«Non è facile prendere impegni in una situazione come la nostra. Siamo Impotenti o quasi». Con queste parole esordisce il Sindaco Antonio Giannatempo, raggiunto da Lanotiziaweb.it, in merito alla situazione dei servizi e bisogni per le persone appartenenti a quella fetta sociale vicina alla soglia di povertà. Il tutto è scaturito dopo l’accaduto di ieri, quando, sei donne, hanno tentato di occupare Palazzo Carmelo, ex sede del Comune, perché ormai sul lastrico, con imminenti ingiunzioni di sfratto. Alcune, addirittura, parlavano di una situazione non più tollerabile, poiché aspettano da anni gli alloggi comunali e non hanno più una casa e  neanche i soldi per poter affittare un ‘sottano’. «Non possiamo fare promesse campate in aria, o raccontare bugie e creare false aspettative in queste persone – afferma Giannatempo -. Ieri ho spiegato alle sei contestatrici che il comune non ha la possibilità di assegnare alloggi, se non in base a quanto previsto dalle graduatorie per l’assegnazione delle case popolari. Non possiamo pagare noi il loro affitto. L’unica agevolazione possibile, in base anche alle esigue risorse finanziarie, è che l’amministrazione può pagare la cauzione iniziale di un contratto d’affitto regolarmente registrato, ovvero le tre mensilità, e basta. Questa è l’unica agevolazione possibile – ha spiegato il Sindaco -, e voglio precisare che, come fatto anche ieri, non permetteremo più a nessuno di occupare luoghi pubblici in questo modo. Non possiamo tollerare questo modo di fare. Sappiamo la situazione delicata di questo comune e della popolazione, perciò io ho provveduto ad avviare una indagine socio-familiare per comprendere la situazione delle classi sociali più bisognose. Ma non posso tollerare – ha chiosato il Primo cittadino – situazioni del genere o atti di forza».

In un comune che versa in situazioni davvero disastrose, con buchi economici ingenti, primo su tutti quello di Gema, l’attuale amministrazione cerca soluzioni attingendo a quel poco che ha. La conferma di ciò arriva dalle parole dell’Assessore ai Servizi Sociali Rosario Spione, il quale dichiara a lanotiziaweb.it: «Noi adotteremo gli ammortizzatori sociali possibili per aiutare le classi sociali più deboli, non lasceremo per strada nessuno. Stiamo facendo il possibile ma, come ben sanno i cittadini, la situazione economica del comune è delicatissima. Perciò, questa situazione non ci permette di fare più di quello che stiamo facendo. Per quanto riguarda la questione delle sei signore – prosegue il delegato al sociale -, ieri abbiamo parlato per oltre due ore, senza fare inutili promesse che non possiamo mantenere. Non abbiamo la bacchetta magica, e non ce l’hanno nemmeno quelli dell’opposizione che tanto cavalcano queste situazioni. A livello patrimoniale, pur non essendo io del ramo, posso dichiarare che siamo a zero, e per questo non possiamo promettere nulla. A tutto ciò, si è aggiunto, in data 28 agosto, un ulteriore ridimensionamento del gettito erariale, già deficitario verso il comune di circa 3,5 milioni di euro, di un altro milione e settecento mila euro, per un totale di 5,2 milioni di gettito erariale in meno per le casse comunali. Aggiungiamo a questo il buco Gema e si comprende perfettamente la situazione. Cercheremo – conclude Spione – di aiutare tutti per le forze economiche che il comune ha. Meglio non possiamo fare noi, e non potrebbe fare nessun altro, comprese le opposizioni».

