virus herpesUn virus programmato per distruggere le cellule del cancro senza andare ad uccidere anche  quelle sane e normali potrebbe diventare realtà. Uno studio sviluppato dall’Università di Bologna ha effettuato la riprogrammazione di un virus dell’Herpes come arma contro le cellule tumorali. L’efficacia è stata dimostrata sia iniettando il virus all’interno del tumore, sia somministrandolo per vie generali.  Già nel 2009 l’ateneo bolognese aveva ideato un virus simile in grado di riconoscere ed annientare i tumori del seno e delle ovaie, attraverso un marcatore HER-2. La nuova tecnica, applicata su topi da laboratorio portatori di metastasi di tumori umani all’interno dell’addome, è stata conclusa con successo e il prossimo obiettivo è quello di giungere ad una fase di sperimentazione pre-clinica per arrivare ad una cura da sperimentare direttamente sull’uomo.

“E’ difficile studiare in laboratorio la diffusione metastatica dei tumori umani, per questo abbiamo sviluppato un sistema-modello che riproduce nei topi la diffusione metastatica dei tumori dell’ovaio e del seno – ha commentato Pier Luigi Lollini, he ha guidato il team di ricerca – consentendoci di testare nuove terapie antitumorali in condizioni che rispecchiano quelle umane”. Un tumore  è, una massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste in questo stato dopo la cessazione degli stimoli che hanno indotto il processo. In antichità il male già era diffuso, infatti risultano testimonianze scritte risalenti al 3000 a.C. Nel 2008 sono stati diagnosticati circa 12,7 milioni di tumori maligni e 7,6 milioni di persone sono morte di cancro in tutto il mondo. E’ una malattia contro la quale la lotta è sempre aperta e ben vengano tipologie di attacco innovative come questa. (Fonte: blogs.scientificamerican.com)

2 COMMENTI

  1. Mia madre e’ fra i 7 milioni di deceduti causa cancro. Spero che altre figlie non debbano piu’ piangere la morte della propria madre.peccato non sia potuta rientrare nella sperimentazione

Comments are closed.