Cerignola, arrestato imprenditore agricolo per truffa aggravata

Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Foggia, ha eseguito una misura cautelare agli arresti domiciliari a carico RUGLIO Antonio, classe 1953, imprenditore agricolo di Cerignola per truffa aggravata. L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, riguarda una truffa aggravata nei confronti dell’INPS finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche che, negli anni 2006-2007-2008-2009-2010-2011, ha provocato un rilevante danno all’Erario derivante da indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali relative a circa 88 falsi braccianti agricoli destinatari di indennità di disoccupazione, di maternità e di malattia.

Dalle indagini è emerso che l’attività fraudolenta è stata posta in essere:

-      con fittizie assunzioni di braccianti da parte dell’ imprenditore agricolo il quale, pur avendo la disponibilità di fondi agricoli, di fatto non ha mai posto in essere alcuna attività agricola (i terreni sono stati riscontrati incolti da diverso tempo);

-      con la costituzione, solo documentale, della formazione di falsi rapporti di lavoro (assunzioni, denuncie Trimestrali presentate all’INPS di Foggia tutte risultate false), che inducevano in errore i competenti uffici INPS i quali a erogavano, a seguito di istanze dei soggetti interessati, le varie indennità ai pseudo braccianti.

L’operazione di polizia giudiziaria con l’apporto e intervento “fattivo” della Direzione Provinciale dell’ INPS di Foggia ha permesso di accertare che l’imprenditore agricolo destinatario della misura cautelare, ha denunciato all’INPS di Foggia nel periodo compreso tra il 2006 e il 2011, 7.774 false giornate agricole, costituendo n.88 rapporti di lavoro “fittizi” che hanno consentito di far percepire ai pseudo – braccianti indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali per indennità di disoccupazione, di maternità e di malattia per circa Euro 181.286,00.

Accertata anche una evasione contributiva pari a euro 75.715,96.

L’indagine dimostra ulteriormente che l’atavico sistema dei falsi rapporti di lavoro nel settore agricolo nella Provincia di Foggia è ancora in “auge”.

L’arresto odierno si inserisce in una attività investigativa che da tempo il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Foggia, coordinato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia,  sta conducendo in ordine ai diversi risvolti del “fenomeno del bracciantato fittizio” tenendo in considerazione non solo il profilo della truffa e del conseguente danno erariale in danno dell’INPS ma anche altre ipotesi di reato. Nell’espletamento di attività di indagine simili finalizzate come detto a sottrarre somme rilevanti allo Stato, sia nel settore agricolo che anche in altri settori produttivi, è fondamentale il contributo fornito dalla Direzione Provinciale dell’INPS di Foggia.


  • Puliamo il mondo dai ladri

    Per scovare i falsi braccianti agricoli,vi è un metodo infallibile…basta chiamare a visita ognuno,controllare le mani e qualora fossero sospette(ben tenute,con unghie finte,soprattutto donne)..procedere…all’accertamento con il controllo incrociato si prenderebbero 2 piccioni con una Fava!! Buona giornata!!

    • Very Normal Citizen

      Vero. Bravo.
      Quando si vuole si può. L’importante è volerlo fare.

  • Cerignolano

    E’ proprio vero, ci voleva la crisi per scovare qualche evasore, e qualche truffaldino. A Cerignola è capitato il più fesso, il più fesso perchè è andato in galera, a differenza di tanti altri che hanno truffato molto di più, e tra questi anche qualcuno con funzioni diverse ma importanti se le scampata, almeno per ora.
    Poi ci sono i muri invalicabili, lì nemmeno la Finanza ci può entrare.
    E’ RISAPUTO:

    LA LEGGE NON E’ UGUALE PER TUTTI.

  • RAFFA

    PEZZENTE!!!!!!!!

  • Cerignolani all’attacco

    e DELLA GRANDE TRUFFA ALL’inps A CERIGNOLA NON SI è SAPUTO PIù NULLA????