18 COMMENTI

  1. Queste sono soddisfazioni, gli interventi di autorevoli ed eminenti autorità comunali e locali, che “a tamburo battente” approvano e consentono di alzare palazzi e palazzine a € 4.500 mq. non si è preoccupato di fare cassa con lotti propri o comunque con una politica sociale di sostegno per le famiglie che:
    non frodano l’INPS per la disoccupazione;
    non hanno invalidi “aggiustati”;
    non hanno in casa taroccatori;
    non possono permettersi di spacciare;
    non lavorano in nero o regolarizzati (con suddivisione dei benefici);
    non hanno amici potenti ai quali rivolgersi per un ingaggio a tempo;
    bla……bla…….bla……..bla……………………………………
    Così ci scrolliamo di dosso il problema della nostra eterogenea comunità facendo spallucce e dichiarando:
    Non possiamo permettere nulla……………, non possiamo garantire niente……………..sfortuna vuole che le elezioni sono lontane………così si potevano garantire qualche possibilità………….
    per adesso avete la nostra solidarietà che messa a tavola ………….
    qualche sollievo virtuale potrà darvi. Buon appetito…………

  2. Credo che quelle donne più che una casa (problema materiale) volessere riavere una dignità che si rendono conto che stanno per perdere. Dover elemosinare un alloggio da parenti ed amici non è bello per nessuno e loro, con “l’atto di forza” in cui si sono esposte hanno cercato di portare alla luce il loro disagio. Mi associo alla solidarietà del commento precedente.

  3. E’ vergognoso quello che sta accadendo in questa città. La crisi la pagano solo i poveri quelli che sono per strada senza alcun servizio ne protezione sociale.Il sindaco deve solo vergognarsi anche perchè è sempre in prima fila in tutte le processioni. Vergogna

    • “angie” il problema delle procesioni E LA PIU GRANDE VERGOGNA DI QUESTO PAESE,SONO TUTTI LI AL CENTRO DIETRO UN CRISTO,CHE A DATO LA VITA PER L’UMANITA,MENTRE LORO LA VITA TE LA TOLGONO..
      SONO TUTTI UGUALI……….
      E I PRETI CHE PORTANO LA PAROLA DI CRISTO COSA FANNO????
      TUTTI UGUALI ….buonasera

  4. Il sazio non crede al digiuno e il ricco è sempre avaro perchè ha paura di diventar povero….
    Credo che l’attuale classe politica, di QUALSIASI COLORE E CONNOTAZIONE POLITICA e tutto il sistema pubblico fatto di impiegati inefficienti (in una grande maggioranza di casi) e di dirigenti iper-inutilmente pagati, pagati oltre ogni sana e giusta considerazione, non potranno essere solidali con i poveri e i digiuni. Il sistema dovrà implodere e si dovrà ricominciare da zero.
    L’attuale sistema pubblico, politica e burocrazia, sta solo difendendo se stesso. Null’altro.
    Se il sistema pubblico e la politica avessero avuto a cuore le situazioni dell’Italia disperata, oggi non avremmo avuto quegli spreconi di politici Siciliani che hanno fatto rieleggere un consiglio regionale di 90 (dico 90 !!!) consiglieri super pagati e super privilegiati (pare che non abbiano fatto a tempo!!!!!!). Non avremmo avuto un malloppo di inutili leader di partito che litigano da mesi senza riuscire a partorire un benché minimo abbozzo di nuova legge elettorale. Potremmo dirne 1000 di inefficienze, di ruberie, di malaffare, di incapacità generate da una generazione politica di sinistra e di dx ormai incapace e che protegge ormai solo i propri privilegi.
    Soffro per tutta la gente che oggi non riesce neanche a comprare le cose di prima necessità e mi si ritorce lo stomaco a pensare a quell’Italia con la pancia piena che davvero è talmente sazia da non comprendere più neanche il rischio che sta correndo.
    Di implodere su se stessa!

  5. Il divario tra i ricchi ed i poveri,anche nella nostra città è diventato sempre più GRANDE,con tutte le responsabilità sia Nazionali che soprattutto locali,ed in questo, l’attuale amministrazione ha le sue colpe,ma l’atto di coraggio, come sempre , non sono in grado di farlo e cioè quello di togliere il disturbo con le dimissioni.Ma gli interessi vanno oltre la dignità..e purtroppo si va avnti tirando a campare,dicendo quattro chiacchiere al vento e giustificando il tutto con la carenza finanziaria(come se questa fosse colpa dei cittadini)Condivido pienamente il pensiero di Gabetti,in Italia,a cerignola chi vuole vivere onestamente,deve combattere con la povertà e sempre l’amministrazione in questi anni ha riunito la stragrande maggioranza dei Consigli comunali,guarda caso.per modifiche al piano regolatore con la conseguente CEMENTIFICAZIONE a scopo privato,anche se adesso le case con il c… che riescono a venderle!!BASTA A QUESTA INGIUSTIZIA,il povero non viene mai tutelato ed i ricchi diventano sempre più grassi.
    A loro la giustizia divina non farà sconti, a noi rimane solo una cos da fare..RIVOLUZIONE come in Spagna e Grecia..tra un pò toccherà a noi,i fatti di Roma sono eloquenti. VERGOGNA!amministratori dimettetevi subito…fatelo per Cerignola e i suoi abitanti.

