279616Schepp_20Cerignola25Ricorderete sicuramente il caso Schepp, l’uomo suicidatosi a Cerignola, nei pressi della Stazione ferroviaria, il 3 febbraio 2011. Oggi giunge una notizia che fa ritornare la mente a quei tragici momenti, e alle settimane successive, con tutte le forze dell’ordine e associazioni di volontariato impegnate nelle ricerche costanti delle due gemelline e di indizi utili a ricostruire la dinamica dell’accaduto. Le indagini alla fine si chiusero qui a Cerignola, con la dichiarazione del responsabile della Protezione Civile, e degli esperti Cinofili intervenuti, i quali assicurarono, per quanto rilevato, che le due gemelline non erano mai arrivate nel centro ofantino.

Molte furono le emittenti nazionali che si interessarono al caso, che vide protagonisti anche le forze svizzere, paese di residenza e punto di partenza dell’uomo. Stasera, la trasmissione televisiva “Quarto Grado”, in onda su Rete 4, torna in città, con la diretta dal Commissariato di Cerignola, per una cerimonia molto particolare. Infatti, Irina, moglie di Schepp e madre delle gemelline, consegnerà l’auto del marito, un’audi, ai volontari della Misericordie/Protezione Civile Cerignola, per l’impegno profuso nelle ricerche di due anni fa. Un gesto simbolico, che vedrà presenti tra gli altri Alfredo Fabbrocini, Capo della Squadra Mobile di Foggia, che in quelle settimane era costantemente sul campo alla ricerca di indizi utili, la neo Commissario Loreta Colasuonno, Dirigente degli uffici di Cerignola, e Giuseppe Ferrareis, Presidente dell’Associazione Misericordie/Protezione Civile di Cerignola.

19 COMMENTI

  1. Non per essere polemico, ma vorrei precisare che il gruppo di Protezione Civile che intervenne con il gruppo cinofilo fù quello della Protezione Civile città di Cerignola, assieme ad alrti cinofili intervenuti in un secondo momento, e non quello della Misericordie, che ha dato sicuramente il suo contributo, ma non come descritto sopra… se poi sono così convinti di prendersi sto merito e sta donazione…mbè faccino pure…..si fà di tutto pur di apparire…

  2. Caro amico sappi che nulla ad offendere ma le convinzioni sono personali e in questa tragica vicenda nessuno vuole meriti o apparire

  3. Caro Giuseppe, con questo non voglio offendere nessuno e nè parlare della disgrazia, il mio commento è riferito solo all’articolo scritto.E preciso pure che a Genova , sulla nave che ha usato il padre delle piccole per andare in corsica,ci sono andati proprio il gruppo cinofili della P.C città di Cerignola… se qualcuno si è sentito offeso chiedo scusa perche non era nelle mie intenzioni…

  4. Ma pensate alle cose serie, lasciate stare a chi ha dato di più e chi meno, l’importante è che ognuno ha fatto il proprio dovere, e con coscienza, l’auto da 2 soldi che ha lasciato la moglie non ha valore nè simbolico e ne niente secondo me.
    Se si fosse trattato di un auto da 100.000,00 euri …………..
    Da quando sono sparite le bambine, avete sentito o saputo più nulla a riguardo???

    Zero assoluto, nemmeno un cenno a riaprire il caso o le indagini.

    Tirate le somme.

  5. E che importanza ha cosa succede con quella macchina ? Si dovrebbe piuttosto parlare come si potrebbe evitare un tale disastro in futuro – perché ce ne sono anche altri – solo che non se ne parla o non se ne parla più.

  6. Le considerazioni e la valutazione di chi ha fatto più o meno le lasciamo ai posteri. Il gesto della Signora Irina, che ancora una volta mostra compostezza e nobiltà d’animo, dinanzi ad una “personale” tragedia ci deve portare a fare delle considerazioni solidali e dignitose, che gli esseri umani devono ricominciare a fare proprie. In quel triste momento tutti ci eravamo stretti intorno alla disoperazione mnanifesta di questa donna- madre, che in un attimo a causa di un gesto folle dell’Ing.Shepp gli ha distrutto quello che di più caro ha una mamma: i suoi deu angeli. Ma bisogna rivolgere a questa mamma un meritato e doveroso grazie, per la sua nobiltà d’animo. Signora Irina GRAZIE di cuore per aver pensato a noi cittadini di questa comunità.

  7. io ho partecipato alle ricerche delle gemelline insieme ai miei amici e colleghi della PROTEZIONE CIVILE non i ferrareis con le misericordie a noi la macchina non SERVE come potrà capire qualcuno era solo un riconoscimento invece i ferrareis vogliono essere ricompensati pur sapendo di non aver partecipato alle ricerche hanno proprio una bella faccia da c… presentandosi a ritirare quella donazione vergogna ferrareis

  8. Come sempre l’effimero prende il sopravvento sulla umana misericordia, dovreste essere meno ingordi e frivoli non sgomitare per apparire, dovreste gonfiarvi il petto di fierezza, invece conme coniuga una canzone napoletana che recita: magge fa fa na foto.

    Ma come si suol dire questi sono gli uomini di oggi. Ci sentiamo tutti partecipi dei reality: piuttosto di essere è meglio apparire, un po’ come fanno i fantasmi, abitanti del nostro tempo.Vi siete domandati se l’Associazione èpuò fregiarsi del titolo di Protezione Civile?

    A detta delle Istituzioni NO!

