Sarà un’esposizione di prodotti tipici locali alle scolaresche da parte di alcune masserie didattiche tradizionali ad aprire, nella mattinata di venerdì 12 ottobre, il programma di iniziative della prima edizione del Premio nazionale “Bella di Cerignola”, manifestazione organizzata dall’Amministrazione Comunale di Cerignola con la collaborazione del Gruppo di Azione Locale “Piana del Tavoliere” e patrocinata dalla Provincia di Foggia e dalla Regione Puglia. E’ un evento, dice Michele Romano, direttore dell’Agenzia comunale per le Attività Produttive, “voluto per valorizzare l’oliva Bella di Cerignola, il prodotto più famoso tra quelli che possiamo annoverare nella nostra tradizione culinaria, uno tra i più pregiati della Puglia, tutelato da un marchio Dop”.

Nel pomeriggio di venerdì, alle 19, si terrà un convegno a Palazzo Coccia, durante il quale si parlerà di dieta mediterranea, del rapporto tra cibo e territorio, di politiche alimentari in un contesto rurale, delle possibili strategie da adottare per la valorizzazione dei prodotti tipici locali. Seguiranno una degustazione delle eccellenze enogastronomiche del territorio, una gara tra pizzaioli che culminerà nella creazione della “Pizza Bella di Cerignola”, e uno spettacolo musicale in Piazza Matteotti presentato da Francesco Montingelli, che prevede, tra le altre, anche una esibizione delle danzatrici dell’ Accademia “Scarpette Rosa” di Cerignola.

Sabato 13, alle 18, la Sala Consiliare del Palazzo di Città ospiterà una conferenza sul tema “Agricoltura: produzione e trasformazione alimentare”, con il Sindaco Antonio Giannatempo; l’assessore provinciale alle Attività Produttive, Pasquale Pazienza; l’assessore provinciale all’Agricoltura, Nino Santarella; il direttore dell’Agenzia comunale per le Attività Produttive, Michele Romano, e il direttore dell’Agenzia per l’Agricoltura, Michele Specchio. In serata, in Piazza Matteotti, una gara tra ristoratori con la creazione del piatto “Bella di Cerignola” e uno spettacolo, presentato ancora da Francesco Montingelli, con l’orchestra “Arcadia” e il soprano Ripalta Bufo. E ci sarà un ospite di eccezione, uno dei volti simbolo della Puglia, Albano Carrisi, che riceverà il Premio nazionale “Bella di Cerignola” ma che soprattutto farà da testimonial di questa manifestazione. Domenica 14 ottobre , infine, alle 18, nella stessa piazza, la proiezione del video “Cerignola la Bella”, la premiazione dei vincitori delle gare enogastronomiche e la consegna del primo Premio nazionale “Bella di Cerignola”.

“Il Premio intende accendere i riflettori sulle positività di questo territorio, molte delle quali hanno nel palato dei consumatori il loro principale alleato – aggiunge Romano -. Si punta a stabilire, anche attraverso l’oliva Bella di Cerignola, un connubio speciale tra cibo, cultura, tradizione ed arte. Con il Premio ci si propone di coinvolgere tutte le aziende locali del settore”. L’idea è far sì che eventi come questo diventino, con il passare degli anni,  appuntamenti tradizionali in grado di rappresentare una fonte di sviluppo economico.

“Anche in questo modo si difendono le prerogative e gli interessi degli agricoltori locali – è il tasto sul quale insiste il Sindaco Antonio Giannatempo -. Stiamo cercando in ogni modo, per quelle che sono le nostre possibilità, di tutelare i nostri imprenditori, che mi auguro comprendano la necessità di unire le loro forze, dando vita a cooperative di produttori, così da poter esercitare un potere contrattuale maggiore nei confronti della media e grande distribuzione commerciale, anche nella fissazione dei prezzi dei nostri prodotti, che molto spesso rischiano di perdere valore a causa della concorrenza sleale. Ce la stiamo mettendo tutta per cercare di far capire che senza una crescita dell’agricoltura non si potrà arrivare ad una crescita complessiva della città”.

9 COMMENTI

  1. CAro Michele un idea perfetta,anche se qualcuno cerca di ostacolarti vedo che sei sempre un mito per questa città’ che non apprezza questi eventi avanti sempre così’.

  2. MICHELE CERCA DI FARE COSE PIU CONCRETE E NON STUPITAGINI COME QUESTA LO SAI LE OLIVE IL PREZZO DI QUEST’ANNO COM’è.VERGOGNATI.

  3. vorrei rispondere all’amico Alessandro, forse hai scambiato il premio nazionale con la sacra delle olive. Immagina il premio acqua Sanbenedetto o Miss Italia quello Ok invece fatto a Cerignola un evento simile scattano le proteste, poi vogliono che questo paese cresca.
    Assessore Romano complimenti penso che il prossimo anno questo evento venga svolta ad Andria cosi’ nessuno possa più commentare.

  4. E’ bellissimo che di Cerignola si parli bene sempre piu’ spesso grazie a queste iniziative ma e ‘ pur vero che questo paese e’ pieno di talenti-giovani r no-che non riescono ad avere alcun appoggio da chi di dovere. Un gran peccato.

  5. Ma come mai i soldi x Albano ci sono ? Non crediate mica alla favola che li mette romano .. Comunque x la cronaca e” costato 13000 euro x presenziare e forse cantare 2 pezzi con le basi!!!siamo proprio ricchi

Comments are closed.