  6. Un paio di settimane fa, un buon numero di giovani e meno giovani ultras dell’ Audace (per lo piu’ disoccupati), si riuniscono e cercano d’ invadere la sala consigliare chiedendo a gran voce: VOGLIAMO LA SOCIETA’! Tutto bene e leggittimo, ma perche’, mi chiedo, questo coraggio non lo utilizziamo unendoci insieme a: chi non ha una casa, chi ha perso il lavoro, chi e’ cassaintegrato o in mobilita’, precari, chi ha parenti disabili che non ricevono assistenza, etc…A questo punto, mi viene il dubbio, che le pance non siano del tutto vuote…altrimenti, quel comune o il parlamento della Repubblica Italiana, sarebbero stati presi d’assalto!

  7. forse non centra niente quello che scrivo , pero’ a cerignola abbiamo un centinaio di aziende conserviere e di trasformazione , dove anno assunto moltissimi extra comunitari donne e uomini , allora se eliminiamo queste persone e a loro posto mettiamo i nostri concittadini m/f ne possono uscire 2/3oo posti sicuri , tra cui queste famiglie disaggiate , io chiedo al comune di passare a pettine queste aziende e valutare la possibbilita’ di assunzione per questa gente , sia sottinteso che non sono razzista ma purtroppo i tempi non permettono qui c e la sopravivenza di intere famiglie cerignolane, ( tanto la maggior parte delle aziende sono sonvenzionate dai vari fondi europei e reginali )

    • i commenti di cui sopra, sono dei soliti 4/5 del movimento che tutti conosciamo e che ci vuol far credere di avere la “pozione magica” per risolvere questi grossi problemi. lo potranno fare tra un paio d’anni e mezzo se avranno la possibilità di essere eletti,…..mah …contro PDL-PD-SEL (INSIEME) sarà molto difficile

  8. siamo alle solite con molta più poverta del previsto.si aspettano il gesto eclatante della gente disperata per prendere un po di iniziative.quelle donne non sono le uniche ad avere il problema della casa,ce tantissima gente che per vergogna,o per onore,non protesta al comune.CERIGNOLA e come una COMUNITA MASSONICA lavorano sempre i soliti noti, sfruttano la popolazione,pagando stipendi da fame facendoli scendere a compromessi,mentre i profitti se li pappano i soliti COCCODRILLI.
    come si fa a crescere in questo paese????
    tenendo fuori la politica per un attimo ragioniamo:
    di questi tempi di carestia,IL COCCODRILLO CHE TI PROPONE UN LAVORO A VITA FACILE A TROVARE CHI LAVORA PER POCHI EURO.
    E IL C.CORRENTE DEL COCCODRILLO SI INGROSSA SEMPRE DI PIU’.
    ci sono aziende che fanno conserve sott’olio, che fanno riccatti da usura all’operaio,facendogli firmare la busta paga che non rispetta il compenso.
    ADDIRITTURA SE VOGLIONO LAVORARE DEVONO RINUNCIARE AGLI ASSEGNI DEI FIGLI,O MOGLI A CARICO,COSE DELL’ALTRO MONDO.
    se aderisci a questa mafia lavori se no vai a casa…..
    e tutto questo va avanti da ANNI E NESSUNO CHE DICE NIENTE,MAI UN CONTROLLO,MAI UN INTERVENTO,NIENTE,E UNO SCHIFO.
    IL SETTORE AGRICOLO,MANCO A PARLARNE,TUTTI A NERO SOTTOPAGATI.
    NEL SETTORE EDILE(di mia competenza)CI SONO ADDIRITTURA GLI ALLIGATORI,
    LAVORANO SEMPRE I SOLITI NOTI,CON OPERAI SOTTOPAGATI,E SE STROVANO DI MEGLIO COME SOTTOCOSTO,METTONO GENTE DI FUORI,ANDRIA,BARLETTA,ECC,ECC,.
    allora dico LA POLITICA DEL NOSTRO COMUNE DEVE ATTIVARE UN PIANO LAVORO INCLUDENDO TUTTE LE CATEGORIE DEL TERRITORIO,PUBBLICHE,E PRIVATE.
    E SE IL COMUNE RISCONTRA IRREGOLARITA’ DEVE DENUNCIARE ALLE AUTORITA’ COMPETENTI QUESTO SCEMPIO DI DIRITTI MANCATI ALL’OPERAIO.
    questo diventa un beneficio per il paese,per la gente,e per lo stesso comune,perchè se io
    lavoro guadagnando il giusto, riesco a pagarmi le tasse,partecipo se necessario al riordino del bilancio comunale,e non vengo a protestare al comune PER UNA CASA… concludo,
    CHE TUTTO QUESTO PARTE DA VOI CHE SIETE GLI AMICI DI AMICI E NON FATE MAI NIENTEMA RICORDATEVI, CHE IL POPOLO QUANDO A FAME NON RAGIONA.buonasera……

