«Hanno preso tutto le altre cooperative e nulla alla San Francesco». Così esordisce Michele Lapolllo, presidente della cooperativa San Francesco quando gli chiediamo il perché della protesta davanti a Palazzo di Città. «Ci hanno dato solo 38 mila euro – continua Lapollo – e Giannatempo non ha mantenuto la promessa. Ora non c’è la facciano più e staremo qui con la tenda a protestare».

Come si vede dalle foto i lavoratori della cooperativa hanno organizzato un presidio di protesta permanente, affinché si possano rispettare i diritti dei lavoratori. Il 20 è scaduta l’ultima proroga e da oggi nessun servizio sarà più erogato se non si risolve la situazione. Il Sindaco stamane attraverso i Vigili Urbani ha chiesto di garantire comunque il servizio  di scuolabus, ma i lavoratori non hanno accettato. Nelle prossime ore ulteriori aggiornamenti.

Carta d’intenti tra Coop e Sindaco
Il comunicato della Coop San Francesco

Il 23 novembre la cooperativa San Francesco chiede conto delle somme arretrate con la seguente lettera.

Il dirigente del settore servizi finanziari e tributari Saracino risponde come di seguito.

6 COMMENTI

  1. MAGARI VOI 38 MILA EURO LI AVETE AVUTI.CI STA GENTE HE NON VEDE UN EURO DA 15 MESI!!!!!!!!!!!!!!!!!
    POSSO ENTRARE HA FAR PARTE DELLA COOP PURE IO???????

    • …premesso che non parteggio e che non ho nulla a che vedere con la cooperativa in questione, mi va di farti notare che con “soli” 38mila euro (il carburante ha i suoi costi) non si riesce a garantire il servizio ai bambini delle varie borgate che hanno necessità del servizio per raggiungere le diverse scuole in città, figuriamoci se qualcuno dei lavoratori possa ricevere il proprio compenso!

  2. Mi dispiace per quello che sta accadendo.
    Pensare che questa gente dignitosamente e con sacrificio ha onorato il proprio impegno senza ricevere quanto dovuto,mortifica anche me.
    Spero si riesca ad uscire da questo tunnel velocemente e che la luce possa illuminare presto i loro volti.
    Auguri di vero cuore.

  3. Mi chiedo e chiedo anche al signor Michele Lapollo,se vi scornate con il signor sindaco e assessori cosa c’entrano i bimbi e per di più MINORENNI!A cosa è servito lo sciopero se il giro dei pulmini è stato fatto regolarmente portando solo bimbi e ragazzi Rumeni,Polacchi,Albanesi e i nostri FIGLI sono stati lasciati nelle scuole in attesa di esser prelevati dalle collaboratrici dei pulmini! KE AM FATT FIGH E FIGHIASTR! MA STIAMO SCHERZANDO!!!!

Comments are closed.