    TRA ARRESTATI E INDAGATI COME è FINITA???

  • Occhio

    Ti riferisci alla truffa di un anno fa???

    E , qualcuno non se la passerà proprio bene,

    qualche altro, gira sempre con la diarrea tra le mutande.

    Chissà come andrà a finire!!!

    Comunque con la Guardia di Finanza non si scherza, per niente.

  • IL TEMPO

    Il tempo è GALANTUOMO!!!!!!

    Qualcuno si è illuso, è sicuro di farla franca.

    Ne sentiremo ancora delle belle!!!!!

    LA GIUSTIZIA E’ LENTA, MA NON TI ALLENDA.

    CARO…………………………………..

  • DICIAMO LA VERITA’

    Fino a pochi anni addietro, è stata l’INPS stessa a prostituirsi e a stare ferma lì a guardare e a farsi ciucciare, grazie alla cattiva Politica.
    Erano accordi presi con tutti i sindacati, sistema politicizzato creato apposta, non posso credere a quanto è accaduto negli ultimi 40 anni.
    Perchè a questo punto debbo pensare che tutti gli Ispettori e chi per loro , addetti ai controlli, cosa facevano durante il proprio lavoro??
    Poi c’è stato chi ha avuto il coraggio di rubare anche con funzioni di FUNZIONARIO.
    Vedi Cerignola per esempio al primo posto,, con persone che camminano per il corso e NON SOLO tranquillamente, come se nulla fosse successo.
    CHE FACCE TOSTE!!!!!

  • http://nussacc Emy

    oddiii

  • http://iosonocerignolanoxD Oddio !! sono IO !! ‘-’

    Giustamente hanno preso il più fesso.
    Volevo sapere soltanto una cosa… Perchè quando arriva la raccolta dell’uva,delle olive l’ispettorato non gira?? Va solamente dalla povera gente ke hanno un ettero o mezzo ettero, da quella gente ke supera dai 3 ettari in sù perchè non li controllano ?? O.o
    Perchè mangiano?? O.o
    RISPONDETEMI !!!

  • CS

    Non è detto che chi lavora in campagna debba avere delle mani indecenti. Anche tra loro è conosciuta l’igiene personale: si fa uso di guanti, pietra pomice, saponi e creme per le mani. E così nessuno più ha le mani rovinate. La maggiorparte prende informazioni su internet per sapere se si lavorerà o meno il giorno dopo oppure quando comincerà a piovere. Tutto questo per spiegare che l’infallibile trucco delle mani non è poi così sicuro. Senza parlare che se si va ad un controllo vedono pure come vai vestito. Ma si credono che i braccianti moderni sono ancora tutti ignoranti e zozzi? Ci sono anche ragazzi diplomati che per mantenere le famiglie fanno questo lavoro. E se ci fossero più controlli buono sarebbe, così molti proprietari metterebbero a posto i veri lavoratori e non venderebbero le giornate ai falsi braccianti.

  • ekk

    EVVIVA!!!! HANNO SCOPERTO L’ACQUA CALDA!!!!

I contenuti dei commenti rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità. La redazione si riserva il diritto di conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. La Corte di Cassazione, Sezione V, con sentenza n. 44126 del 29.11.2011, nega la possibilità di estendere alle pubblicazioni on-line la disciplina penale prevista per le pubblicazioni cartacee. Nello specifico le testate giornalistiche online (e i rispettivi direttori) non sono responsabili per i commenti diffamatori pubblicati dai lettori poiché è “impossibile impedire preventivamente la pubblicazione di commenti diffamatori…”. Ciò premesso, la redazione comunque si riserva il diritto di rimuovere, senza preavviso, commenti diffamatori e/o calunniosi, volgari e/o lesivi, che contengano messaggi promozionali politici e/o pubblicitari, che utilizzino un linguaggio scurrile.
© Riproduzione Riservata.

PUBBLICITA'

Per la tua pubblicità clicca qui sotto e consulta il listino

PUBBLICITA'