  9. scusatemi per gli errori di ortografia ma ce molta rabbia,…….
    penso si abbia capito..buonasera

    • “Il popolo quando ha fame non ragiona”
      E’ una frase pesante sulla quale tutti e dico tutti devono fare una riflessione.
      “Lavoratore autonomo” esprime un disagio che è vero, è reale, è pericoloso. Il disagio quando travalica il confine della sopportazione, poi diventa protesta e la protesta quando c’è disperazione, diventa anche pesante, violenta, incontrollabile.I lavoratori non possono essere più sfruttati in modo così indegno. Più c’è crisi e più si sfrutta.
      La parte ricca e sazia della nostra città (imprenditori edili, proprietà terriera, commercio consolidato, professionisti, burocrazia pubblica) dovrà “cedere” qualcosa in termini di benessere. Dovrà a breve consentire a quella parte della città che oggi stenta ad avere anche solo l’essenziale, di ritrovare dignità e serenità.
      E’ inutile difendere i propri privilegi se siamo circondati di povertà. E’ arrivato il momento in cui bisogna dividere un pò del nostro benessere.
      Altrimenti il “Popolo si arrabbierà”. E allora sarà tardi.

      • bravo SOLIDALE commento pacato e PIENO DI CONTENUTI condivido ma bisogna agire con la PACE DI TUTTI PRIMA CHE LA GENTE SUPERI IL LIMITE DELLA SOPPORTAZIONE DI QUESTA BUROCRAZIA,CHE VUOLE RENDERE IL POPOLO SCHIAVO.tanti saluti…

  10. MA QUALE SITUAZIONE DIFFICILE E CHE NESSUN’ALTRO AVREBBE POTUTO FARE DI MEGLIO.

    CARO GIANNATEMPO E RUOCCO COMINCIATE COL TOGLIERVI LO STIPENDIO; SAREBBE GIA’ UNA GRANDE INIZIATIVA SOPRATTUTTO PER IL BUON ESEMPIO CHE DAREBBE UN’AZIONE DEL GENERE.
    POI LA COSA PIù VEGOGNOSA DI QUESTA AMMINISTRAZIONE RIGUARDA L’ASSENZA CONTINUA DI ALCUNI AMMINISTRATORI DEL TIPO XXXXXXXXX

