bridgestone bariL’annuncio arriva, tramite documento, in modo sorprendente e lascia tutti senza parole, amministratori compresi: entro il 2014 lo stabilimento di Bridgestone, sito in Bari, chiude. Ma se la lettera di licenziamento promessa per il 2014 sembra un fulmine a ciel sereno, è anche vero che, nelle ultime settimane, dalla fabbrica barese uscisse più materiale di quello prodotto in giornata, con l’impressione, a posteriori, che i vertici volessero mettere al sicuro la produzione, in caso di proteste operaie. E le proteste, infatti, non si sono fatte attendere e hanno trovato anche il sindaco Emiliano pronto ad abbracciare la causa dei lavoratori. Il primo cittadino si è detto pronto anche all’occupazione della fabbrica barese, qualora i sindacati decidano una linea dura.

La risoluzione della Bridgestone, senza alcun preavviso o segnale di crisi, se non velato,  lascia esterrefatto anche il governatore pugliese Vendola, “stupido per lo stile di questa azienda che decide di abbandonare gli ormeggi senza neanche discutere, avvertire. Un atteggiamento inaccettabile”.

Nel frattempo, all’incontro fra i vertici della fabbrica e i sindacati, nella sede di Confidustria Bari di via Amendola, si sono presentati un centinaio di lavoratori della Bridgestone, rendendo infuocata la situazione.

3 COMMENTI

  1. Non credo minimamente che l’obiettivo di chiudere definitivamente l’opificio sia
    per trasferirlo altrove nei paesi ove il costo della manodopera costi poco. Credo invece sia un segnale di insofferenza
    per non aver visto vincere le elezioni l’amico dei tedeschi nonché sostenitore
    di grossi finanzieri e di banche, cioè Mario Monti. Avesse vinto Berlusconi, secondo me, tutto
    sarebbe rimasto invariato nonostante l’antipatia della Cancelliera Merkel nei
    confronti di questi. Anche la vittoria
    del PD sarebbe stata ben tollerata, vista la visita di Bersani in Germania prima
    delle elezioni e le possibili assicurazioni dello stesso Bersani di una
    politica governativa sobria in caso di una sua nomina a premier.

    La cosa che ha fatto suonare il
    campanello d’allarme e messo in apprensione i tedeschi della Bridgestone, a mio
    avviso, è stata la vittoria del Movimento cinque stelle di Beppe Grillo. Il timore che detto movimento possa mettere
    in discussione l’euro con conseguenze secondo la loro veduta catastrofiche.

    Poiché i licenziamenti sono stati
    annunciati a decorrere dall’anno prossimo, questo vuol significare un ammonimento a riflettere quando
    tra qualche mese quasi certamente si rivoterà.
    Questo varrebbe sia per i baresi che per l’intera Italia.

    Avrò visto bene? Chissà.
    Il tragitto è lungo, ed appena
    oggi è iniziato.

    6-3-2013

  2. Invio di nuovo il commento perchè
    l’ultimo periodo non è stato captato. Esce la scritta: “see more”.

    Questo che significato ha? Spero non succeda la stessa cosa.

    Non credo minimamente che l’obiettivo di chiudere definitivamente l’opificio sia
    per trasferirlo altrove nei paesi ove il costo della manodopera costi poco. Credo invece sia un segnale di insofferenza
    per non aver visto vincere le elezioni l’amico dei tedeschi nonché sostenitore
    di grossi finanzieri e di banche, cioè Mario Monti. Avesse vinto Berlusconi, secondo me, tutto
    sarebbe rimasto invariato nonostante l’antipatia della Cancelliera Merkel nei
    confronti di questi. Anche la vittoria
    del PD sarebbe stata ben tollerata, vista la visita di Bersani in Germania
    prima delle elezioni e le possibili assicurazioni dello stesso Bersani di una
    politica governativa sobria in caso di una sua nomina a premier.

    La cosa che ha fatto suonare il
    campanello d’allarme e messo in apprensione i tedeschi della Bridgestone, a mio
    avviso, è stata la vittoria del Movimento cinque stelle di Beppe Grillo. Il timore che detto movimento possa mettere
    in discussione l’euro con conseguenze secondo la loro veduta catastrofiche.

    Poiché i licenziamenti sono stati
    annunciati a decorrere dall’anno prossimo, questo vuol significare un ammonimento a riflettere quando
    tra qualche mese quasi certamente si rivoterà.
    Questo varrebbe sia per i baresi che per l’intera Italia.

    Avrò visto bene? Chissà.
    Il tragitto è lungo, ed appena
    oggi è iniziato.

    6-3-2013

Comments are closed.