I Carabinieri della Stazione di Ascoli Satriano hanno tratto in arresto in flagranza di reato DE MUZIO Alessandro, classe 1982, pregiudicato responsabile di ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale. I Carabinieri di pattuglia nel centro abitato del sub appenino dauno, mentre erano nei nei pressi di via caduti di Nassiriya, fermavano per un controllo DE MUZIO, già loro noto per via dei precedenti, alla guida – senza casco – di un ciclomotore senza targa. Richiesta al conducente l’esibizione  dei esibire i documenti di circolazione del ciclomotore questi rispondeva in malo modo dicendo di non averli e chiedendo di essere lasciato in pace. I Carabinieri invitavano così la persona fermata a seguirli in caserma per effettuare degli accertamenti e per tutta risposta DE MUZIO si avventava contro i militari operanti inveendo contro di loro; l’uomo veniva ricondotto alla calma e condotto in caserma  dove i Carabinieri estrapolavano il numero di telaio del ciclomotore ed a seguito di interrogazione della banca dati in uso alle forze di polizia accertavano che detto ciclomotore risultava rubato nel comune di Paternò (CT) nel 1999. In considerazione dei gravi indizi di colpevolezza in relazione al reato di ricettazione oltre che alla resistenza a pubblico ufficiale DE MUZIO veniva sottoposto a fermo di polizia giudiziaria mentre il ciclomotore veniva sottoposto a sequestro penale ed affidato in custodia al deposito giudiziario. Terminati gli accertamenti DE MUZIO veniva tradotto presso la Casa circondariale di Foggia.

  • Valerio

    Sarà contento il proprietario del motorino…dopo 13 anni…

  • Cerignolano attento

    Spezzategli le gambine e le manine, ogni giorno sti tipi ci hanno rotto.

  • Ti credo kon queste assicurazioni e normale ke una persona si accontenta ad andare in giro senza targa il costo delle assicurazioni e troppo alto…..!!!!!!!

  • Puliamo il mondo dai ladri

    15 giorni di galera nel carcere di San Marino…Diventerà un agnellino…. lì i topi non hanno paura delle persone come questo elemento!!

  • Mario MONTI

    Date fuoco ai nn meritevoli di lode……