  11. carp ZIP il rischio che noi corriamo non e AD PERSONAM ma a tutte quelle categorie che sfruttano il popolo.
    giannatempo a fallito,ma non penso che metta abbia la bacchetta magica.bisogna rimettere in moto tutto quello che e democratico, sul LAVORO.secondo me il COMUNE DOVREBBE INCENTIVARE,IL LAVORO PUBLICO E PRIVATO,CHI A IL DOPPIO LAVORO DEVE RINUNCIARE A QUALCOSA.rimettere la macchina del lavoro in moto, in modo che tutti mangiano il panettone natalizio.
    GIANNATEMPO NON TOLLERA PIU’ IRRUZZIONI NELLE SALE DEL COMUNE(detto da lui)MI SA TANTO CHE MANCA POCO CHE IL COMUNE LO OCCUPANO TOTALMENTE,E FORSE OCCUPANO ANCHE CASA SUA.
    la gente e alllo stremo (LA VERA GENTE) non quelli che piangono e rozzolano bene e predicano male andando in giro con macchine da centinaio di euro e INSOPPORTABILE!!!. BASTAAAAA, con questi lavori,con padri padroni,e ladroni..PERCHE’ TUTTO IL LAVORO ALLE SOLITE COPERATIVE???
    PERCHE CON GLI AMICI CE IL PANETTONE VERO????….
    CALICE:operai sottomessi e sottopagati.( ricattati ).
    SAN FRANCESCO: operai sottomessi e sottopagati.
    PULISAN: operai sottomessi e sottopagati…
    IPOSEA: operai sottomessi e sottopagati.(resi alla schiavitu).
    CAIAFFA: operai sottomessi e sottopagati.
    DINISI: operai sottomessi e sottopagati.
    potrei continuare ma sono cose che si sapevano gia’…..allora dico:
    GIANNATEMPO, METTA SAPETE COME DICONO A CERIGNOLA??????
    cha….u..sazio….non…crod…ho..dscun…(che il sazio non crede al digiuno)tante cose…

  12. Prima di iniziare va un caro ringraziamento a tutti i cittadini di Cerignola che come noi lottano per tirare avanti.Noi per ritornare alle parole del Vs sindaco Giannatempo non abbiamo mai fatto azioni di forza e a testimoniarlo ci sono le forze dell’ordine addiritura avevamo paura della denuncia e di poter essere arrestate perche’ nessuna di noi ha mai avuto problemi con la giustizia. Noi chiediamo una casa siamo da anni in graduatoria ma ci stiamo accorgendo che nell’ultimo anno sono state date case a< persone che hanno fatto azioni di forza. Da ignoranti nella materia ci siamo chieste ma se il comune ha delle case non vi deve essere un bando per l'assegnazione?''' con ke criteri sono state assegnate????? Pensiamo che cio' ci sia concesso perche' questo non ce lo permettono di fare??? Il comune ha molti Palazzi che sono in disuso oppure nei quali ci sono associazioni che hanno due sedi (vedi palazzo volontariato) allora non sarebbe il caso di fare un controllo ? Tutto qui noi continuiamo la protesta ad inoltranza fino a quando non verranno riconosciti i ns diritti Grazie a tutti per l'appoggio

  13. care MAMME CORAGGIO,l’asegnazione delle case e tutta politica,
    ma non scorraggiatevi tenete duro,TANTO QUALCOSA SE UN DIO ESISTE DOVRA CAMBIARE….PER NOI SARNNO GIORNI DI LUCE..
    PER LORO INIZIA IL GRANDE BUIOOOOOOOOOOOOOO……….
    siate forti,siamo con voi….buona serata.

  14. MALA TEMPORA CURRUNT- I cittadini di Cerignola hanno le borracce piene di tanta retorica e tanta ingiustizia sociale ed economica. La stura di questa situazione viene da lontano, da oltre 60 anni, con i tanti intrallazzoni che hanno occupato le sedi delle Istituzioni, quei terasformisti che si ripresentano con questa faccia da deretano ormai noto a tutti, che hanno la capacità camaleontica con la quale amano rintanarsi e trovare altra cappella alla quale abbarbicarsi. La convention di altro “vergine” della economia nazionale, Montezemolo, si sono ritrovati tutti i transfughi, che non hanno trovato la cosidetta trippa per gatti nella loro ultima formazione e per “restare a galla”, piuttosto che farsi letteralmente da parte trovano qualunque pertugio per “riciclarsi”, come altre materie. CHE TRISTEZZA

Comments are closed.