicuramente il mio voto e di tutti i miei parenti! Condivido in toto tutto ciò che ha detto.

  • michele biancardi

    Quello che scrive il sig.Gherardo rappresenta perfettamente la nostra realtà ,ma la soluzione che propone è la più ”comoda”.
    Andare via per qualche migliaia di cavernicoli sarebbe una resa,Cerignola è un bel paese basterebbe poco per renderla più vivibile.
    L’uomo di Neanderthal si è evoluto in homo sapiens,quindi anche noi dobbiamo avere la speranza che L’HOMO SCUTERONS si evolva in homo Civilis.

    saluti

  • speranza

    Sono daccordo un bravo al sign. gherardo e chi la pensa come lui,non si riesce a sistemare un semplice manifesto staccato, il paese dei cattolici e’ non siamo capaci di sistemare il simbolo del bene la figura di un grande Papa!! Complimenti ai signori del comune magari non se ne sono nemmeno accorti ?!

  • Cerignolano attento

    Sono daccordo con Gherardo fino ad un certo punto, mi spiego, abbandonare Cerignola per un centinaio di balordi, è un vero peccato e poi risulteremmo perdenti.
    Studiare tecnica e modo per DISINTEGRARLI.
    QUESTI PARASSITI MONTATI DI TESTA DEVONO SPARIRE
    E PER SEMPRE.
    PER IL BENE DEI NOSTRI FIGLI E NON SOLO……..

  • rocco

    e’ giusto evidenziare tutto il male che sta in Cerignola, che sembra essere la peggiore città del mondo. Ma una città si giudica per le persone che ci abitano.
    Cosa facciamo noi “persone per bene” per migliorare il nostro modo di vivere? Per un “cattivo” è facile trovare terreno fertile se nessuno fa niente per impedirglielo. E non dobbiamo per forza fare i polizziotti al posto dei polizziotti. Cominciamo dal rispetto per le persone e per le cose e intervenire presso i nostri figli, i nostri parenti, i nostri amici e per le persone che incontriamo che “segnalare” i loro errori e “suggerire” l’alternativa migliore, anche a costo di offenderle.
    Le cose più semplici sono le prime che devono essere considerate: l’mmondizia buttata fuori dal cassonetto, il pacchetto di sigarette o il tovagliolo buttato dalla macchina in movimento, il chiasso fatto quando si esce dalla pizzeria in centro senza alcun rispetto per chi ci abita vicino, il mancato rispetto della precedenza, ecc.ecc.
    Sono gli altri che devono farlo…..
    Poi si passa al passo successivo, dove cominciare ad andare nel penale, senza saperlo. Ma non voglio dilungarmi.
    Facciamo un esame di coscienza e cominciamo dal togliere quella patina di arroganza e presunzione che copre molti cerignolani, soprattutto di quelli che si considerano per bene.