    Ma come avviene dalle nostre parti un titolo non si nega a nessuno.

  9. Sig. Antonio ho apprezzato e condiviso il suo pensiero che la maggior parte di noi uomini oggi badiamo solo e soltanto all’APPARIRE e NON all’ESSERE. Io personalmente faccio parte del mondo del volontariato da quasi vent’anni….non sò se ha ricordi della vecchia caserma dei carabinieri in zona San Antonio…a soli 15 anni facevo ripetizione a quei ragazzi…le dico questo perchè chi vive realmente il VOLONTARIATO non bada ai riconoscimenti, ma ogni tanto fa piacere ricevere un grazie… tanto più che meritato per l’impegno profuso… le voglio far notare che i Volontari dell’Ass. P.C. Città di Cerignola, regolarmente ISCRITTA nell’albo REGIONALE a PIENO TITOLO, hanno partecipato attivamente alle ricerche delle gemelline, e sfido chi dice il contrario…non solo… se fa una piccola ricerca su youtube ci sono i video che nostrano i volontari del Gruppo Cinofilo dell’ ass. P.C. Città di Cerignola mentre sono impegnati nelle ricerche…. le faccio notare che un’altra associazione, che pur nel suo piccolo ha collaborato alle ricerche, avrà un merito che in realtà spetta ad altri…
    Gradirei da lettore leggere dei commenti obiettivi con senso di reale criticità, non il classico scrivere tanto per… il gesto fatto dalla signora Schepp è NOBILISSIMO, ma MENO NOBILE è quello di chi si prende dei meriti NON SUOI.

  10. Sono Samantha, mi sorge una domanda dai commenti letti. Come mai tanta cattiveria nei confronti della misericordia, ass. che da quanto letto viene automaticamente associata alla famiglia Ferrareis. Non capisco verso chi sia rivolta la rabbia, se verso il gesto di umana benevolenza nei confronti di un ass. di volontariato, e quindi anche nei confronti di quest’ultimi, o se le critiche sono indirettamente rivolte alla famiglia Ferraresi. In fine non capisco perché non gioire, per il semplice spirito di fraternità tra associazioni di volontariato , per il dono devoluto con tale spirito e desiderio che il servizio prestato in questa situazione possa essere svolto al meglio, magari anche tramite questo sussidio.

  11. sinceramente dopo qualche esperienza nel settore non credo più nel sistema volontariato specialmente in quello del settore sanitario e che girano con ambulanze racimola soldi quelle associazioni che si spacciano dalla parte dei poveri che xrò se non apri il portafoglio non ti degnano di un aiuto… queste sono solo false aziende guidate da gente senza scrupoli ipocriti sempre pronti a mettersi in mostra e guidati non dallo spirito di aiutare il prossimo ma dallo spirito di fare soldi…(per essere accompagnato dalle famose ambulanze dei volontari se per esempio uno sventurato deve arrivare a Milano parliamo di un euro al km considerando andata e ritorno altro che volontariato mi verrebbe da dire strozzini) poi vi siete mai chiesti perché da 20 anni a questa parte ci sono sempre i soliti volti con tutti i loro famigliari ai vertici di queste associazioni lascio trarre a voi le somme…

  12. per quando riguarda l’ASS. protezione civile città di Cerignola una delle poche pienamente in regola mi verrebbe da dire anche una delle più serie viste dal popolo bravi ragazzi continuate cosi e non fatevi contagiare dal denaro

  13. Cari amici della protezione civile di cerignola,vi dovreste molto vergognare x i vostri commenti,voi nn siete veri volontari di protezione civile,ma siete dei comuni cerignolani vestiti cn i colori della vera protezione civile. Il vero volontario della protezione civile pensa solo a fare ciò ke é stato addestrato, cioè quello di aiutare il prossimo senza aprire bocca e nn chi si deve meritare un’auto ke ricorda una tragedia…quindi nn parlate a vanvera ma agite e collaborate cm avete fatto quel giorno x trovare quelle bambine, e nn perdete tempo a parlare male dell’associazione avversaria

  14. protezione civile misericordia volontariato a scopo di lucro e meriti !!!!!!!!!!!
    vergognatevi !!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. spero tanto ke i ferraresi volontariato a conduzione familiare, leggano questi articoli è diano un senso al vero volontariato !!!!

  16. Mi chiamo leonardo e scrivo dalla provincia di pescara dicendo a voi tutti, volontari , se cosi si puo dire , che vi dovreste vergognare a scrivere tante brutte cose o parole, perche’ non e’ da vero volontario di protezione civile o meno vantarsi di servizi prestati ed anche offendere le persone e/o associazioni visto che ho seguito tramite la tv tale caso, al posto vostro mi chiedo come mai le persone offese non vi hanno ancora risposto? Dalle nosre zone vi e’ una grande collaborazione tra associazioni pari a quella familiare………….

  17. Voi che vi fregiate di protezione civile, dove è quali sono i mezzi di protezione civile? Una campagnola? Ciao ciao…

  18. caro paolo forse la faccia di c… l’avrai tu quando e successo la tragedia a voi non vi conosceva ne anche la regione , me lo ha confessato un vostro volontario della pc quindi non parlate a vuoto ha dimenticavo il video del cane è bello ma peccato che non sia vostro ma era d’affitto ,non scrivete delle cavolate ma preghimo tutti e di tutte le associazioni che le due bimbe sono vive ciao

Comments are closed.