Un mese dalle due facce (e dov’è la novità?): quella ‘nuova’ di una parte della società che vuol progredire, degli istituti scolastici che, grazie ai fondi europei, formano le nuove generazioni, salvandole a volte anche dalla strada; quella ‘vecchia’, la solita, fatta di cronaca a 360 gradi, di politica polemizzante su tutto e tutti, e sempre più povera di contenuti, e di una attualità che sempre più si interessa alle stesse cose, forse perché i problemi, nonostante il tempo passi, restano sempre immutati. Poi, come c’insegna la sociologia, si va oltre i dualismi, e si scopre che c’è lo sport, il bello di Cerignola. Fino a qualche mese fa. Già perché tra gestione di spazi comuni nel Palazzetto dello Sport, e i ‘soliti’ problemi societari dell’Audace, la ‘vecchia’ Cerignola è riuscita a tirarsi dentro anche quanto di buono si era costruito. Non sono bastate la maratona Fai, o le manifestazioni di valorizzazione dei prodotti locali (vedi Bella di Cerignola), per sopperire alla società della polemica. La politica, come al solito, vuole essere protagonista in questo, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: c’è chi si divide al proprio interno, chi polemizza contro tutto e tutti senza barlume di proposta, chi ormai non ha neanche più una sede e una identità, chi si erge a paladino di chissà quale arguta giustizia, chi pensa ad alleanze perché solo così potrà scongiurare il pericolo incombente alle prossime elezioni, ovvero ricavarne percentuali da prefisso telefonico. E la città ne paga le conseguenze. In termini di criminalità, che per certi versi giova solo ai giornali, perché si sa la cronaca ‘tira’ e fa vendere. Per cui ci si meraviglia se una mattina capita di non trovare un avvenimento di cronaca, dalla ricettazione allo spaccio, dalle rapine agli assalti sui tratti autostradali, fino alle denunce per ingiurie, percosse e violenze. Questa è l’offerta formativa per le giovani generazioni, e questo è quello che i ciechi amministratori, e gli aspiranti tali, non vedono (o non vogliono vedere). Un ottobre pieno di tutto questo, lascia poco o niente a chi si adopera per il bene della città, a chi cerca di dare un esempio di civiltà a Cerignola. Ci sono le eccellenze, poche ma ci sono. Nel campo della gastronomia, nella piccola impresa, e nelle scuole, ultimo baluardo di questa città. Ripartire da questi elementi è l’unica strada possibile. Anche perché il ‘populismo’ e il ‘qualunquismo’ di qualcuno, a chi ben conosce la storia della politica italiana e cittadina, fa paura più di questa politica malata.

  • lavoratore………..per la redazione…..

    condivido il vostro sintetizzato commento ,che di questi tempi e tutto,un andare indietro ,che avanti.che lo sport sia da sostenere,perche e la parte sana di giovani che seguono questi eventi,almeno proviamo a distoglierli dalla strada della delinquenza minorile,che e il male di questo paese…ma credetemi per quanto mi guardi intorno,cercando di vedere qualcosa di buono,in tutto ci vedo la malafede,ho meglio il malaffare…non vorrei essere retorico ma purtroppo,ci devo ritornare sull’argomento.LA STORIA CI INSEGNA CHE GLI ESEMPI VENGONO DAI GRANDI…..
    MA SE QUESTE AMMINISTRAZIONI NON DANNO UN BUON ESEMPIO NOI A COSA CI ATTACCHIAMO??…IN COSA CONFIDIAMO???
    possibile ,tanto per dirne una ,che questa gente promette mare e monti presentando programmi validi alle elezioni ma poi quando amministrano si dimenticano di tutto??? questa e storia vecchia..si ripeteranno allinfinito e noi? li rivotiamo…apro una parentesi sul lavoro:
    sono un artigiano edile piccolo e modesto con il mio saper fare cerco di sopravvivere..un giorno decisi di fare qualche passetto avanti con la mia impresa ,volevo partecipare a qualche gara comunale..quando mi sono presentato,ero cosi piccolo ma cosi piccolo,che la mia statura di 1,75 non sarebbe bastata.
    la mia rabbia e stata vedere I CALICE I CAIAFFA,E COMPANI CHE MI GUARDAVANO E RIDEVANO COME PER DIRE :ma questo tempo da perdere ne avra tanto?…morale della favola: due giorni prima si sapeva che i due dell’apocalisse si erano spartiti il tutto…
    allora io mi chiedo come si fa acrescere in questo paese senza abbassarti i pantaloni?…
    io non lo faro maiiiiii…..un tozzo di pane a casa lo porto comunque …..
    lsono in crisi ci dicono,MA QUANDO LA GEMA NON VERSAVA LORO DOVERANO?
    A FARE LE QUOTE DI SPARTIZZIONE? TANTO ..A..TE…TANTO..A..ME.
    concludo dicendo che se in questo paese non cambia il DNA,del cittadino,che deve capire che bisogna aiutare il prossimo, io moriro con questo sistema ,ma la mia paura e che ci moriranno anche i nostri figli con questo sistema…grazie per avermi ascoltato

  • Tam Tam

    Certo che i nostri Politici non si perdono mai d’animo, io non saprei nemmeno da che parte cominciare.
    Ormai è risaputo che a Cerignola, la Politica consiste, nell’ignorare i fatti, La politica, come tutti sanno, ha cessato da molto tempo di essere scienza del buon governo, ed è diventata invece arte della conquista e della conservazione del potere.
    Secondo me, la Politica, Ha sempre patrocinato la causa del povero, per avere un mezzo sicuro per potersi arricchire.
    Tempo fa, lessi da qualche parte, che La politica sociale è la disperata decisione di operare i calli di un malato di cancro, è proprio così, e tra un po ci lasceranno pure quelli.
    Una delle cause principali, ritengo, è che la Politica è l’unica professione per la quale non si considera necessaria nessuna preparazione specifica. Ritengo che per il bene di tutti Abbiamo bisogno di persone competenti e che abbiano un buon cuore, risolveremmo tanti ma tanti problemi.
    A me, come a tanti dispiace della povera gente che sta soffrendo le pene dell’inferno, e tutto per che cosa? Per il lavoro!L’impossibilità a VIVERE, ci rendiamo conto?
    Ma perchè non cerchiamo di vivere una vita buona e ONORABILE!
    ABBIATE IL CORAGGIO E L’UMILTA’ DI APRIRE LE BRACCIA AL CAMBIAMENTO. Altrimenti sarà la fine.
    Buona giornata a tutti.

  • lavoratore…per tutti…

    mio nonno neglianni 70 diceva:
    dobbiamo raccimolare soldi per fare politica.
    oggi l’essere umano dice:
    dobbiamo fare politica per rubare soldi.
    QUESTO E IL CAMBIAMENTO RASSEGNATEVI……